Atac, il biglietto è già a 2 euro. Tra scarsa trasparenza e indicazioni confuse, tutti i problemi per chi compra il titolo di viaggio

Le nuove macchinette obbligano a un sovraprezzo di 0,50 euro. Col Tap&Go attenzione a usare solo la carta fisica o quella sul telefono. Gli sms spesso inefficienti e costano 0,29 in più

Quanto è facile acquistare e quanto costa veramente un biglietto ATAC?

 

Da tempo l’azienda di trasporti ha messo in atto una campagna di digitalizzazione, riorganizzazione ed efficientamento della rete di vendita. Stampare biglietti e distribuirli per Roma comporta costi e inquinamento. Condividiamo gli obiettivi di questa campagna, ma ci sono ancora diversi aspetti da migliorare, a partire dalla comunicazione all’utenza.

 

Da tempo riceviamo numerose segnalazioni, che vanno ben oltre quella fisiologica percentuale di “errore” che ci si può aspettare quando si ha a che fare con grandi numeri. Per intenderci, nel 2022 sono stati acquistati oltre 65 Milioni di Biglietti Integrati a Tempo (BIT), quelli classici da 1,50€. Vediamo di seguito le varie modalità di acquisto, spesso non tutte conosciute, e le varie criticità riscontrate.

TAP&GO

Utilizzabile ai tornelli Metro e sui bus. Basta avere una carta di credito (anche prepagata) o un bancomat contactless abilitato ai pagamenti offline (OTA).

L’utilizzo è esclusivamente individuale con la carta di cui si è titolare. Non è utilizzabile per pagare il biglietto ad altre persone. Non è utilizzabile sui treni Regionali Trenitalia. Sui mezzi Cotral e sulle ferrovie Roma-Lido e Roma-Viterbo bisogna scaricare l’app Tap & Go (solo per dispositivi Android con NFC), necessaria per il controllo a bordo.

Un’ulteriore limitazione a cui bisogna fare molta attenzione: la carta fisica e la medesima carta digitalizzata su smartphone non sono equivalenti. Per gli abbonamenti mensili bisogna usare sempre la carta fisica con cui si è acquistato l’abbonamento. Se invece si effettuano solo viaggi singoli, va usato sempre lo stesso supporto nell’ambito dello stesso viaggio (sempre la carta fisica o sempre quella digitalizzata), o si avranno addebiti duplicati.

Alcune banche pre-addebitano 7,00 € al primo “tap”, per poi fare i conti sui viaggi effettivamente svolti ed addebitare la cifra corretta.

Diverse segnalazioni hanno riguardato anche dispositivi TAP&GO non funzionanti su bus e tram.

SMS&GO

Costo: 1,79 €  (1,50€ + commissione di 0,29 €) solo per operatori TIM, Vodafone e WINDTRE, inviando un SMS al numero 48018 con le parole chiave “BIT” , “GAJARDO”, “ANVEDI” o “DAJE”, e addebito sul credito telefonico. Si riceve un link al biglietto digitale in formato QRcode, utilizzabile sui tornelli dotati di lettore B+.

Poiché funziona esclusivamente con rete dati internet (non funziona in wi-fi), il servizio potrebbe non essere disponibile in tutte le stazioni Metro (in particolare nelle stazioni Alessandrino, Malatesta e Gardenie della Linea C, e nelle stazioni Conca d’oro e Jonio della linea B1).

 

Le altre app che permettono l’acquisto di biglietti digitalizzati da usare col sistema B+ sono:

  • MooneyGo (unica che permette di acquistare anche l’abbonamento annuale)
  • TABNET
  • TicketAppy
  • DropPay
  • Telepass Pay X (che non richiede l’utilizzo di carte)

Con queste app si ottiene un QRCode (se c’è rete dati); il biglietto va poi attivato, ed in Metro si ha tempo fino a due minuti per accedere, tempo oltre il quale i tornelli non si aprono più.

Numerose le segnalazioni per il malfunzionamento o guasto del lettore B+ in diverse stazioni Metro.

 

Macchinette Emettitrici di Biglietti

Sono la vera nota dolente. ATAC sta sostituendo tutte le vecchie macchinette, presenti principalmente nelle stazioni Metro, e con le nuove non è più possibile comprare il semplice biglietto da 1,50€. Il primo acquisto prevede infatti un sovrapprezzo di +0,50 euro per il costo della card ricaricabile (cartacea), per un totale di 2,00 €.

Inoltre non è ben evidenziato che per fare 2 o più viaggi basta comprare 1 solo biglietto (a 2 euro) e poi procedere a ricaricarlo al prezzo normale di 1,50 € a biglietto.

Il sovrapprezzo è scritto in caratteri minuscoli, mentre il prezzo che appare in caratteri più grandi non è quello finale, e questa non sembra una pratica molto trasparente. Ad esempio il prezzo che pagherete realmente per 2-BIT è di 3,50€ e non di 3,00 € come potrebbe sembrare ad uno sguardo frettoloso nella schermata qui sotto.

 

Un classico errore che si può osservare alle macchinette Metro A e B di Termini, commesso non solo da turisti ma anche da cittadini romani che non sono utenti abituali, è quello di comprare (inutilmente) più biglietti a 2 euro. Ad esempio una famigliola di turisti di passaggio che aveva bisogno solo di 3 biglietti per l’andata e 3 per il ritorno, ha speso 12 euro (anziché i 9,00 € che avrebbe pagato in edicola, o i 10,50 € che avrebbe pagato con la procedura corretta ma non chiara).

Solo alcune macchinette accettano i contanti, altrimenti serve la carta di credito o bancomat.

 

Al momento ci sono dei titoli di viaggio in “PROMO” senza sovrapprezzo, ma ad esempio il “pacchetto” da 5 BIT è comunque personale,  quindi tutti gli utenti di passaggio od occasionali sono costretti a pagare 2 euro per 1 biglietto.

 

Chiediamo quindi alla Regione Lazio, in qualità di responsabile delle tariffe, che intervenga su Comune ed ATAC affinché venga fatta massima trasparenza su questa pratica di far pagare un sovrapprezzo, al Comune se ritiene corretta e se ha condiviso questa procedura, ad ATAC che metta diciture e scritte più chiare e senza minuscolo sulle macchinette, e chiarisca chi incassa l’extra di 0,50€ e a che titolo.

Infine, che vengano risolte al più presto tutte le criticità evidenziate con gli altri metodi di acquisto, anche e non solo in vista del Giubileo 2025.

 

 

 

 

 

 

 

Condividi:

2 risposte

  1. La situazione è rimasta invariata mi pare. Da ATAC e Comune (Zannola, gruppo consiliare del PD in Campidoglio ecc) nessuna risposta. La stessa presidente dell’assemblea capitolina Celli non mi pare interessata alla faccenda. Io stesso ci ho rimesso in due occasioni (metro Cipro e metro Numidio Quadraro).
    Rimango sempre più convinto del fatto che con Gualtieri Sindaco sia calato uno stato di sopore generalizzato in primis sui blog di denuncia che in altri tempi facevano le pulci in modo più veemente verso il sindaco.
    Una città che incassa oltre 100 milioni di euro dall’imposta di soggiorno, 130 milioni di euro dai proventi delle multe per violazione del CdS, senza contare la TaRi tra le più salate d’Italia, dall’addizionale comunale IRPEF (ogni mese quasi 50€ dalla busta paga), dall’imposta municipale unica ex ICI e potrei continuare con altri svariati esempi di imposte comunali, non è in grado di offrire servizi adeguati alla Comunità.
    Una città che MAI avrebbe potuto ospitare Expo2030.

  2. Per errore ho comprato 5 biglietti da 2 euro e non riesco entrare in Meteo. Poi utilizzo il biglietto ricaricabile per comprare un biglietto da €1,50(menomale ho trovato le monete 😜 per pagare, altrimenti accetta soltanto la Card). Chi ha messo questa sistema sicuramente è un pazzo e non ha minima della logica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Solo i vigili non conoscono il parcheggio serale di largo Goldoni, probabilmente degli avventori di un noto locale.
Dal 2019 lo segnaliamo ma il malcostume impera indisturbato. Che poi una multa equivarrebbe alla mancia al ristorante …
#fotodelgiorno

Il primo e vero Ponte di Castel Giubileo, nascosto oggi da un viadotto del GRA. Quel che resta della passerella in ferro, protagonista durante la seconda guerra mondiale e comparsa in diversi film del ‘900. Un racconto di Lorenzo Grassi.

Roma Capìta, un podcast per capirci qualcosa in più.
I ragazzi di Roma Smistamento pubblicano su Spotify e sui loro social un approfondimento da non perdere su quello che accade nella Capitale. Questo mese ospite anche Diarioromano.
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria