Si rivedono le potature a Roma! Ma non basta

Riceviamo in copia e rilanciamo.

 

Salve,
pochi giorni fa oltre alla potatura degli alberi in via Francesco Grimaldi (come comunicato dagli avvisi apposti) ne avete tagliati (lasciando il solito ceppo) almeno 10/15, piccoli, grandi, senza nessuna spiegazione, senza che presentassero problemi o malattie evidenti.
Sarenne opportuno che in una zona dove già gli alberi sono rari prima di eliminarli si comunicasse il perchè e/o almeno si provasse a salvarli. Sembra invece che questa giunta abbia intrapreso, ormai da anni, una mattanza (spesso indiscriminata) di alberi, nascondendosi sotto la voce “potatura”! Sono ormai decine le vie che hanno subito questo trattamento e, anche dopo diverso tempo, i ceppi sono ancora lì e di sostituire le piante tagliate non v’è traccia.
Assessore Fiorini, le sarebbe possibile spiegarci il perchè di questo comportamento? Potrebbe spiegarci il perchè di questi abbattimenti (senza trincerarsi dietro la solita scusa che erano malati?) Potrebbe, almeno una volta, interloquire con chi le paga lo stipendio, cioè noi cittadini? Oltretutto, cosa molto importante, quand’è che provvederete alla sostituzione di quelli abbattuti?
Marco
Proviamo anche noi a sollecitare l’assessore Fiorini, nella speranza che oltre a cominciare a vedere qualche intervento sugli alberi di Roma (potati quelli di viale Manzoni, in corso di potatura quelli di viale Parioli) ella vorrà cambiare registro iniziando a dialogare con i cittadini.
D’altronde tra le sue deleghe c’è anche la “Cura dei rapporti con la cittadinanza attiva …”, anche se finora di rapporti non se ne sono visti molti.

 

 

 

Ne approfittiamo per ricordare anche l’albero da incubo alla stazione Termini, sempre lì a rappresentare degrado e pericoli.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »