Stazione Nomentana: devastate le opere di street art. E tutto tace

Niente! A Roma non resiste niente alla devastazione, neanche le opere realizzate dagli artisti di strada, da coloro che dovrebbero essere l’espressione della libertà, della cultura giovanile e popolare. La stazione Nomentana, uno dei luoghi più degradati della città, aveva trovato nuova vita grazie a bellissimi murales realizzati da pittori indipendenti. In soli 9 mesi, tutto quel lavoro è andato perduto.

La colpa è ovviamente dei soliti coatti graffitari e vandali. Ma non solo loro. Anche le istituzioni hanno una grande responsabilità e vedremo tra poco perchè. Prima cominciamo col mostrarvi lo scempio del tunnel della stazione e di tutte le rampe che portano ai binari.

Nessuna opera è stata salvata: con pennello o peggio ancora con secchiate di vernice sono state coperte tutte le pitture.

Graffiti staz nomentana
Sull’opera ora campeggia: “Fanculo street art”
Graffiti staz nomentana2
“L’arte non ci serve a niente”

 

Graffiti staz nomentana6
“Libertà”

 

Graffiti staz nomentana5
“Basta legali”

 

Graffiti staz nomentana4

 

Graffiti staz nomentana3

 

Graffiti staz nomentana7

 

Insomma il messaggio che questi idioti mandano è molto chiaro: loro non vogliono i  muri legali, l’arte a loro non piace. La città deve invece essere coperta di scarabocchi senza senso, di spruzzi di bomboletta che hanno l’unico scopo di rendere tutto brutto e anonimo, di rimbecillire chi guarda.

E’ un fenomeno che si verifica in moltissime città del mondo, eppure tutte le grandi capitali occidentali l’hanno risolto. A Parigi, Vienna, Londra, New York, Madrid è difficile se non impossibile trovare una stazione abbellita da street artists che poco dopo viene coperta da robaccia del genere. Quelle città, infatti, hanno adottato delle misure preventive e repressive: la prevenzione si fa con telecamere, squadre di polizia urbana apposite (vedi il caso Parigi), educazione nelle scuole. La repressione la esercitano le forze dell’ordine grazie a database delle tags, ad indagini sui profili social (dove spesso costoro si vantano del proprio operato) e il magistrato obbliga chi viene colto in fallo a ripulire.

A Roma tutto questo non accade, anzi si prendono le tags come eventi inesorabili, come se fossero fulmini o temporali, contro i quali l’uomo nulla può fare. Il Campidoglio delega ai volontari la politica del decoro. E spesso i volontari come Retake, pur animati dalle migliori intenzioni, non hanno idea di cosa significhi incardinare una vera azione preventiva.

E così nello stesso giorno in cui diarioromano scattava queste foto alla Stazione Nomentana, l’assessore Meleo inaugurava alla stazione San Giovanni un bel murales firmato dall’artista Tina Loiodice. Senza il minimo accenno alla difesa di quell’opera, alla sua tutela e alla contestuale condanna di chi imbratta.

Le ultime amministrazioni, da Veltroni, ad Alemanno, passando per Marino non hanno saputo intavolare nessuna politica seria sulle tags. Se si eccettua la promessa (non mantenuta) di Marino che avrebbe piazzato delle trappole per i graffitari, il nulla è stato fatto. E la giunta Raggi si sta dimostrando la peggiore di tutte in termini di difesa del decoro della città.

Chi oggi passa dalla Stazione Nomentana non nota quasi più le belle opere che affrescavano i muri. Ora vede solo confusione, sciatteria e degrado. E’ il solito specchio di Roma.

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Strisce pedonali verso un marciapiede sbarrato. Strisce pedonali rifatte da poco in via Parigi, ma che finiscono su un marciapiede praticamente inaccessibile. Nessuno che si chieda come ciò sia possibile, per di più in un luogo tanto centrale? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Strisce pedonali verso un marciapiede sbarrato.
Strisce pedonali rifatte da poco in via Parigi, ma che finiscono su un marciapiede praticamente inaccessibile. Nessuno che si chieda come ciò sia possibile, per di più in un luogo tanto centrale?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Bcy85K98xA

È online il sondaggio per rilevare la soddisfazione degli utenti del Trasporto pubblico di Roma. Se nel corso del 2022 siete stati utenti anche solo occasionali non perdete la possibilità di dire la vostra! Richiede account Google ma è anonimo. forms.gle/L8yZWT7PD1bhhC… Retweeted by diarioromano

Sullo spostamento del Discobolo dal Museo Nazionale Romano ci sarà un incontro pubblico l'8 febbraio 18:30, presso la Casa del Municipio I in via Galilei 57, con il direttore del museo, Stèfane Verger, e l'assessore alla cultura del Municipio I, @giuliaghia3. twitter.com/diarioromano/s…

test Twitter Media - Sullo spostamento del Discobolo dal Museo Nazionale Romano ci sarà un incontro pubblico l'8 febbraio 18:30, presso la Casa del Municipio I in via Galilei 57, con il direttore del museo, Stèfane Verger, e l'assessore alla cultura del Municipio I, @giuliaghia3. https://t.co/YbdaqlepKk https://t.co/XjVAAFFjOK

Un salto nel passato dei trasporti grazie al modellismo. Una #mostra a Torre Maura I bus e i tram d'epoca, le storiche paline #Atac, auto della Polizia e caserme dei Pompieri, oltre agli immancabili treni. Evento organizzato da Vivitreno 👇📰 diarioromano.it/un-salto-nel-p…

Stasera h.20,15 ca. siamo ospiti su @radioromait da @anderboz per parlare dei rifiuti al 6°mun., quelli che vedete nel video di stanotte. Naturalmente scordatevi confronti con @Sabrinalfonsi e/o @gualtierieurope , troppo impegnati in spot elettorali @diarioromano @Luce_Roma Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close