Casale Strozzi, la splendida residenza del XVI secolo dimenticata

All'interno del Parco Teulada, la villa di proprietà del demanio è in abbandono. Fu progettata da Giacomo del Duca, allievo di Michelangelo. Senza un intervento rischia di crollare

 

Se non fosse per il rumore del traffico in sottofondo, sembrerebbe di trovarsi di fronte ad uno splendido casale immerso nella campagna toscana. Circondato dal verde, alle pendici di Monte Mario, Casale Strozzi non nasconde il tocco dell’artista che lo ha ideato e realizzato. Giacomo del Duca era uno scultore e architetto ed aveva imparato il mestiere da un maestro d’eccezione: Michelangelo Buonarroti.

Gli Strozzi, possidenti toscani, nella metà del XVI secolo decisero di costruire una residenza a Roma. Incaricarono del Duca di realizzare una villa signorile circondata da due casali. La villa oggi non c’è più ma i casali sono rimasti e sono stati separati dalla Panoramica, la strada di scorrimento che porta sul Monte.

Uno dei due ospita l’Organizzazione per le Migrazioni. L’altro, inglobato dentro Parco Teulada, sta finendo in rovina. L’Agenzia del Demanio ne è proprietaria e se ne disinteressa da anni. Nel 2016 aveva sottoscritto un accordo per concederne l’uso al Corpo Forestale dello Stato. Nel casale, però, non si è mai visto neanche un agente.

 

I senzatetto che nei mesi più caldi alloggiano nel parco, usano le storiche mura dell’edificio come latrina. Il comitato di quartiere “Trionfalmente 17” lotta da anni perché sia trasformato in una biblioteca e dalla stessa parte si è schierato l’assessore al Bilancio del Municipio I, Jacopo Scatà, che da consigliere municipale aveva sollecitato il recupero del Casale.

Vogliamo inserire il progetto nel Pnrr perché è un casale vincolato posto all’interno di una riserva naturale, dunque non potrà mai essere abbattuto“, aveva dichiarato Scatà alcune settimane fa ad un quotidiano.

Ad oggi sono solo i residenti a garantire un minimo di tutela dell’edificio. Si sono rimboccati le maniche e hanno rimosso una grande quantità di rifiuti che lo circondava. L’ultimo appello i cittadini l’hanno lanciato a maggio scorso: “Inondiamo di mail il Ministero dei Beni Culturali e chiediamo la salvaguardia di questo casale prima che sia troppo tardi“, scrivevano sul blog del Comitato. Il timore è che la struttura in mattoni possa cedere sotto il peso del tempo senza una adeguata manutenzione.

 

L’esempio da seguire, secondo il Comitato, è quello del Casale del Giannotto al parco del Pineto, che nel 2006 fu ristrutturato per ospitare la biblioteca del quartiere. Il Casale Strozzi, invece, nonostante si trovi a un passo dalla Rai, dal Tribunale e dagli uffici di Roma Natura sembra non interessare a nessuno.


 

Per le precedenti puntate di Città in rovina, clicca qui

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo. Cosa resta delle #amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo #libro di @A_Ambrogetti 👇📰 diarioromano.it/giunte-rosse-d…

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo

Cosa resta delle amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo libro di Andrea Ambrogetti cerca di mettere in luce l’impegno politico e sociale di quei sindaci e assessori e della loro presa sulla memoria collettiva

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close