Ieri avevamo dato conto ancora una volta della situazione in piazza S. Maria Maggiore, dove due bancarelle hanno sequestrato un intero marciapiede da anni ed utilizzano la sede stradale come un parcheggio privato.

 

SMMa2

Come avevamo spiegato, in realtà su quel lato vige un divieto di fermata ma misteriosamente la segnaletica è stata letteralmente segata e quindi i vigili hanno buon gioco a dire che non possono sanzionare i veicoli in sosta (che poi non è che si sbraccino per far rispettare lo stesso divieto sul resto della piazza, laddove i segnali ci sono, ma questa è storia vecchia).

Ebbene sarà per il nostro post o sarà che passati mesi dalle nostre prime segnalazioni (iniziammo ad agosto) le procedure stanno venendo a maturazione, in ogni caso ieri si è notato un primo cambiamento. Ci è stato infatti segnalato che ieri sera il furgone bianco, quello che da anni immancabilmente sosta lì insieme a quello scuro, non era presente.

 

SMMb1

Inoltre è stato notato, annegato tra i banchi e le auto in sosta, un timido segnale di divieto di fermata di quelli volanti.

SMMb2

C’è da dire che fa quasi tenerezza quel segnale, con i tanti veicoli parcheggiati a pettine, a coltello , in doppia fila che ne decretano l’inutilità; ma purtroppo questo non è uno spettacolo inusuale a Roma.

Siccome noi tendiamo ad essere ottimisti, diciamo che cogliamo positivamente il qualcosa che si sta muovendo su quel disgraziato marciapiede. Vedremo nei prossimi giorni se l’assenza del furgone bianco era solo un caso (magari era in riparazione) e se il segnale di divieto era capitato lì per sbaglio.

 

A chi ci trovasse ripetitivi sulla storia di questo marciapiede, magari obiettando che Roma è tutta in queste condizioni, facciamo presente che per quanto possibile noi cerchiamo situazioni emblematiche di un certo problema. Sappiamo bene quante decine (centinaia?) di casi esistono di bancarelle che sequestrano il marciapiede ed invadono la strada con i loro furgoni, ma se questo viene tollerato di fronte ad una della quattro basiliche maggiori di Roma, una di quelle che sarà il fulcro del prossimo Giubileo, che speranze ci sono di vederli repressi questi fenomeni negli angoli meno in vista della città?

È lo stesso discorso che facemmo con le auto del Parlamento in sosta sul marciapiede, cosa che non si verifica più da mesi, e con le tante auto in sosta vietata sul Campidoglio, dove invece c’è ancora un gran da fare (e provvederemo a breve, sperando nella sensibilità del Commissario).

Se poi qualcuno volesse “adottare” una situazione simile di degrado nel suo quartiere, saremmo ben lieti di autarlo a fare le segnalazioni all’amministrazione e a darne eco sulle nostre pagine.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

La PA a #Roma è come un acquario in acqua stagnante. Intervista ad Alfredo Martini (@CCantiere). Una classe amministrativa più giovane, 15 veri comuni autonomi e flessibilità urbanistica. Una ricetta per uscire dalla crisi tremenda del dopo #Covid. ▪️ 👇📰 diarioromano.it/la-pa-a-roma-e…

Continua ad essere troppo frequente vedere autoveicoli in sosta sulle #ciclabili. Possibile sia così difficile reprimere infrazioni così odiose? (foto @bikediablo via Twitter) . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - Continua ad essere troppo frequente vedere autoveicoli in sosta sulle #ciclabili. Possibile sia così difficile reprimere infrazioni così odiose? (foto @bikediablo via Twitter)
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/2rcCjPcC8B

E niente, anche oggi la normativa definitiva sulle OSP verrà forse approvata domani, anzi al meglio lunedì. Ma per il presidente @AndreaCoiaM5S la responsabilità è sempre di qualcun altro. facebook.com/AndreaCoiaM5SR…

PD giù la maschera. Contro la delibera per aiutare le attività produttiveVirginia Raggi

Pubblicato da Andrea Coia su Venerdì 3 luglio 2020

Ma veramente @Lavoratori_Ama? twitter.com/mbx1900/status…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close