Ztl Fascia Verde: perché Roma non è ancora pronta a un provvedimento troppo radicale

Penalizza i meno abbienti, senza interventi contestuali su trasporto pubblico e altre fonti inquinanti. Occorre un piano complessivo sulla mobilità

Passi falsi, passi indietro, passi di lato… ormai da un anno la Ztl Fascia Verde costituisce il pomo della discordia. Rimpalli tra Comune, Regione, ARPA, un marasma che lascia i cittadini confusi ma non indifferenti, perché il problema è serio. Si parla di salute, di diritto alla mobilità, di qualità della vita, e purtroppo le tre cose non sempre vanno d’accordo. Ci sono certamente delle priorità, che vanno calibrate.

Su Roma pesa l’eredità di un lungo passato di totale inerzia, dove si è cercato solo di sfuggire alle sanzioni europee, fare qualche provvedimento di facciata, ma nulla di concreto.

Partiamo dal punto ritenuto debole del discorso: la collocazione delle centraline ARPA. Sono in numero sufficiente? Sono collocate nei posti più idonei? Non sta a noi stabilirlo ma agli esperti e il nostro auspicio è che a Comune e Regione stia a cuore in primis la salute dei cittadini. Rilevare correttamente il tasso di inquinamento e il tipo di inquinanti serve a stabilire le misure idonee a contenerli. Scuse da Comune o Regione su questo punto sono irricevibili, se pensano che in passato non si sia agito al meglio, devono urgentemente rimediare. La salute è un bene primario irrinunciabile.

Dai dati oggettivi riscontrati risulta comunque che la qualità dell’aria a Roma è andata migliorando nel corso degli anni. Se vogliamo raggiungere traguardi più stringenti, bisogna cominciare a non fare eccezioni, ad esempio per i bus Diesel Euro3 di ATAC che sono a tutt’oggi in circolazione (oltre una 50ina). Nessuna eccezione alla sosta selvaggia e agli eccessi di velocità, pericolosi pure per la vita dei pedoni e dei ciclisti. Ed un posto dove andrebbe sicuramente aggiunto un punto di rilevamento della qualità dell’aria è sotto le Metropolitane. Perché il Comune ha puntato il dito solo contro le vecchie auto (che in realtà, probabilmente circolano poco e per brevi tragitti), mentre lo sguardo va messo su tutto il sistema.

Mappa della Ztl Fascia Verde realizzata con il contributo di @Pippopotam0

Proseguiamo proprio con il trasporto pubblico. Dai dati oggettivi riportati nei bilanci e rielaborati per tener conto (ma solo in parte) del servizio effettivamente reso ai cittadini, abbiamo considerato le vetture “equivalenti”, perché ovviamente un minibus elettrico a capienza ridottissima o un tram da 240 posti non possono essere ritenuti identici tra loro o a un normale bus da 100 posti. Il grafico qui sotto comprende tutti i servizi: bus, tram, filobus e metroferro. Come si può facilmente vedere, il servizio è ai minimi storici, e nel 2023 sta andando ancora peggio, senza molte speranze di ripresa se non per il Giubileo 2025.

 

Più in dettaglio, il servizio bus sopravvive grazie all’apporto dei privati in subaffido, le Metro hanno iniziato già dal 2022 un declino che durerà purtroppo per molto tempo, mentre il trasporto più critico, quello delle ferrovie Roma-Lido e Roma-Viterbo, ha subito un repentino e pesante crollo, per il quale occorreranno molti anni ed investimenti su tutta l’infrastruttura e sui treni per tornare agli antichi splendori. Proprio le persone che vengono fuori dal GRA sono quindi le più penalizzate e quelle che, in assenza di adeguati mezzi pubblici di spostamento, devono ricorrere al mezzo privato, se le tasche o il luogo di lavoro glielo permettono.

 

Dal punto di vista della qualità del servizio va certamente ricordata l’aberrante situazione delle stazioni Metro: buie, sporche, con le pareti incrostate di muffa e muschio, con acqua che piove e scorre dalle pareti anche quando fuori c’è il sole, e soprattutto troppo spesso inaccessibili alle persone a ridotta mobilità a causa di ascensori, montascale, scale mobili guasti o fermi per mancanza personale o per le varie e lunghissime “burocrazie” manutentive.

Un altro pesantissimo problema è l’infomobilità di scarsa qualità, dalle app che non visualizzano correttamente i bus, ai display interni dei treni Metro sbagliati, alle paline di fermata non aggiornate, ai tanti bus non monitorati col GPS, per finire alla miriade di gestori tra cui il cittadino si deve districare, senza avere un unico punto di riferimento.

Il servizio bus e tram è pesantemente soggetto alle condizioni del traffico veicolare privato, non disponendo di una valida rete di preferenziali protette e sorvegliate da telecamere.

C’è inoltre una forte carenza di posti auto nei parcheggi di scambio, rendendo quindi meno attrattiva l’intermodalità, per non parlare dell’enorme difficoltà di portarsi una bici al seguito sui mezzi pubblici.

Nel frattempo chi può passa al mezzo privato: gli impietosi dati ISTAT certificano un clamoroso crollo del -40% di spostamenti con il trasporto pubblico in soli 8 anni: dai 1.464 Milioni del 2011 agli 880 Milioni nel 2019 dichiarati da ATAC, in linea con la diminuzione del servizio.

Già da anni è tornata la corsa all’acquisto dell’auto; sono più che evidenti i numeri nel 2022 (grafico sotto) cresciuti ulteriormente nel 2023. A chi/cosa serve dunque l’attuale ZTL FasciaVerde?

Roma resterà un inferno di gomme, lamiere e gas di scarico, dove la mobilità “dolce”, inclusi i pedoni, ogni giorno continuerà a giocarsi un ritaglio di giornale in fondo alla cronaca nera. Verranno accentuate le disuguaglianze sociali e un po’ per tutti peggiorerà ulteriormente la qualità della vita.

 

L’attuale provvedimento sulla Fascia Verde va totalmente annullato. Va definita prima di tutto una linea chiara e decisa di azioni e investimenti per far spostare il baricentro dall’auto privata verso i mezzi pubblici. Va superata la pressoché totale disattenzione del Comune alle esigenze segnalate con sempre più forza dai cittadini (sarebbe interessante verificare, da questo punto di vista, il moltiplicarsi di Associazioni e Comitati formati da cittadini insoddisfatti delle mancate risposte). Le fasce più deboli e meno abbienti vanno aiutate e non vessate. Vanno individuati provvedimenti a livello di sistema globale per migliorare la qualità dell’aria che comprendano i vecchi impianti di riscaldamento, dehors (in particolare i funghi a gas che emettono inquinanti quanto un camion), le emissioni delle grosse cucine della ristorazione e di particolari attività commerciali, etc..

Tutto il sistema mobilità a Roma è in una situazione ormai insostenibile e al collasso, anche a causa dei tantissimi cantieri aperti per il Giubileo 2025. In una situazione così emergenziale togliere libertà ai cittadini senza dare alternative è estremamente controproducente. Il Comune deve piuttosto lavorare molto per riconquistare la fiducia dei romani portando il trasporto pubblico a livelli accettabili sia in termini quantitativi che qualitativi.


Sullo stesso tema

Fascia verde. Ecco perché la ztl del Comune così non va bene e penalizza solo i più poveri | Diarioromano

Nuova ZTL Fascia Verde: le limitazioni non deriverebbero da richieste dell’UE | Diarioromano

ZTL Fascia Verde: manca la vera misura che ridurrebbe le auto in città (inquinanti o meno) | Diarioromano

 

 

Condividi:

2 risposte

  1. La prima parte dell’ articolo è sostanzialmente condivisibile.
    La parte conclusiva è invece fuori contesto, diciamo così, senza infierire.
    Ma come, proprio ora che si stanno per fare enormi investimenti sul ferro con le nuove tranvie, il recupero delle linee metro e tramviarie con grandi manutenzioni, la ripresa della costruzione della linea C, l’ annuncio della ripresentazione della linea D, i nuovi bus in arrivo tutti elettrici, il risanamento dell’ ATAC, la nuova organizzazione della bigliettazione, date questo quadro da anni zero e “fine del mondo”? Non vedo obiettività e informazione al pubblico.
    Cercate di riscrivere il tutto aggiungendo ciò che va aggiunto.
    Nei prossimi anni si vedranno miglioramenti consistenti.

    1. “si stanno per fare”.. “l’annuncio della ripresentazione”.. “nei prossimi anni vedremo”..

      Tutte cose già sentite da decenni.. coi risultati di oggi, e un futuro (lontano) ancora da scrivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »