Era una delle stazioni romane più devastate. Quando inviammo la segnalazione e le foto alle Ferrovie e al Municipio, due diversi funzionari ci risposero sbigottiti, quasi come se vivessero in un’altra città. Era il settembre del 2013 e su bastacartelloni pubblicammo le foto di un luogo assurdo, al confine del mondo civile. Ecco qualche ricordo dell’orrore.

Nomentana Stazione 2

Nomentana Stazione 4

 

Nel giugno del 2014, uno di quei funzionari ci scrisse di aver fatto ripulire la stazione e in effetti documentammo un netto miglioramento. Almeno gli orari dei treni erano leggibili e non sembrava più di entrare in un antro infernale (nel collage il prima e il dopo).

 

Nomentana collage

Nomentana collage 2

 

Ma la vera sorpresa arriva in questi giorni quando, nell’ambito di un piano di riqualificazione di alcune stazioni più degradate, Fs ha deciso di affidare ad alcuni artisti la realizzazione di graffiti di qualità. Non tutte le opere sono finite e alcuni sono ancora al lavoro con pennelli e bombolette, ma entrare nel tunnel che si apre su viale Etiopia è ora un’esperienza sensoriale.

Graffiti bellissimi accompagnano il viaggiatore lungo un percorso che si dirama nei diversi binari. Si nota la mano differente di ciascun artista, ognuno col suo stile e una scelta di colori personale. Ma l’effetto di insieme è gioioso e vivace. Ecco le opere che abbiamo fotografato, alcune ancora fresche o addirittura incomplete, perchè in via di realizzazione.

 

Graffiti stazione Nomentana

Graffiti stazione Nomentana2

Graffiti stazione Nomentana3

Graffiti stazione Nomentana4

 

Ci sono le firme di alcuni autori più noti e altri alle prime armi. Ma tutti con un talento particolare, come quest’ultima gigante opera che sovrasta l’ingresso da viale Etiopia: un giovane che si tiene in bilico sulle ruote con la città sullo sfondo, un cielo rosso carico di speranza. Davvero suggestiva.

 

Graffiti Nomentana

Graffiti Nomentana2

Graffiti Nomentana4

 

 

Messaggi a difesa della natura: dai delfini che devono nuotare liberi ai fiori che ci sorridono se li tuteliamo dall’inquinamento. I volti dei viaggiatori sono sorpresi positivamente e molti si fermano ad ammirare laddove prima correvano per evitare le tags lasciate dai soliti idioti.

Cosa succederà nei prossimi mesi alla stazione Nomentana? Verranno rispettate le magnifiche opere realizzate da giovani di talento o gli invidiosi taggaroli le rovineranno con firme senza senso e frasi coatte? E’ l’ennesima prova del grado di civiltà di Roma. Molto basso, lo sappiamo, ma sperare in un’eccezione fa sempre bene.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Noi facciamo richiesta formale al Dip. Ambiente, ma non sarebbe meglio che l’assessore @Sabrinalfonsi spiegasse subito cosa sta succedendo con le fototrappole? Tanto più se non c’è nulla da nascondere. twitter.com/diarioromano/s…

@rcalcina @comuneroma @ComunediTrieste Lo potevi fare con un comandante vigili serio e onesto e osteggiato come quello scelto da Marino quando iosegnalo funzionava poi adesso neppure più sistema funziona. Tralasciando quando ti contatta vano minacciando anche parenti vigili perché lavoravano troppo... Retweeted by diarioromano

Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche. Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche.

Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/OidSLFYrT1

Semplicemente sconfortante, segno che in fondo nulla è ancora cambiato. @gualtierieurope twitter.com/battaglia_pers…

@gualtierieurope @Corriere A proposito di rifiuti, ha forse chiarito la questione delle fototrappole tutte disattivate? Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close