Suggerimenti tra il serio e il faceto per aiutare il Comitato Tecnico Scientifico a salvare le sale cinematografiche

Abbiamo dedicato diversi contributi a sostegno dei cinema, contro la loro chiusura, e per segnalare la totale assenza di una vera politica di sostegno, verso un settore in sofferenza da svariati anni, ben prima del dilagare della pandemia. Oggi, dunque, non vogliamo tornare sull’argomento con la solita analisi puntuale della situazione, ma in uno spirito costruttivo vogliamo elencare soltanto alcuni punti che possono alimentare il dibattito in corso.

Elenco delle cose utili e inutili che si possono o si potevano fare con le sale cinematografiche, a discrezione del Comitato Tecnico Scientifico.

 

Cosa si può ancora fare con un cinema:

  • Realizzare dei parcheggi.
  • Convertirli a depositi Atac, soprattutto per accogliere i bus andati in fiamme a Roma.
  • Creare delle strutture di contenimento per il dilagare dei cinghiali.
  • Magazzini strategici di stoccaggio per le consegne Amazon.
  • Enormi centri di Amazon Locker.
  • Tanti piccoli centri commerciali.
  • Depositi per distribuire mascherine e gel disinfettanti.
  • Laboratori per processare tamponi.
  • Aree vuote da affittare per le assemblee condominiali.
  • Parcheggi per i monopattini.

 

Cosa si poteva fare con un cinema:

  • Proiettare film e documentari per le scuole.
  • Affittare le sale per lezioni scolastiche o universitarie.
  • Rigenerare alcune sale in chiave coworking.
  • Utilizzare le sale della capitale per un “festival del Cinema” sospeso, interviste, proiezioni e dibattiti portati nel cuore dei quartieri, lontani da un red carpet inutile e desolante.
  • Proiettare vecchi film Block Buster a costo ridotto.
  • Trovare un accordo per proiettare film in esclusiva Netflix, Prime Video (e molte altre piattaforme) a costo contenuto, per tutte le famiglie che non possono abbonarsi.

 

Cosa si poteva fare con un cinema in un mondo distopico:

  • NON CHIUDERE I CINEMA, GARANTIRE LE NORME SANITARE E PROIETTARE I FILM.

 

 

Nel 1974, Mel Brooks, nel suo Frankenstein Junior, aveva già profetizzato il distanziamento sociale nel cinema.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Trinità dei Monti ancora solo per quelli bassi. A Trinità dei Monti i lecci consentono di passare solo a quelli sotto il metro e mezzo. Questa è la terza segnalazione in tre anni, il che vuol dire che da almeno tre anni nessuno mette mano a queste piante. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Trinità dei Monti ancora solo per quelli bassi.
A Trinità dei Monti i lecci consentono di passare solo a quelli sotto il metro e mezzo. Questa è la terza segnalazione in tre anni, il che vuol dire che da almeno tre anni nessuno mette mano a queste piante.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/alg9bvL4vI
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close