Quartiere Trieste: 130 alberi caduti o abbattuti. E nessuno ripiantato

In alcuni casi gli abbattimenti erano indispensabili. In altri discutibili tanto che i cittadini spesso si sono chiesti se davvero un pino, un leccio o un platano erano arrivati alla fine della loro vita. Fatto sta che ci sono quartieri di Roma che stanno cambiando fisionomia. Paesaggi segnati dalle chiome verdi che ora si presentano brulli e aridi.

Il Trieste Salario è uno degli ambiti che ha subito il danno maggiore. Secondo i dati di Legambiente, riportati da Roma h24, negli ultimi mesi sono caduti 80 alberi di alto fusto e ne sono stati tagliati 50 dagli operai comunali. A fronte di questi 130 alberi mancanti, non è stato ripiantato neanche un arbusto piccolino. Il nulla più assoluto. E non si prevedono nuove piantumazioni per tutto il 2019.

 

“Abbiamo chiesto al Campidoglio di inserire in bilancio una voce per l’acquisto di nuove piante”, dice l’assessore all’Ambiente del II Municipio, Rosario Fabiano. Ma per ora fondi non ce ne sono e il rischio concreto è che le prossime estati il clima sarà più torrido a causa della minore presenza di verde. Le cosiddette “isole di calore” si riducono molto grazie all’ombra provocata dalle foglie che permettono all’asfalto di infuocarsi meno. Inoltre il verde aiuta lo smaltimento dello smog. Un fusto di 20 metri di altezza, può assorbire in un anno un chilo di particolato atmosferico.

Il regolamento del verde attualmente in vigore (quello nuovo è in attesa dell’approvazione in consiglio comunale) prevede che per ogni albero abbattuto ne debba essere piantato un altro entro sei mesi. Ma deve trattarsi di un albero adatto a quel tipo di terreno, con caratteristiche precise: una circonferenza del tronco non inferiore ai 30 cm e un altezza di almeno 4 metri. Ecco perché le piantumazioni che si vantò di fare l’ex assessora all’Ambiente Montanari sembrarono ridicole. E infatti quei poveri bastoncini abbandonati grossolanamente alle intemperie hanno fatto una brutta fine.

Nel caso del quartiere Trieste (ma lo stesso accade per le altre zone di Roma) occorre progettare un serio piano di risistemazione di ciò che è caduto o è stato abbattuto.

Il dato sul reale numero di abbattimenti era un mistero fino a che la consigliera del I Municipio Nathalie Naim è riuscita ad ottenere una informativa dal Dipartimento Ambiente. Nel 2016 sono stati ben 3.033, nel 2017 sono stati 3.238 e nel 2018 si sono sfiorati i 3 mila esemplari. Significa che in tre anni Roma ha un saldo negativo di quasi 10 mila alberi, a fronte del quale ne sono stati piantati pochissimi.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Come previsto, per Capocotta ancora niente bandi assegnati. E siamo a maggio.
La denuncia di Andrea Bozzi: sulla Litoranea non ci saranno i Vigili Urbani e perfino i bus Atac. Un caos totale che rischia di danneggiare le dune e i cittadini.

A Tarquinia si fa una vera differenziata con isole ecologiche in tutta la città.
Per gettare i rifiuti serve una tessera personale che permette di pagare meno Tari. Impossibile il rovistaggio. Eppure siamo a pochi km da Roma.
#fotodelgiorno

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino.
Nuova iniziativa dei residenti, sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato.

Come sta messa la (non più) nuova Fiera di Roma?
Uno dei tanti percorsi pedonali dell’area della Fiera di Roma interrotto da una vegetazione fuori controllo. L’ennesima declinazione di una città allo sbando.
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino

Nuova iniziativa dei residenti del rione che sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato

Leggi l'articolo »