Svuota cantine abusivi: approvata una mozione in Assemblea Capitolina

Di Palma (M5S), primo firmatario: è l'unico modo per fermare i roghi tossici. Serve anche un elenco di società regolari che smaltiscano i materiali in discarica

E’ ironico Roberto Torre, residente di Tor Sapienza, da anni in prima fila contro i roghi tossici: “Ci dicono che col Covid occorre tenere le finestre aperte ma da noi è impossibile”.

Anche il 2021, come gli ultimi 10 anni, si è aperto con fumi e roghi tossici nel quartiere. E non è solo la baraccopoli di via Salviati a provocare i continui incendi abusivi che appestano l’aria. Gli abitanti di Conca d’Oro e delle Valli lamentano odore di plastica bruciata. A Colli Aniene la diossina spaventa più del Coronavirus dato che fin dal 2014 è considerato il problema più preoccupante secondo un sondaggio svolto tra i residenti.

 

Insomma l’aria a Roma non cambia e il motivo è noto ai nostri lettori: intervenire sui campi rom o sulle baraccopoli è inutile. Quella è l’ultima tappa della filiera dei materiali da bruciare.

Per stroncare il fenomeno occorre partire all’origine, da chi raccoglie i materiali e – non smaltendoli  in maniera corretta – alimenta questa catena di illegalità.

Un appello lanciato da sette associazioni, con la collaborazione del nostro giornale, ha già raccolto l’adesione di oltre 30 realtà cittadine. E continua a girare e far parlare. Il senso dell’appello è: fermiamo gli svuota cantine abusivi che si pubblicizzano con cartelli e adesivi illegali e fermeremo anche i roghi tossici.

E’ di pochi giorni fa una mozione approvata dall’Assemblea Capitolina a prima firma del consigliere 5Stelle, Roberto Di Palma.

Nella mozione si chiede un intervento a tutti i livelli istituzionali per risolvere la piaga degli svuota cantine. Soluzioni messe a punto grazie al lavoro di indagine delle forze dell’ordine e in particolare del Nad, il Nucleo Ambiente e Decoro della Polizia di Roma Capitale.

In seguito ad appostamenti, riprese con telecamere nascoste e sequestri, hanno provato la correlazione tra le centinaia di migliaia di adesivi che pubblicizzano gli svuota cantine, le discariche abusive e i roghi tossici.

 

Spiega il consigliere Di Palma nella sua mozione che per risolvere il problema occorre il blocco dei numeri telefonici pubblicizzati illegalmente, la realizzazione di un archivio nazionale delle violazioni in tema di rifiuti e la confisca del mezzo per chi reitera il reato.

Una volta creato un elenco di società regolari che possono svolgere l’attività di piccolo trasporto e smaltimento e limitato il fenomeno degli svuota cantine abusivi, i roghi tossici diventeranno una rarità.

Una leggina approvata al Senato e alla Camera o un provvedimento inserito in uno dei mille decreti che il Governo produce settimanalmente potrebbe dare la svolta alla situazione. Non è certo la crisi di governo apertasi in questi giorni a far distrarre deputati e senatori dalle questioni concrete. Da tempo, infatti, viene sottoposto a tutte le forze politiche questo tema di grande rilevanza per la salute dei cittadini, ma sembra che vi sia sempre qualcosa di più urgente da fare.

Eppure tutelare la salute non significa occuparsi ossessivamente solo di Covid ma evitare che migliaia di romani respirino troppi giorni l’anno diossine e residui plastici bruciati.

La mozione approvata in Campidoglio è un piccolo passaggio per sollevare la questione e non farla cadere nel dimenticatoio.


Se fermiamo adesivi e cartelli, possiamo rallentare i roghi tossici 

Tante adesioni all’appello No Roghi Tossici. I video delle associazioni 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Che non ti fai l’aperitivo a piazza in Lucina appoggiando la tua Porsche dove capita, che tanto con quella targa non rischi proprio nulla? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Che non ti fai l’aperitivo a piazza in Lucina appoggiando la tua Porsche dove capita, che tanto con quella targa non rischi proprio nulla?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/GY44CrCGIY

Prove di #rinascita del Quartiere Incis La Pisana Presentiamo un giovane comitato che vuole trasformare il proprio quartiere rendendolo bello e accogliente per tutti... #Roma #news 👇📰 diarioromano.it/prove-di-rinas…

Quattro mesi di #chiusura di Villa Celimontana e ancora non si vede la fine Uno dei parchi più belli del centro resta interdetto ai cittadini e non se ne intravede la #riapertura. Flashmob delle associazioni Progetto Celio e CelioAperto #Roma 👇📰 diarioromano.it/quattro-mesi-d…

Accanto al mercato di Casal de’ Pazzi sono comparsi nuovi rifiuti abbandonati. Ad aprile avevamo già segnalato un’altra discarica illegale a pochi metri. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Accanto al mercato di Casal de’ Pazzi sono comparsi nuovi rifiuti abbandonati. Ad aprile avevamo già segnalato un’altra discarica illegale a pochi metri.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/zLgwXtCk8L

Stefàno: “Non mi ricandido. Virginia confermata senza neanche un dibattito” L'esponente storico dei 5stelle romani lancia una pesante critica ai 5 anni di amministrazione. "Cosa è cambiato per non ripetere gli stessi errori?" #Roma #12maggio 👇📰 diarioromano.it/stefano-non-mi… Retweeted by diarioromano

“Questo tram ti racconta Roma”. Si. Il 2 ti racconta di una cittá allo sbando dove una linea di tram è sostituita da navette da più di 6 mesi e l’azienda che gestisce il trasporto urbano non è in grado di dare una data di ripristino del serv. Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close