Intervista al commissario Tronca sul Corriere, dove il giornalista non brilla né per l’efficacia delle domande poste né nel mettere minimamente alle strette l’interlocutore sull’innegabile mollezza della sua azione in molti campi.

Serve un sussulto civico

Il mio binario è quello della legalità e della solidarietà …

Due frasi estratte dall’intervista al commissario che però mal si accordano con l’azione che lo stesso ha dispiegato (si fa per dire) nei circa cento giorni del suo mandato.

Che sussulto civico possono mai avere, ad esempio, le migliaia di cittadini che quotidianamente devono fare i conti con l’inquinamento da roghi tossici, con la beffa poi di dover sottostare alle restrizioni del traffico?

Come dovrebbero interpretare i termini “legalità e solidarietà” tutti coloro con problemi motori che devono subire quotidianamente gravi restrizioni alla mobilità a causa di veicoli parcheggiati un po’ ovunque e mai sanzionati o rimossi?

 

Che il commissario straordinario non potesse essere una panacea per i problemi di Roma lo si sapeva fin dall’inizio, ma c’era la speranza che egli avrebbe potuto dare delle svolte decise in alcuni ambiti. Al tempo della sua nomina proponemmo che si occupasse prioritariamente della sosta selvaggia, che tanto influenza la mobilità e la sicurezza cittadine, dei roghi tossici, delle scritte vandaliche, dell’ambulantato regolare che però è sistematicamente difforme, dell’evasione tariffaria sul trasporto pubblico. E invece nessuno di questi temi è stato affrontato dal commissario.

Segnalammo inoltre alcuni ambiti in cui sarebbe stato utile che il commissario portasse avanti il lavoro già impostato dal governo cittadino prima della sua caduta. Ci riferiamo alla riforma degli impianti pubblicitari, che purtroppo appare ancora al palo, al nuovo regolamento di polizia urbana, pronto da mesi e che potrebbe risolvere una serie di gravi problemi cittadini (i risciò illegali, gli abusi alcolici, ecc.), alle modifiche necessarie a fermare l’invasione di minimarket e somministrazione in tutta la città storica, anch’esse pronte da mesi.

Tutti temi questi che il commissario ha completamente ignorato, mentre ha ritenuto di occuparsi di cose che sinceramente sembrano avere poco a che fare con una gestione straordinaria, come la questione degli asili nido.

 

Pur non sperandoci particolarmente, giunga a Tronca dalla nostra minuscola tribuna l’appello a cambiare passo ed a cominciare ad occuparsi dei problemi più urgenti della città. Per il resto, come ha giustamente detto lui “… strategie e visioni toccheranno a chi sarà eletto direttamente dal popolo“.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni. I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni.

I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Y4oMqVH7Af

@diarioromano twitter.com/bikediablo/sta… Retweeted by diarioromano

Chiaramente non si tratta di pochissimi episodi isolati ma di un fenomeno che in qualche modo va affrontato. Se @gualtierieurope volesse porlo all'attenzione del Comitato Provinciale di Sicurezza ... twitter.com/Pino00895828/s…

Considerato il ruolo ricoperto e la sconsideratezza del gesto, in una città normale le dimissioni sarebbero molto appropriate. Ma nella Roma del 2022, per di più reduce da 5 anni di M5S alle vongole, anche in questo caso non accadrà nulla. twitter.com/gianluigidella…

Ex Circolo degli artisti: l’edificio comunale chiuso dal 2015, in totale abbandono. Per 18 anni non fu pagato l'affitto al #Campidoglio e nessuno fece controlli. La storia di possibili #corruzioni e strani legami con la politica 👇📰 diarioromano.it/ex-circolo-deg…

Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70. Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno. #Roma

test Twitter Media - Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70.
Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno.
#Roma https://t.co/bWAzrBRnwB
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close