Tutti pronti, anche quest’anno, per l’inutile rito dell’ordinanza anti-botti?

Come ogni anno, a ridosso del Capodanno verrà emanata un'ordinanza che nessuno rispetterà né farà rispettare. Meglio stabilire un divieto permanente, come chiesto da LAV Roma

Quella che viene comunemente definita “ordinanza anti-botti” è il provvedimento che, tipicamente ogni Capodanno, introduce il divieto di utilizzo di petardi e botti.

Da anni una tale ordinanza a Roma viene emanata a ridosso del Capodanno e sostanzialmente mai applicata, nel senso che non risultano mai controlli che effettivamente facciano rispettare i divieti.

 

Lo scorso anno il sindaco Gualtieri firmò l’ordinanza anti-botti il 29 dicembre e, come da tradizione, tutti a Roma ignorarono il provvedimento dando fuoco a tutte le polveri possibili e immaginabili.

D’altronde è innegabile che aspettare gli ultimi giorni per vietare i botti, dopo che la gran parte delle persone li ha già acquistati (consentiti o meno), non dà proprio il segnale che si voglia fare sul serio.

La netta impressione è che si tratti ormai di un rito che l’amministrazione capitolina di turno celebra ogni anno per non scontentare le associazioni animaliste, preoccupate per i nefasti effetti dei botti sugli animali domestici, pur sapendo che il provvedimento non sortirà effetto alcuno.

 

Ieri la LAV Roma ha emanato un comunicato stampa in cui chiede al sindaco Gualtieri di procedere anche quest’anno con l’ordinanza anti-botti tra Capodanno e l’Epifania, ma anche di rendere permanente una tale misura promuovendo una delibera che ne faccia una norma stabile per Roma Capitale.

Sull’opportunità di emanare anche quest’anno l’ordinanza anti-botti nutriamo molti dubbi, sia perché ancora una volta si è arrivati troppo a ridosso del Capodanno, sia perché già si sa che essa rimarrà lettera morta. Meglio quindi evitare di stabilire una norma, pur transitoria, ben sapendo che essa verrà del tutto ignorata.

 

L’idea di introdurre stabilmente nella normativa capitolina il divieto di fare botti a Capodanno ci vede invece del tutto d’accordo. Non si capisce anzi perché la cosa non sia già stata fatta, visto quanto si afferma normalmente nelle ordinanze. Questo un estratto dalle premesse del provvedimento dello scorso anno:

 

 

Si parla di “ingenti danni strutturali al patrimonio storico e archeologico di Roma“, di “emissione di inquinanti nell’ambiente in spregio agli adottati provvedimenti di riduzione delle emissioni“, di rischi soprattutto per i minori.

Considerato che tali rischi sono sempre associati all’utilizzo di botti e petardi e che il Capodanno arriva inesorabilmente ogni anno, cosa si aspetta a rendere permanente il divieto, con apposita delibera, così da dare ai romani un segnale chiaro per i prossimi anni?

Ovviamente ci saranno sempre quelli che del divieto si faranno beffe, ma con un’adeguata comunicazione si potrà convincere la gran parte dei romani che della tradizione dei botti a Capodanno si può fare benissimo a meno.

 

Intanto per quest’anno scommettiamo che il sindaco Gualtieri procederà col tradizionale rito dell’inutile ordinanza, anche in questo mancando di segnare una discontinuità con l’amministrazione precedente.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Meglio i tavolini o le auto? A Roma abbiamo tutti e 2.
In via Ripetta, come in tante altre strade, la sosta regolare è stata sostituita da dehors. Giusto o sbagliato che sia, perché vengono tollerate auto in doppia fila, spesso degli avventori dei locali?

Rendere balneabile il laghetto dell’Eur. Pro e contro del progetto.
Entro 5 anni si potrà fare il bagno e prendere il sole. Costo 8 milioni a carico di Eur spa. E se questi fondi fossero destinati a completare l’Acquario?

Municipio XIII. A via Cardinal Pacca c’è il progetto per questo #blackpoint ⤵️

Pedoni pugnalati alle spalle, zero visibilità, velocità.

Ma il progetto non interviene proprio sul punto critico, nonostante decine di collisioni negli anni.

Noi diciamo che va cambiato il progetto

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria