Ripulita l’area sotto Ponte Nomentano da dove originavano roghi tossici

Ieri intervento dell'Ama e dell'assessorato. Restano da portare via vecchi mobili. Le immagini della scala di via Livorno dopo la bonifica della scorsa settimana

A settembre vi avevamo mostrato il luogo impossibile dove viveva Iosif, uno straniero senza dimora che aveva eletto l’area sotto Ponte Nomentano a casa provvisoria. Da alcune settimane Iosif si è allontanato e la zona era rimasta in condizioni disperate, con accumuli di rifiuti e masserizie. Nelle foto che seguono la situazione fino a lunedì.

 

Ieri mattina l’Ama e l’assessorato all’Ambiente di Roma Capitale hanno proceduto ad una bonifica completa e una profonda pulizia. Gli operai della linea decoro Ama, coordinati da Alberto Di Vincenzo, hanno rimosso una marea di immondizia che a volte veniva bruciata. Ecco le foto dopo l’intervento di Ama.

 

 

 

“Quando avete sentito parlare di roghi tossici lungo la tangenziale, uno dei luoghi dai cui veniva appiccato il fuoco era proprio questo”, scrive sulla sua pagina Facebook, Rino Fabiano, assessore al Verde Pubblico del II Municipio. Fabiano fa notare che durante le operazioni di bonifica era presente Antonella Liardo, delegata da Sabrina Alfonsi a seguire questo tipo di operazioni.

Un buon segnale se l’assessorato capitolino ha voluto dedicare una risorsa a seguire il decoro di tante aree abbandonate. Inoltre, in questa occasione, si è riusciti a coordinare i compiti dei vari enti che dovevano intervenire: capita infatti che i rifiuti ingombranti vadano portati via da ditte speciali e non da Ama, che l’Ufficio Giardini debba occuparsi degli spazi verdi e così via. Una figura di riferimento che riesca a mettere in fila i ruoli di ciascuno è indispensabile.

In realtà il letto dove dormiva lo straniero, l’armadio, una vecchia lavatrice e tanto altro materiale sono ancora sul posto e dovranno essere trasportati in discarica nei prossimi giorni.

Anche l’area a ridosso della Tangenziale è stata ripulita.

 

Un’operazione simile era stata condotta la settimana scorsa nei pressi di piazza Bologna, in quella che nel quartiere chiamano “la scala dell’inferno”. In fondo a via Livorno, i sottopassi della ex Tangenziale erano diventati una gigante discarica. Alla presenza dell’assessore Alfonsi sono stati bonificati dagli uomini dell’Ama. Siamo andati a verificare le condizioni attuali.

Uno degli accessi è stato parzialmente recintato con la “tradizionale” rete arancione per via dei gradini dissestati e dei marmi staccati. Ma è comunque possibile entrare.

All’interno le luci sono funzionanti, il pavimento è pulito e non ci sono più rifiuti. Certo non si ha l’impressione di essere in un sottopassaggio di Zurigo, ma per gli standard romani è già qualcosa.

 

“Fa schifo”, direte voi! Si è vero, ma dobbiamo fare il raffronto con la situazione precedente quando il tanfo si avvertiva dai palazzi circostanti e l’interno era una massa informe di rifiuti.

 

Il prossimi da bonificare dovrebbero essere i sottopassaggi di Porta Pia e corso Italia che invece sono in ottime condizioni edili, perché riverniciati e risistemati da poco ma già sono stati occupati i e adibiti ad immondezzaio.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close