Tutti pronti, anche questo Capodanno, per l’inutile rito dell’ordinanza anti-botti?

Riproponiamo lo stesso articolo che pubblicammo esattamente un anno fa, visto che anche quest'anno Gualtieri vieterà i botti all'ultimo momento e tutti ignoreranno il divieto

Esattamente un anno fa, il 29 dicembre 2022, annunciavamo l’imminente emanazione dell’ordinanza anti-botti di Capodanno da parte del sindaco Gualtieri, cosa che puntualmente avvenne lo stesso giorno.

Non che qui si abbiano doti divinatorie, ma semplicemente ci aspettavamo dal sindaco lo stesso comportamento adottato l’anno precedente, nel 2021.

 

Quest’anno la tradizionale presa in giro del divieto di botti appare replicarsi nello stesso identico modo, per cui possiamo riutilizzare le stesse parole dell’anno scorso:

 

Quella che viene comunemente definita “ordinanza anti-botti” è il provvedimento che, tipicamente ogni Capodanno, introduce il divieto di utilizzo di petardi e botti.

Da anni una tale ordinanza a Roma viene emanata a ridosso del Capodanno e sostanzialmente mai applicata, nel senso che non risultano mai controlli che effettivamente facciano rispettare i divieti.

Lo scorso anno il sindaco Gualtieri firmò l’ordinanza anti-botti il 29 dicembre e, come da tradizione, tutti a Roma ignorarono il provvedimento dando fuoco a tutte le polveri possibili e immaginabili.

D’altronde è innegabile che aspettare gli ultimi giorni per vietare i botti, dopo che la gran parte delle persone li ha già acquistati (consentiti o meno), non dà proprio il segnale che si voglia fare sul serio.

La netta impressione è che si tratti ormai di un rito che l’amministrazione capitolina di turno celebra ogni anno per non scontentare le associazioni animaliste, preoccupate per i nefasti effetti dei botti sugli animali domestici, pur sapendo che il provvedimento non sortirà effetto alcuno.

 

Una differenza con lo scorso anno è che nel 2022 la LAV Roma rilascò un comunicato stampa in cui chiedeva al sindaco di emanare la solita ordinanza anti-botti, mentre quest’anno non ci risulta nessuna richiesta del genere.

Da notare che il comunicato della LAV chiedeva al sindaco anche di rendere permanente il divieto di botti, promuovendo una delibera che ne faccia una norma stabile per Roma Capitale.

Ebbene questa richiesta non è stata soddisfatta durante quest’ultimo anno, ma rimane assolutamente valida, oltre che ragionevole, e le motivazioni sono rintracciabili nelle stesse ordinanze anti-botti del sindaco. Così ne scrivemmo lo scorso anno:

 

L’idea di introdurre stabilmente nella normativa capitolina il divieto di fare botti a Capodanno ci vede invece del tutto d’accordo. Non si capisce anzi perché la cosa non sia già stata fatta, visto quanto si afferma normalmente nelle ordinanze. Questo un estratto dalle premesse del provvedimento dello scorso anno:

Si parla di “ingenti danni strutturali al patrimonio storico e archeologico di Roma“, di “emissione di inquinanti nell’ambiente in spregio agli adottati provvedimenti di riduzione delle emissioni“, di rischi soprattutto per i minori.

Considerato che tali rischi sono sempre associati all’utilizzo di botti e petardi e che il Capodanno arriva inesorabilmente ogni anno, cosa si aspetta a rendere permanente il divieto, con apposita delibera, così da dare ai romani un segnale chiaro per i prossimi anni?

Ovviamente ci saranno sempre quelli che del divieto si faranno beffe, ma con un’adeguata comunicazione si potrà convincere la gran parte dei romani che della tradizione dei botti a Capodanno si può fare benissimo a meno.

 

 

Anche quest’anno quindi il sindaco Gualtieri non avrà fatto nulla per evitare o almeno contenere seriamente l’utilizzo dei botti a Capodanno, con tanti saluti:

agli ingenti danni strutturali al patrimonio storico e archeologico di Roma

… all’emissione di inquinanti nell’ambiente in spregio agli adottati provvedimenti di riduzione delle emissioni di polveri sottili PM10 e biossido di azoto

… ai rischi, soprattutto per i minori, connessi all’utilizzo non adeguato e controllato di artifici pirotecnici.

 

Condividi:

3 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Solo i vigili non conoscono il parcheggio serale di largo Goldoni, probabilmente degli avventori di un noto locale.
Dal 2019 lo segnaliamo ma il malcostume impera indisturbato. Che poi una multa equivarrebbe alla mancia al ristorante …
#fotodelgiorno

Il primo e vero Ponte di Castel Giubileo, nascosto oggi da un viadotto del GRA. Quel che resta della passerella in ferro, protagonista durante la seconda guerra mondiale e comparsa in diversi film del ‘900. Un racconto di Lorenzo Grassi.

Roma Capìta, un podcast per capirci qualcosa in più.
I ragazzi di Roma Smistamento pubblicano su Spotify e sui loro social un approfondimento da non perdere su quello che accade nella Capitale. Questo mese ospite anche Diarioromano.
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria