Sbloccata la riforma dei cartelloni pubblicitari. Ieri la firma di Tronca

2 Commenti

Close up of businessman signing a contract.

 

E alla fine Francesco Paolo Tronca ha firmato la delibera che molti cittadini attendevano. Si tratta di un atto che gli era stato sollecitato più volte non solo dalle associazioni ma anche dall’avvocatura comunale. Il commissario ci ha riflettuto, forse ha rimandato per i molti impegni e ieri nel tardo pomeriggio ha firmato.

Da oggi dunque riprende l’iter di riforma dell’impiantistica pubblicitaria che si era arenato dopo la sentenza del Tar pubblicata lo scorso 22 febbraio. I giudici amministrativi, nell’esaminare i ricorsi presentati dalle ditte pubblicitarie, avevano giudicato del tutto legittimo l’impianto del nuovo Piano Regolatore tranne per un passaggio. Alcuni criteri – secondo i magistrati – dovevano passare in assemblea capitolina e non in Giunta. Poiché il commissario assomma nella sua figura i poteri della giunta e quelli dell’aula, le associazioni cittadine gli avevano chiesto di approvare questi criteri. Prima con più lettere e poi con un appello congiunto firmato da 16 blog e comitati ai quali proprio ieri si era aggiunta l’Arci, tramite il suo rappresentante romano Andrea Masala.

Il procedimento si era arrestato mentre si stavano tenendo gli incontri di partecipazione popolare nei Municipi. L’iter, infatti, prevede che il Piano Regolatore venga discusso con i cittadini e gli operatori del settore in tutti i Municipi. Al termine della partecipazione popolare, il Campidoglio dovrà decidere quali osservazioni recepire e quali rigettare (le cosiddette “controdeduzioni“).

La sentenza del Tar è uscita quando mancavano gli incontri in soli tre municipi, mentre gli altri 12 si erano già svolti.

DSC_0738

 

COSA ACCADE ADESSO. Per prima cosa, si dovranno tenere gli ultimi incontri di partecipazione popolare. I tre Municipi mancanti dovranno fissare nuove date e comunicarle sul proprio sito web. Dunque passeranno sicuramente alcuni giorni prima che l’iter si completi.

Subito dopo dovranno inviare tutte le osservazioni raccolte agli uffici capitolini che dovranno esaminarle e appunto controdedurre. Ed è già molto se si arriverà a questo punto. Se infatti le elezioni si terranno (come sembra) il prossimo 5 giugno, i Municipi cesseranno le loro funzioni il 10 aprile. Per prassi, nei 40 giorni che precedono il voto, chi governa (in questo caso il commissario) non prende decisioni rilevanti, lasciando che sia il nuovo sindaco a portarle avanti.

E’ probabile, dunque, che il procedimento si arresterà alle controdeduzioni e che i passi successivi verranno rimandati alla prossima amministrazione. Ma è presto per fare queste previsioni. Al momento ciò che conta è concludere questa parte fondamentale della riforma, in modo che chiunque vinca, potrà metterla in pratica in pochi mesi.

Vi sono inoltre diverse osservazioni presentate dai cittadini che noi riteniamo importanti e alcuni rilievi ragionevoli presentati dalle ditte. Pertanto, in un clima di collaborazione e di interesse solo per la città, c’è da sperare che in queste poche settimane si arrivi a perfezionare ulteriormente i piani di localizzazione e dare il via ad una riforma che potrà produrre risultati importanti per Roma, dandole decoro, servizi indispensabili (bike sharing, toilette, etc) e permettendo alle ditte oneste di competere in un mercato sano e redditizio.

 

Articoli correlati

2 Commenti

  1. lor

    ogni tanto una buona notizia

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Pazzesco! La situazione ha da tempo superato il limite del ridicolo ed il governo nazionale non può più far finta di niente con un’amica.ne della capitale così bloccata. Almeno salterà qualche testa questa volta @virginiaraggi? twitter.com/MercurioPsi/st…

C'è una norma per i ristoranti che nessuno controlla mai. Ad un numero di coperti deve corrispondere una certa grandezza della cucina. Serve a garantire la qualità dei piatti serviti. E se in tavolini in strada aumentano i coperti abusivamente che succede? diarioromano.it/?p=30350

Sotto la galleria Turbigo a Termini c'è un mondo di emarginazione che non si risolve mettendo la testa sotto la sabbia. Oltre 30 persone che vanno aiutate e spostate diarioromano.it/?p=30222

Storia di ordinaria follia da sosta selvaggia. Una Smart blocca un intero quadrante del centro. E non ci sono carri attrezzi per rimuoverla. @EnricoStefano @LindaMeleo diarioromano.it/?p=30213

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.