Rivoluzione viabilità a viale Castrense entro fine anno

Il tratto di viale Castrense che verrà pedonalizzato

 

Una rivoluzione che cambierà la circolazione di un intero quadrante interessando migliaia di veicoli che ogni ora, provenendo dalla Tangenziale Est, si dirigono verso via Magna Grecia e l’Eur. L’ultimo tratto di viale Castrense verrà pedonalizzato, mentre via La Spezia e via Taranto diventeranno a senso unico.

Il nuovo piano del traffico a San Giovanni, voluto dall’assessorato capitolino ai Trasporti e ideato da Roma Mobilità, dovrebbe essere completato entro la fine dell’anno mentre per la creazione del nuovo Parco delle Mura occorrerà attendere più tempo. I primi cantieri interesseranno viale Castrense, nella parte compresa tra via Nola e piazzale Appio: qui le auto non potranno più accedere e verrà realizzato un parco lineare che si collegherà a quello di via Carlo Felice che si trova da lato opposto delle Mura Aureliane.

Questo costringerà l’enorme flusso di veicoli in arrivo dalla Tangenziale Est a girare a sinistra su via Nola e poi immettersi su via La Spezia per raggiungere piazzale Appio. Per ridurre la congestione del traffico, via La Spezia diventerà a senso unico, con tre corsie di cui una riservata ai mezzi pubblici. In direzione opposta, chi deve raggiungere la Tangenziale dovrà percorrere via Taranto, anch’essa trasformata in senso unico a tre corsie.

Il progetto non convince i residenti e in particolare il Comitato San Giovanni che teme una trasformazione dei due assi in autostrade urbane. “Tornare nelle nostre abitazioni diventerà molto complicato – si legge nel sito web del Comitato – tanto che per fare inversione di marcia sarà necessario arrivare fino a piazza Tuscolo o via Veio, aumentando l’inquinamento”. Ma i tecnici del Comune non sembrano voler indietreggiare, anzi cercano di tranquillizzare i residenti con una serie di opere a loro dedicate. In particolare due piste ciclabili, una su via Taranto e una su via La Spezia con partenza da largo Brindisi.

E proprio largo Brindisi verrà pedonalizzato in modo da facilitare l’accesso alla nuova fermata della metropolitana per lo scambio tra linea A e linea C. Inoltre, in tutte le strade interessate dai lavori, verranno ridisegnati i marciapiedi, sistemata la segnaletica, sostituiti i semafori e installati nuovi parapedonali. A ridosso della stazione della metropolitana è previsto un parcheggio per 40 biciclette recintato e accessibile solo dai chi ha la tessera Metrebus.

Accanto ai residenti che contestano il progetto, ve ne sono altri che lo approvano tanto da averlo presentato tra le proposte del Pums, il piano urbano per la mobilità sostenibile che ha raccolto le idee dei cittadini. Ma il risultato finale non è scontato: oggi per percorrere i 1600 metri che separano la Tangenziale Est da San Giovanni si impiegano in media 15 minuti. Il nuovo assetto implica un allungamento del percorso, scrive Roma Mobilità nella sua relazione, ma lo rende più fluido. La prova l’avremo solo a lavori ultimati.

Condividi:

5 risposte

  1. Non mi sembra una buona idea spostare il traffico da viale Castrense, dove non ci sono abitazioni, a via La Spezia, dove invece le abitazioni sono tante. Capisco le perplessità dei residenti.

  2. L’idea è proprio infelice, fatta per complicare la vita agli abitanti ed alle persone che lavorano. Non vedo alcun vantaggio, qui si ripete la storia delle strade verdi volute da Tocci, un insuccesso che ha condannato gli abitanti intorno Viale Libia, ad un inferno, per pochi metri di viabilità senza senso. Decisione voluta dall’alto, che poi ci sia qualcuno favorevole non mi meraviglia, di certo non abita in zona Questa è la solita dittatura ecologista, immaginaria ed arrogante, che impone scelte cervellotiche e dannose, sulla pelle di tutti gli altri, è ora di dire basta!

  3. Condivido in pieno le idee di Rocco ,chi ha queste idee non abita in zona, lasciassero.parlare i residenti.Grazie 7mariateresa

  4. La somministrazione di questionari agli abitanti della zona da parte del Comitato Villa Fiorelli ha dato risultati netti: l’80% dice NO alla chiusura di viale Castrense. Tutto il traffico ora assorbito dalla strada (abitata da poche persone) finirebbe su via La Spezia e altre strade della zona, ne siamo certi !

  5. Così facendo togliamo ben oltre 250 posti auto che sono vitali per la nostra zona. Ma avete mai visto quante auto parcheggiano su viale Castrense? e su Via Taranto davanti alla Posta Centrale? Con il nuovo piano siamo a soli 10 sottolineo 10 davanti alla posta e niente (ora più di 150) su Viale Castrense. E poi, davanti alla scuola Carducci come si potranno lasciare i bambini se è prevista la corsia preferenziale degli autobus? Inoltre se ho capito bene niente parcheggi su via Monza per favorire corsie di traffico per e da la Tangenziale.
    Però abbiamo la pista ciclabile per fare il giro del palazzo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#Rinnovabili: l’ambizioso piano di Zingaretti, le utopie e la realtà. Secondo il presidente della Regione, entro il 2050 il Lazio sarà alimentato solo da energia green... 👇📰 diarioromano.it/rinnovabili-la…

Sant’Angela Merici: chiudete la buca. Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra Circ.ne Nomentana e via Sant’Angela Merici. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Sant’Angela Merici: chiudete la buca.
Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra https://t.co/e5YgpquKdc Nomentana e via Sant’Angela Merici.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/gYlcl40gbj

E se i Tredicine restituissero la festa della Befana ai #romani? Col bando del 2017 la festa della Befana di piazza Navona è praticamente morta... 👇📰 diarioromano.it/e-se-i-tredici…

Come stupirsi se poi qualcuno pensa anche di farsi un bagnetto nelle fontane, a soli €400 (ammesso che ti becchino i vigili)? @lorenzabo @gualtierieurope twitter.com/DavideR4632561…

Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio. Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio.
Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/qJDaqV5utj

Segnaliamo il commento dell'arch. Paolo Gelsomini, di @carteinregola, sulla delibera di Giunta capitolina che istituisce il laboratorio #Roma050, coordinato dall'arch. @StefanoBoeri. carteinregola.it/index.php/quei…

Gualtieri ha presentato il nuovo piano #rifiuti con obiettivi al 2030. Ma l’oggi? Per conoscere come ridurre e differenziare i rifiuti occorre aspettare il piano industriale di AMA... 👇📰 diarioromano.it/gualtieri-ha-p…

Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo? Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo?
Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/hyqv8r6Xo3
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close