Quei segreti inconfessabili che si celano dietro il logo Atac

A Roma esiste un privato che gestisce oltre 100 linee bus del trasporto pubblico, e per volontà del Comune ha tutti i mezzi con stesso logo e livrea di ATAC. Non compare sui biglietti né sulle paline di fermata. Come se non esistesse. Molti romani usano da anni autobus di RomaTPL credendo che siano di ATAC (vedi elenco alla fine).

RomaTPL ha vinto l’appalto nel 2010 a seguito di gara europea, quale unico concorrente con un ribasso dello 0,03% (pari ad uno sconto di 3€ ogni 10mila€, praticamente nulla). Parliamo di un appalto da 110 Milioni€ l’anno, pagati al 100% con i soldi delle nostre tasse.

Da metà 2015 sono iniziati i primi problemi con il pagamento degli stipendi agli autisti. La vera escalation c’è stata nel 2017, con l’intensificazione delle proteste e l’inizio del crollo del servizio. Sempre nel 2017 il Presidente fu arrestato per una presunta tangente, ma la storia è rimasta avvolta nel segreto.

A Maggio 2017 l’ex-Assessora alla mobilità Meleo minacciò la revoca anticipata del contratto per inadempimenti. Coerentemente alle sue tante parole e alla sua azione nulla, l’appalto è scaduto a Maggio 2018 e da allora va avanti in regime di proroga.

 

RomaTPL deve avere da ATAC un fiume di soldi: 83,4 Milioni€, un debito di oltre 10 anni fa finito nel concordato, e che ATAC dovrà restituire al 31% in 3 anni a partire dall’omologa (25 giugno 2019). ATAC e il Comune si erano opposti con tutte le forze, fino a beccarsi una condanna da 40mila€ per “lite temeraria” più 80mila€ di spese (Marzo 2018).

 

A luglio 2017 il Comune ha pubblicato sul sito Europeo il preavviso di gara per il nuovo appalto. Una storia surreale. L’avviso conteneva ben 3 errori: era sbagliato sia l’importo annuale che totale, e perfino il link al sito del Comune (che rimandava ad un sito esterno, in precedenza vietato ai minori di 18 anni).

A Novembre 2018 il Comune ha finalmente pubblicato il bando definitivo, che costringeva il vincitore subentrante ad acquisire da RomaTPL il parco mezzi per circa 61 Milioni€ (prezzo pre-stabilito nel 2010, PRIMA ancora che i bus fossero comprati), peccato che in elenco ci fossero anche diversi autobus andati a fuoco o rottamati nel corso degli anni. Ci furono 4 ricorsi al TAR, ovviamente tutti e 4 vinti, con la gravissima motivazione:

il bando “ha natura palesemente anti-concorrenziale e discriminatoria” e “comporta un ingiustificato vantaggio per il gestore uscente”.

Cosa fa il Comune, di fronte ad un bando palesemente scritto male? Lo corregge? NO! Fa ricorso al Consiglio di Stato! Udienza fissata al 12 Dicembre! Perché secondo voi il Comune ricorre contro il ricorso?

 

Date le premesse, nella migliore delle ipotesi il nuovo appalto non potrà partire prima del 2022, cioè tra oltre 2 anni. Nel frattempo il Comune non ha alcuna intenzione di fare un nuovo contratto, il servizio va a rotoli, gli stipendi agli autisti continuano a NON essere pagati, i bus cadono a pezzi, e i romani restano a piedi.

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo. Cosa resta delle #amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo #libro di @A_Ambrogetti 👇📰 diarioromano.it/giunte-rosse-d…

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo

Cosa resta delle amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo libro di Andrea Ambrogetti cerca di mettere in luce l’impegno politico e sociale di quei sindaci e assessori e della loro presa sulla memoria collettiva

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close