Raggi visita il deposito metro ma non una parola sui vandali

Ignazio Marino aveva commesso un errore simile due anni fa e i blog non lo perdonarono. Si era fatto fotografare tutto contento accanto ad una spazzatrice Ama imbrattata dai graffiti per lanciare un nuovo servizio dell’azienda. Neanche per una foto con il Sindaco questa città riuscì a mostrare il suo volto migliore. E l’ex primo cittadino fu criticato dai blog antidegrado.

marino spazzatrice

 

Per par condicio non possiamo notare che Virginia Raggi, a distanza di due anni, è inciampata nello stesso tranello. Ha fatto visita al deposito Atac della Magliana e ha passeggiato in mezzo a lunghi treni della metropolitana completamente ricoperti da scritte vandaliche. Ma non una parola, una dichiarazione, un’espressione di sdegno nei confronti di una vera e propria piaga che costa milioni di euro alle disastrate casse Atac.

raggi metropolitana

 

Sul suo profilo Facebook la Sindaca ha saputo scrivere solo banalità e frasi fatte sull’abbandono dell’Azienda. Impegni generici per risanarla quando in Atac occorre una vera cura da cavallo a partire proprio dal vandalismo che ha distrutto tutti i vagoni della metropolitana, dentro e fuori e la gran parte dei vetri dei bus (perfino quelli nuovi sono stati imbrattati con l’acido indelebile).

Ed è proprio il deposito Magliana che la Sindaca ha visitato assieme all’Assessore Meleo e al presidente della commissione trasporti Stefàno ad essere il cuore di questi gesti vigliacchi. La notte decine di writers, provenienti non solo da Roma, si introducono indisturbati e – armati di bombolette – arrivano a coprire perfino i vetri dei conducenti. Troppe volte al mattino i treni sono inutilizzabili e non possono entrare in servizio perchè i vetri frontali hanno perso ogni trasparenza. Un danno grave quindi per la cittadinanza, sia indiretto per i costi che si devono affrontare per la ripulitura, sia diretto per il mancato servizio dei treni.

Per non parlare del fattore sicurezza: in strada mandiamo forze di polizia e militari per vigilare la nostra città, soldati che presidiano le fermate metro e poi chiunque – anche il terrorista più feroce – può infilarsi liberamente nel deposito Magliana, piazzare una bomba sotto un vagone e causare una strage.
Potremmo raccontare degli assurdi premi di produzione (!!) che la nuova dirigenza Atac targata 5stelle ha deciso di pagare a 50 dirigenti ai quali sono stati regalati 2 milioni di euro. Dei turni nullafacenti che Atac ha permesso nei giorni di Natale e Capodanno ai suoi dipendenti mentre tutte le altre città del mondo offrivano servizi 24 ore su 24. O anche del fatto che non ci sono più i soldi per pagare i vigilanti privati che aprono e chiudono le stazioni metro e presto uno sciopero potrebbe paralizzare il servizio.

Ma se non si parte proprio dai problemi più visibili, dai graffiti che fanno sembrare i nostri mezzi di trasporto peggiori del vecchio Bronx anni 70, non ci sarà mai vero risanamento. Gli occhi della Sindaca continuano ad ignorare i temi del decoro, come se gli elettori non le avessero dato il mandato di riportare Roma ad un grado minimo di civiltà. Eppure chiunque entrando in quel deposito si sarebbe accorto che il vandalismo è il protagonista. Chiunque meno chi governa oggi il Campidoglio.

 

Condividi:

2 risposte

  1. non è colpa sua. la poverina non ci arriva proprio e purtroppo si attornia di yes men che hanno paura a contraddirla.
    prima toglie il disturbo meglio è per tutti … anche per lei

  2. MILIONI DI EURO DI DANNNNI
    ahahah ma dove sta scritto che ci vogliono milioni? I macchinari ed il personale sono già li per la regolare pulizia dei convogli, il cui costo non super quello di un paio di centinaia di euro a treno per la pulizia che, ripeto, va COMUNQUE effettuata periodicamente, con o senza graffiti. Iniziate a pensare ai problemi seri invece di scaricare i barili sul culo degli altri e lamentarvi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Perché @PLRomaCapitale non dedica un paio dì pattuglie in bici al controllo delle ciclabili? Che fine hanno fatto i mezzi a due ruote periodicamente sfoggiati nelle parate? @gualtierieurope twitter.com/marcolatini19/…

L’inutilità dei vigili agli incroci: a viale Manzoni-via Emanuele Filiberto tengono fermi due bus al semaforo per 4/5 minuti, a via Merulana non gestiscono veicoli che bloccano i bus. C’è qualcuno che gli spiega come comportarsi o improvvisano?

Forse qualcuno dovrebbe spiegare all'architetto che il muro non serve a cingere il giardino bensì proprio a crearlo, ossia a contenere la terra dove mettere le piante. Quello che doveva essere un parcheggio interrato è venuto un po' fuori terra e da qui la necessità del muro. twitter.com/rep_roma/statu…

Piano per la #mobilità durante le festività natalizie: il migliore da molti anni, nonostante qualche ombra. Per la prima volta viene prevista l'attivazione fissa delle #ZTL e i collegamenti con alcuni parcheggi... 👇📰 diarioromano.it/piano-per-la-m…

#Domenica di giochi a villa Ada per i bambini. La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto

test Twitter Media - #Domenica di giochi a villa Ada per i bambini.
La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto https://t.co/H3ClE8Wsnz
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Colonna della Pace, in abbandono

Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c’è l’unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla.

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close