Sono passati due anni da quando il Sindaco Raggi annunciò in pompa magna l’operazione #StradeNuove:

 

“L’operazione #StradeNuove è partita. Possiamo dirlo, ora che sono iniziati i primi lavori (alcuni già conclusi) per affrontare, come nessuno ha fatto prima, uno dei problemi più sentiti dai romani: le buche stradali.”

 

E ancora:

 

Presto presenteremo nel dettaglio contenuti, costi, tempi dell’operazione e gli strumenti con cui i cittadini potranno costantemente verificare l’avanzamento dei lavori.

 

Come chiunque può verificare quotidianamente, le buche stradali, “uno dei problemi più sentiti dai romani” è stato in effetti affrontato come nessuno ha mai fatto prima, ossia non è stato proprio affrontato. Non si è andati infatti al di la dei soliti interventi spot, con ricoperture periodiche delle buche più pericolose e poche riasfaltature degne di questo nome.

 

Anche la promessa di fornire ai cittadini i dettagli di tutta l’operazione e gli strumenti per verificarne l’avanzamento si è andata a far benedire.

Una delle strade che avevamo preso al tempo come esempio dei mancati interventi era stata via Walter Tobagi, una grande arteria situata nella periferia est di Roma, devastata da sempre da buche profonde ed interi tratti di asfalto completamente ammalorato. A maggio 2017 ci eravamo chiesti quando sarebbe uscito il cronoprogramma degli interventi previsti da #StradeNuove, per capire quando aspettarsi qualcosa a via Walter Tobagi.

Tornammo sull’argomento a settembre dello stesso anno ma per via W. Tobagi ancora nessuna novità, a parte qualche toppa messa sulle buche peggiori.

Infine a novembre 2018 abbiamo di nuovo parlato del tema manutenzione stradale, riprendendo la proposta di Fubini di un appalto unico per gestire la manutenzione stradale a Roma (questa sì che sarebbe stata una soluzione “come nessuno ha fatto prima”).

 

Ma di un piano per affrontare in maniera convincente il problema della manutenzione stradale a Roma continua a non sentirsi alcuna notizia. Anche l’assessore Gatta pare essersi completamente defilata, conscia evidentemente dell’inadeguatezza della sua persona per un tale improbo compito.

Recentemente si sono lette ipotesi di un avvicendamento sulla poltrona dei Lavori Pubblici, col Sindaco Raggi che deve essersi resa conto della stupidaggine fatta nell’affidare una posizione tanto critica ad una neofita tanto poco attrezzata per gestirla.

 

Fatto sta che i cittadini romani sono costretti a convivere con buche e asfalti molto deteriorati, senza aver un’idea di quando ci si possa aspettare qualche intervnto serio.

 

A riprova del persistere di un generalizzato stato comatoso delle strade romane, siamo tornati a via W. Tobagi per verificare la situazione ad oggi.

Ebbene, di nuovo nulla appare cambiato, come da immagini accluse.

 

 

 

 

 

 

Dopo tre anni di amministrazione M5S una grande strada percorsa ogni giorno da migliaia di autoveicoli è ancora nelle condizioni mostrate e senza uno straccio di piano che indichi quando tornerà ad essere una via minimamente normale.

 

Che anche su questo tema la città di Roma sia allo sbando è un dato di fatto. Che cosa aspetti la Raggi a rimandare Margherita Gatta nell’ufficetto da cui proviene è cosa che sfugge alla comprensione.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »