Qualche giorno fa abbiamo ricevuto le foto che seguono e ci si è gelato il sangue:

hotdog

hotdog2

Si tratta di un venditore di hot dog che “indossa” tutto l’occorrente per la preparazione dei panini, incluso il fornello dove cuocere i wurstel con la relativa bombola a gas per alimentarlo. Chi ha scattato le foto ci ha detto che il tipo accetta anche pagamenti con carte di credito e bancomat, segno che ci troviamo di fronte non all’ultimo degli sprovveduti ma probabilmente ad un’organizzazione ben preparata.

Si riconoscerà lo sfondo delle arcate del Colosseo, per cui il tipo si era scelto una postazione di sicuro valore, anche se immaginiamo che costui non si sia peritato di chiedere alcuna autorizzazione. Non ci risulta infatti che un tale tipo di attività sia consentita dalle legislazioni vigenti, che impongono agli esercenti del settore “food” regole strettissime. Ci troviamo quindi di fronte con tutta probabilità all’ennesimo tentativo di approfittare dei controlli laschi che stanno caratterizzando il momento attuale a Roma per lucrare con attività che dire indecenti è dir poco.

 

Un altro esempio affine a quello appena illustrato è dato dall’immagine che segue:

t-burger

In questo caso ci troviamo di fronte ad un’attività food presunta di qualità ma che lascia molto perplessi rispetto alla sua possibilità di operare secondo le norme vigenti. Questa attività appare ben organizzata, con tanto di sito web molto ben fatto che fornisce informazioni sulle prossime date e luoghi dove incontrare la “t-burger station”.

Ma pur volendo considerare questo come un tentativo per migliorare la qualità dell’offerta commerciale a Roma, assumendo che esso non presenti alcuna autorizzazione, non possiamo non insorgere per l’ennesimo esempio di come a Roma la legalità in materia di commercio sia a livelli minimi.

Probabilmente vi è da rivedere tutta la normativa che regola il commercio su area pubblica, per renderlo un’opportunità per la città di Roma e non una gallina dalle uova d’oro per pochi (fornendo per di più un servizio scadente), e per questo occorrerà aspettare il nuovo governo cittadino che uscirà dalle elezioni.

Nel frattempo però che qualcuno dia una svegliata ai vigili affinché contrastino questi tentativi “creativi” di forzare le norme, altrimenti ci si ritroverà in pieno far west da street food.

Condividi:

2 risposte

  1. ma roba da pazzi! addirittura con la bombola del gas sulle spalle! (pericolosissimo!) Poichè trattasi anche di tutela della pubblica incolumità e sicurezza dei cittadini può intervenire sia il Prefetto, sia le forze dell’ordine, sia il Commissario Tronca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Laurentino: il nuovo parco dedicato a Luca Petrucci. E’ stato inaugurato ieri dal presidente del Lazio Zingaretti. Era in abbandono e ora ospita campo da calcetto e giochi per bambini. Petrucci fu presidente Ater #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Laurentino: il nuovo parco dedicato a Luca Petrucci.

E’ stato inaugurato ieri dal presidente del Lazio Zingaretti. Era in abbandono e ora ospita campo da calcetto e giochi per bambini. Petrucci fu presidente Ater
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/l6kD0m6O22

Roma ha il record europeo di #monopattini parcheggiati male I dati di Consumerismo No Profit mettono a paragone le capitali europee. Le linee guida previste dal #Campidoglio per risolvere la questione dal 2023 👇📰 diarioromano.it/roma-ha-il-rec…

Perché chi transita sulla corsia d’emergenza la fa sempre franca? Quando si potrà vedere un serio contrasto al malcostume di saltare le file sul GRA transitando sulla corsia d’emergenza? Ci sarebbe la hola per le pattuglie! #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Perché chi transita sulla corsia d’emergenza la fa sempre franca?

Quando si potrà vedere un serio contrasto al malcostume di saltare le file sul GRA transitando sulla corsia d’emergenza? Ci sarebbe la hola per le pattuglie!
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/AoiwjZlf2l

Cinema Metropolitan: per la #Regione Lazio il progetto di riconversione è da rifare. La trasformazione bocciata perché prevedeva una quota di commerciale del 90%, in contrasto con la normativa regionale sui #cinema che concede al massimo il 30% 👇📰 diarioromano.it/cinema-metropo…

Il murales per Alfredino finanziato dai residenti. L’opera, in piazza Carbonara alla Garbatella, ricorda la tragedia avvenuta nel 1981 del bimbo caduto nel pozzo. E’ frutto di una raccolta durata mesi su una piattaforma on line. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Il murales per Alfredino finanziato dai residenti.

L’opera, in piazza Carbonara alla Garbatella, ricorda la tragedia avvenuta nel 1981 del bimbo caduto nel pozzo. E’ frutto di una raccolta durata mesi su una piattaforma on line.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HsTVsNZAG2
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close