Diarioromano

Città in rovina – Il palazzo di via dei Delfini

2 Commenti

Via dei Delfini collega piazza Margana e via dei Funari, al confine tra il rione Sant’Angelo e Campitelli, e deve il nome al palazzo che la famiglia Delfini qui aveva (oggi al civico 16).

Sul tratto terminale della strada, quando si congiunge con via dei Funari, si può apprezzare oggi un edificio abbandonato, con i portoni in legno a deteriorarsi e le finestre sigillate da lastre metalliche. Qualche foto.

 

delfi2

delfi1

delfi3

Non è dato di sapere di chi sia la proprietà dello stabile; c’è da scommettere che faccia capo a qualche ente pubblico, giacché difficilmente un privato manderebbe in rovina un immobile localizzato in posizione tanto centrale.

Peraltro questo palazzo ha anche un interessante aspetto storico, essendovi nato il poeta romanesco Giggi Zanazzo. La cosa è ricordata dal piccolo monumento installato sul lato del palazzo che dà verso la chiesa di S. Caterina dei Funari.

 

delfi5

L’iscrizione centrale del monumento recita:

Al poeta Giggi Zanazzo che dell’anima popolare romana seppe esprimere il riso e la tenerezza con accenti d’arte non perituri, i concittadini memori XXXI gennaio MCMXXIX

Mentre sul lato destro sono riprodotti alcuni versi del poeta:

Da la loggetta di casa mia m’affaccio e guardo giù vedo la strada vedo la piazzetta …“.

 

Chissà che direbbe il poeta Giggi se vedesse com’è ridotto oggi il palazzo in cui nacque, ennesimo esempio di una società incapace di gestire gli aspetti più elementari del proprio patrimonio immobiliare. C’è da scommettere in un semplice ma sempre efficace “l’anima de li mortacci vostri!“.

Ancora una volta stiamo qui a ripetere che ognuno è padrone di farci quello che vuole con le sue proprietà, anche lasciarle inutilizzate quando invece renderebbero una fortuna. Quello che però è inaccettabile è che le proprietà vengano lasciate a marcire causando degrado e pericoli ai vicini e a tutta l’area.

A quando norme comunali che obblighino i proprietari a tenere in ordine gli stabili, con sanzioni amministrative che rendano conveniente una normale manutenzione? Se ne gioverebbe la città e la cosa costituirebbe uno stimolo all’ormai asfittica edilizia romana. Un’idea che il neo assessore Paolo Berdini dovrebbe ben comprendere: anche questa è rigenerazione urbana.

 


 

Clicca qui per le precedenti puntate di Città in rovina

Se hai trovato l'articolo interessante, condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Anthony

    Al mio parere quasi tutto l’isolato appartiene al Museo Nazionale Romano, sede Crypta Balbi, e si stanno svolgendo indagini archeologiche dentro l’isolato. Visto la carenza di soldi dati per questo tipo di lavoro, non sorprende tanto l’abbandono degli edifici: però una parte ha già la facciata restaurata, anche se, guardando dentro tramite una finestra, si rende conto che non ci sono più i piani.

  2. Luisa costantin

    Vai a lavorare Roberto …basta rompere le scatole ..gia che sei ricco restaura tu

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Acea lascia al buio troppe strade. L'azienda, che si vanta per la sua nuova app, dimentica l'illuminazione pubblica… twitter.com/i/web/status/8…

Non si vergogna @virginiaraggi di essere Sindaco di una città dove la stessa linea di TPL viene deviata ogni giorno… twitter.com/i/web/status/8…

Il video dell'uomo che caccia la rom da Metro A. Esasperazione comprensibile. Ma giustizia fai da te non è soluzion… twitter.com/i/web/status/8…

Basta un cretino in sosta selvaggia per bloccare linea #atac. Solo aumento bus non serve @EnricoStefano @LindaMeleotwitter.com/i/web/status/8…

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.