“Meraviglie” di ieri, miserie dell’oggi: soffrire ricordando quanto di buono abbiamo creato

Nessun commento

alberto angela

 

C’eravamo anche noi davanti alla tv, a guardare la prima puntata di “Meraviglie – La penisola dei tesori” il nuovo programma di Alberto Angela dedicato alle bellezze dell’Italia. Un piccolo capolavoro televisivo nello stile di Angela padre e figlio, che ha tenuto incollati agli schermi 5 milioni 662 mila spettatori e scatenato l’entusiasmo nel web: successo meritato per un viaggio emozionante alla scoperta dei siti Unesco italiani, patrimonio dell’umanità, e celebrazione della ricchezza storica, culturale e creativa del nostro Paese.

Spiega Angela: “questo programma è anche un omaggio a noi italiani, a quanto abbiamo saputo fare nei secoli e a quanto, tra mille difficoltà, continuiamo a fare. […]

Il merito di tanta bellezza è tutto nostro, dei nostri padri”.

Dobbiamo purtroppo dissentire da quest’ultima considerazione: il merito è dei nostri nonni e bisnonni. Guardandoci attorno, ci sembra di aver perso il talento e la passione per il bello e il ben fatto. L’arte del saper fare e mantenere, la cura dei luoghi della vita collettiva.

Ogni scena, ogni immagine dello struggente racconto di “Meraviglie” rievoca in noi l’impietoso confronto con la realtà quotidiana della nostra città. Ripercorrendo i luoghi e gli scorci della prima puntata, indugiando sulle riflessioni di Alberto Angela, ci sembra che essi contengano spunti per dire che siamo indegni dei nostri illustri predecessori.

Se è vero, come dice lo storico della letteratura Stefano Jossa, che la capacità di costruire bellezza è la parte fondante del mito italiano, non ce n’è neppure la minima parvenza fuori dal centro di Roma. Sfidiamo chiunque a trovare tracce di gusto, eleganza, civil conversazione e buone maniere – altre caratteristiche indicate da Jossa come sinonimo d’italianità – passeggiando nei quartieri popolari, dall’Appio al Tuscolano, da Marconi a Monteverde, dall’Ostiense a San Paolo, da Montesacro a San Lorenzo.

Vivere nello spazio della penisola italiana, secondo lo studioso Claudio Ruggiero, ha abituato i suoi abitanti alla bellezza favorendo una sensibilità al gusto, al buon vivere, al senso estetico e alla creatività che non ha confronti al mondo.

Sarà anche vero, ma ci si dimentica di dire che nel frattempo gli italiani, anzi i romani, hanno subito un’opera di diseducazione al bello e al rispetto delle regole. Oggi i romani si muovono spinti soltanto dalla comodità e dal tornaconto, mostrando disinteresse per i beni comuni, indifferenza per l’estetica della città ed una profonda insofferenza per le regole. Queste le carattersitiche salienti del romano medio. Come spiegare altrimenti il fatto che ogni casa e ogni edificio è ricoperto di graffiti (caso unico in Europa), le sommità invase da centinaia di antenne con i fili che penzolano dai cornicioni sulle facciate dei palazzi (deturpando lo skyline della città), le strade invase da auto e motorini in sosta selvaggia (il parcheggio senza regole è considerato un diritto inalienabile dai romani) e i marciapiedi resi impercorribili dall’invasione delle bancarelle e dei cartelloni?

C’è stata un’involuzione senza precedenti. Lo scadimento di una classe politica ignorante e senza visione, è andato di pari passo con l’imbarbarimento dei cittadini. Difficile invertire la tendenza, barcamenandosi tra le retoriche contrapposte del volontarismo impolitico e del degrado “voce del popolo” manifestazione del dissenso e di ribellione contro l’ordine repressivo (a Roma?!?). Il bellissimo documentario di Alberto Angela sui tesori dell’Italia, va letto in modo antiretorico, rifuggendo dalle interpretazioni “istituzionali” o peggio dalle strumentalizzazioni politiche. Dobbiamo essere sinceri con noi stessi e dire in modo chiaro e netto, senza infingimenti e ambiguità, che i romani sono il popolo più maleducato d’Europa, e che fino a quando non verrà fatta un’operazione verità, rimarrà incivile e arretrato. E quest’operazione consiste nel rompere il patto sociale del “degrado porta soldi e voti”, cambiare la mentalità del quieto vivere nella bruttezza e nel disordine.

La fiction storica di Angela è piena di interessanti spunti di riflessione. Eccone alcuni passaggi fondamentali:

– “Il patrimonio dell’Italia ci rende molto orgogliosi, ma ci obbliga a tutelare, proteggere, valorizzare questo patrimonio, e soprattutto, regalarlo intatto alle generazioni successive di tutto il pianeta.”

– (Riguardo alle vedute scenografiche) “sorprese che nascono dalla voglia di creare di bellezza, rendere luogo fantastico, a prova dell’ingegno e della fantastica intraprendenza italiana (pensate a questa frase guardando fuori dal finestrino del treno, osservando muri deturpati, cartelloni e bancarelle, ndr)

La cosa più scioccante è l’allegoria del buon governo, il ciclo di affreschi di Ambrogio Lorenzetti contenuto nel Palazzo Pubblico di Siena risalente al 1338-1339.

Parafrasando Alberto Angela, “rappresenta ideale manifesto politico del ‘300 cioé come governare bene città e i disastri prodotti del cattivo governo: campagne devastate, rovine, campi incolti, terrore e paura ogni volta che uscite dalle porte  dovete uscire armati non saprete neanche se sopravviverete” (sembra la descrizione di alcune periferie, ndr), il risultato del cattivo governo: macerie da tutte le parti, non si costruisce più anzi le case sono abbandonate (una parabola degli opposti estremismi, speculazione edilizia e declinismo antisviluppo, ndr), ci sono pochi abitanti che si nascondono, si affacciano timorosi… tutto questo è il risultato del cattivo governo, praticamente un tiranno cioè chi non è intelligente nel governare una città, ha gli occhi storti perché vuol dire che pensa solo a sé stesso, in pratica concentra lo sguardo sui propri interessi e sopra infatti ha le guide sbagliate: avarizia, superbia vanagloria e questo provoca la fine della giustizia incatenata”

Lorenzetti_ambrogio_bad_govern._det

Allegoria del cattivo governo

 

 

– “Completamente diverso invece è il buon governo: si parte da un’ispirazione divina, la giustizia è una donna seduta su trono e ha due piatti della bilancia: da una parte amministra sentenze capitali a chi non ha rispettato legge, ma dall’altra parte invece premia chi l’ha rispettata. Quindi si punisce da una parte e si premia dall’altra, sotto i piatti della bilancia ci sono delle corde che scendono e arrivano a un’altra figura, è la concordia, questo vuol dire che se c’è giustizia c’è concordia, c’è pace tra le persone, tutto è appianato non ci sono differenze…è un chiaro segnale, quali sono i risultati: la città, la società che funziona se la legge viene applicata e rispettata. Un paesaggio di pace e prosperità”

Ambrogio_Lorenzetti_Allegory_of_Good_Govt

Allegoria del buon governo in città

 

 

Quest’ultimo passo ci ha letteralmente steso. La modernità del Costituto Senese, che introduce il nostro documento antidegrado: Chi governa deve avere a cuore massimamente la bellezza della città, per cagione di diletto e allegrezza ai forestieri, per onore, prosperità e accrescimento della città e dei cittadini”.

Ma per fare questo, lo ribadiremo all’infinito, è necessario  spezzare il patto consociativo-clientelare-corporativo che lega cittadini incivili e amministratori compiacenti.

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Aggiornamento dalla baraccopoli di San Lorenzo. Un paio di ingressi murati, ma per il resto nulla cambia: il complesso è pericoloso e abusivo. @Segnaliamoli @Delbellotw diarioromano.it/?p=25162

La bizzarra gara per l'Albero di Natale è andata deserta. Le spiagge sul Tevere solo promesse e funivia Casalotti e mini-metro fino a Bufalotta definanziate. Cronaca di un'altra sconfortante giornata di giunta @virginiaraggi diarioromano.it/?p=25153

Video diario
  • Rifiuti commerciali

    Davanti la chiesa di S. M. Maddalena sempre questo schifo. Multare i locali lì davanti che lo creano ogni giorno è troppo difficiele eh? Ali

  • La discarica dell’Esedra

    Tutti i giorni a piazza Esedra i rifiuti vengono gettati in quest'angolo trasformato in discarica. Pessima abitudine da multare. Alessia

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.