Stazione Vigna Clara e tram Roma-Giardinetti: qualcosa si muove

Patané annuncia l'apertura della fermata sulla Flaminia per marzo 2022. Mentre il vecchio trenino giallo viene ceduto dalla Regione al Campidoglio per diventare metro G

 

Un consiglio al neo assessore alla mobilità del Comune di Roma, Stefano Patané, glielo vogliamo dare: stia attento a fare previsioni sulla stazione Vigna Clara! E’ chiusa da 31 anni e negli ultimi dieci avremo riportato almeno 4 annunci di “imminente riapertura”. Non portò bene al Sindaco Marino che, subito dopo la conclusione di radicali lavori di ristrutturazione, aveva sbandierato il suo funzionamento per il Giubileo del 2015. In realtà questa importante fermata per i quartieri di Roma Nord non è mai entrata in funzione e i motivi sono tanti, riassunti in diversi articoli che trovate in fondo alla pagina. In estrema sintesi, una serie di ricorsi portati avanti da un condominio e una clinica che affacciano sulla ferrovia, non hanno consentito la sua messa in funzione.

Adesso Patané ci riprova e questa volta indica anche una data precisa: marzo del 2022. Mancava la pronuncia della Regione sul procedimento di VIA, Valutazione Impatto Ambientale che è stato escluso, ha spiegato l’assessore, per cui la linea potrà entrare in esercizio.

Non sappiamo giudicare se l’ottimismo di Patané sia dettato da certezze granitiche o da inesperienza su questa storia infinita ma ci auguriamo abbia ragione e questa sia la volta buona. I treni che passeranno per Vigna Clara consentiranno ai pendolari di Roma Nord di raggiungere Valle Aurelia in otto minuti e da lì cambiare con la metro A o la ferrovia regionale FL3. Si tratta di migliaia di persone al giorno che potrebbero lasciare l’automobile e il motorino e passare al trasporto su ferro. In una città normale questa stazione sarebbe in funzione da 30 anni, ma a Roma nulla riesce senza incappare in violente opposizioni giudiziarie, spesso infondate.

 

L’altra notizia arriva dal fronte del famigerato trenino giallo, il vecchio sferragliamento che corre lungo la Casilina, partendo da via Giolitti. Un mezzo di trasporto che nulla ha a che vedere con la modernità, essendo rimasto agli anni ’30 sia come concezione che come convogli. Per la sua trasformazione in metro G (lo sappiamo che usare la parola “metro” per questo mezzo è offensivo ma così sta scritto nel Pums), occorreva un ulteriore passaggio e cioè la proprietà oggi in mano alla Regione Lazio doveva essere trasferita al Campidoglio. La giunta Gualtieri ha varato la delibera che approva questo passaggio con l’obiettivo di rimodernarla entro il Giubileo del 2025.

Nel progetto, il trenino assumerà le sembianze di una metropolitana leggera, la linea G che collegherà la stazione Termini con l’Università di Tor Vergata. Il Comune e la Regione Lazio a luglio del 2020 avevano trovato l’accordo e i 213 milioni di euro necessari alla realizzazione dell’opera. La linea stava per essere smantellata dopo la nascita della metro C  ma ha ritrovato vita grazie alla possibilità di portare i passeggeri dal centro città fino al polo universitario di Tor Vergata e all’Agenzia Spaziale Italiana, oggi non serviti da trasporto su ferro. Alle 20 fermate già esistenti, se ne aggiungeranno altre 9: una su via Giolitti che sarà riorganizzata nella sosta  e le altre dopo Giardinetti, ovvero nella tratta più periferica.

I tempi però si annunciano lunghi in quanto tutti i binari andranno sostituiti. Quelli attuali sono “a scartamento ridotto” e per quanto la precedente giunta cercò in tutti i modi di mantenerli, il Ministero dei Traporti non volle sentire ragioni e impose di installare sulla Casilina binari a scartamento tradizionale. Se non si vogliono perdere i fondi del Pnrr che potrebbero includere anche quest’opera occorre sbrigarsi. Per terminare la progettazione esecutiva, indire la gara d’appalto e assegnare i lavori i tempi sono stretti e concludere tutto in tre anni sembra velleitario. Staremo a vedere.

L’obiettivo è trasformare questo trenino malmesso nella metro G. Il Pums, infatti, prevede che oltre le tre “vere” linee di metro (A, B e C), si debba costruire la D e rendere veloci ed efficienti la Roma-Lido (che diventerebbe la E), la Roma-Viterbo (diventerebbe la F) e appunto la Roma-Giardinetti la G.

 


Sulla stazione Vigna Clara leggi anche

Stazione Vigna Clara: ennesimo rinvio per l’egoismo di pochi – Diarioromano

Stazione Vigna Clara: la strana sentenza del Tar e le speranze di apertura – Diarioromano

“Aprite la stazione Vigna Clara”. L’appello di politici e cittadini – Diarioromano

Sul trenino Roma-Giardinetti

La Roma-Giardinetti potrebbe diventare un tram fino a Tor Vergata – Diarioromano

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

@_nelFrattempo qualche centinaio di migliaio di cittadini paga in anticipo l'abbonamento.. E circa 2,2 Milioni di cittadini, con le loro tasse, tengono in piedi #ATAC e il suo vergognoso (dis)servizio Retweeted by diarioromano

Via Pezzana riapre dopo quasi tre anni. Soddisfazione dei residenti. Restano diverse limitazioni per la strada del II Municipio ma almeno #anziani e #disabili non sono più ostaggio dell'abbandono. Il cantiere costato 750 mila euro 👇📰 diarioromano.it/via-pezzana-ri…

A Monti Tiburtini tornano i rifiuti. Il lato della strada era stato ripulito da poco e subito sono stati gettati materassi e vecchi mobili. Sempre nello stesso punto #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - A Monti Tiburtini tornano i rifiuti.

Il lato della strada era stato ripulito da poco e subito sono stati gettati materassi e vecchi mobili. Sempre nello stesso punto
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/6fNhcvBqPe

Le scritte sui muri indignano solo se politicamente scorrette. Vengono definite "gesto ignobile" se imbrattano un hotel della #Roma bene e lasciano indifferenti quando devastano l'80% dei muri in città 👇📰 diarioromano.it/le-scritte-sui…

Manco a li cani! L'area cani del Parco della Resistenza, tra l'Aventino e Testaccio, presenta cumuli di rifiuti e panchine distrutte. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Manco a li cani!
L'area cani del Parco della Resistenza, tra l'Aventino e Testaccio, presenta cumuli di rifiuti e panchine distrutte.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/WZHjZXB8ZW
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close