Bancarelle di Cola di Rienzo: mezzo passo avanti (ma manca molto)

Per motivi di sicurezza (ignorati da anni) sono state spostate 3 bancarelle in una traversa, dove però ingombrano ugualmente. Per i banchi rimasti bisognerà aspettare fine anno (al meglio)

La notizia l’abbiamo appresa da un tweet della presidente del Municipio I, Lorenza Bonaccorsi:

 

 

Quando l’abbiamo visto abbiamo dato per scontato che le bancarelle di via Cola di Rienzo erano state finalmente spostate altrove, e così devono aver capito i molti in rete che si sono rallegrati della cosa.

Poi però è stato chiarito che lo spostamento ha interessato solo i tre banchi che stazionavano da anni davanti la Coin, mentre per tutti gli altri ci sarà da aspettare probabilmente la fine dell’anno. Così ha spiegato la cosa l’assessore al commercio del Municipio I, Jacopo Scatà il 10 febbraio scorso:

 

Questa mattina la Polizia Locale di Roma Capitale, che ringrazio, ha dato seguito alla determina del Municipio di spostamento dei 3 posteggi di ambulantato lato “Coin” nella limitrofa via Ovidio. Con questo provvedimento restituiamo il marciapiede al decoro ed alla residenzialita’ e, soprattutto, superiamo importanti problemi di sicurezza che insistevano su quel lato della strada.

Ringrazio gli uffici per averci supportato in quello che riteniamo una importante decisione. Decisione che anticipa il piano di riordino di tutto il commercio su area pubblica che stiamo gia’ scrivendo e che sara’ presentato entro la fine dell’anno.
Così si mostrava il tratto di marciapiede davanti Coin lo scorso sabato pomeriggio: finalmente un normale e ampio marciapiede dove le persone possono passeggiare agevolmente.

 

 

Lo spostamento dei tre banchi è senz’altro positivo e va dato atto all’attuale amministrazione municipale di essere riuscita in qualcosa su cui le passate amministrazioni comunale (con l’allora assessore Coia) e municipale (con l’allora presidente Alfonsi) erano riuscite solo a litigare.

Viene poi da ridere a pensare all’ingenua soddisfazione dell’allora assessore Coia che ad agosto dello scorso anno scriveva sulla sua pagina facebook “Vittoria per il decoro a via Cola di Rienzo“, con noi a fare i facili profeti che si trattava dell’ennesimo proclama privo di sostanza.

 

Bene quindi i tre banchi ricollocati, ma vediamo alcuni problemi.

Anzitutto stupisce che per anni la passata amministrazione municipale abbia ignorato gli “… importanti problemi di sicurezza che insistevano su quel lato della strada“, come descritti dall’assessore Scatà. Viene da pensare che, nonostante in Municipio I sia stata confermata la stessa compagine di centrosinistra, deve essere avvenuto un grosso ricambio a tutti i livelli, cosa che farebbe ben sperare per il futuro.

 

Sulla strada sono poi rimaste altre bancarelle, in tutto e per tutto simili a quelle rimosse davanti Coin. C’è da chiedersi se i “problemi di sicurezza” valgano per alcuni e per altri no o se ci sfugge qualcosa.

Questi sono gli altri banchi rimasti sulla strada:

 

 

 

 

 

 

Rattrista il sapere che per queste altre bancarelle bisognerà aspettare la fine dell’anno, ben sapendo che molto probabilmente i tempi si allungheranno ulteriormente.

 

Vediamo poi dove sono stati spostati i tre banchi che erano davanti Coin:

 

 

Gli ambulanti ora sono in via Ovidio, una traversa di via Cola di Rienzo, e come mostra la foto anche lì non è che non creino problemi, anche perché appaiono avere l’odioso vizio di allargarsi sul marciapiede con i loro arredi, lasciando libero uno spazio esiguo. Pessima poi l’usanza di appendere merce e cartelli agli ombrelloni, cosa non consentita.

Visto che ha trovato il modo di spostarli dove davano fastidio, perché il municipio non continua ad invitarli, o obbligarli, a rispettare le norme?

 

Infine rimangono altre postazioni ambulanti in alcune traverse di via Cola di Rienzo che meriterebbero anch’esse una ricollocazione. Eccole:

 

Come si vede la famosa bancarella antistante Tiffany permane lì e non solo degrada un marchio che punta sul prestigio e il lusso (con margini importanti e conseguentemente tasse di tutto rispetto), ma, come mostra la foto che segue, viola anch’essa le norme appendendo merce agli ombrelloni e sostando sistematicamente il proprio furgone in divieto di fermata.

 

 

 

Cogliamo quindi con soddisfazione il piccolo passo avanti fatto a via Cola di Rienzo ma invitiamo l’amministrazione municipale ad andare più decisamente verso il ristabilimento di condizioni di sicurezza e decoro nella zona di via Cola di Rienzo così come in tutto il resto del territorio del Municipio I. Si può cominciare con l’applicare le normative esistenti, in massima parte ignorate da tutti, vigili compresi, intanto che si lavora ad un riordino complessivo del commercio ambulante.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo. Cosa resta delle #amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo #libro di @A_Ambrogetti 👇📰 diarioromano.it/giunte-rosse-d…

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo

Cosa resta delle amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo libro di Andrea Ambrogetti cerca di mettere in luce l’impegno politico e sociale di quei sindaci e assessori e della loro presa sulla memoria collettiva

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close