La forestazione “alla romana” della Montanari

Del livello imbarazzante dell’assessore all’ambiente Pinuccia Montanari ed in particolare della sua personalissima concezione di “albero” ci siamo già occupati più volte.

Torniamo a parlarne in occasione dell’evento organizzato ieri dal gruppo Green City Roma presso il parco Bonafede per verificare lo stato di uno degli interventi di “riforestazione urbana” organizzati dalla Montanari e per dare conto dell’accesso agli atti fatto dal gruppo in relazione alla stessa iniziativa.

Lo scorso febbraio si era infatti tenuta una nuova puntata dell’iniziativa #Alberiperilfuturo ed il parco Bonafede, all’Alessandrino, era stato uno di quelli in cui l’assessore Montanari si era esibita con la sua personalissima tecnica di piantumazione. Subito dopo quell’evento, il Sindaco Raggi insieme all’assessore Montanari aveva pubblicato un video in cui magnificava quella riforestazione dicendo che di alberi ne erano già stati piantati circa tremila.

 

Per verificare il numero effettivo di alberi piantati, le specie utilizzate e la loro provenienza, i cosiddetti “alberisti” di Green City Roma hanno fatto un accesso agli atti presso il Dipartimento Ambiente ricevendo una risposta incompleta e con numeri diversi da quanto comunicato.

Il Dipartimento comunica che ai diversi municipi sono stati consegnati in totale 2.229 alberi (ben lontano quindi dai tremila dichiarati dalla Montanari), di cui 331 piantati nel parco Bonafede. Nulla viene detto invece riguardo la provenienza di questi alberi, se essi siano stati donati o acquistati.

Riguardo ai 331 che dovrebbero essere stati piantati nel parco Bonafede, i presenti alla manifestazione di ieri si sono esercitati nel contare gli alberelli ma al massimo si arriva ad una settantina, facendo venire il dubbio di che fine abbiano fatto gli altri 250 circa.

Anche le specie riportate nella risposta del Dipartimento non corrispondono a quelle effettivamente piantate (essenzialmente carpini e pini), con il piccolo mistero della Montanari che nel video dice di piantare un faggio mentre di faggi non c’è traccia né nella risposta del Dipartimento né nel parco (ma l’assessore ha già altre volte dimostrato di confondere con facilità le specie arboree).

 

Di seguito alcune foto prese durante la passeggiata nel parco dove si può apprezzare l’erba incolta che sommerge la gran parte degli alberelli piantati (con qualche pino che dà già segnali di morte), l’estrema giovinezza delle piante che le mette a serio rischio durante la stagione calda e l’assenza di tutori degni di questo nome, con molte piantine prive anche di un bastoncino che le sorregga e le faccia vedere. In tali condizioni è facile immaginare quante piantine verranno fatte fuori durante lo sfalcio dell’erba del parco.

 

 

 

 

Il tutore di questo carpino è in alianto, un noto infestante, con molte più possibilità di attecchire e prosperare del carpino stesso

 

Alla ricerca degli alberelli nell’erba alta

 

 

 

Dimostrato ancora una volta che #Alberiperilfuturo è un’operazione puramente promozionale, stanti le possibilità pressoché nulle che piantine così piccole e deboli possano sopravvivere alla stagione calda, gli alberisti di Green City Roma chiedono che esse  vengano rimosse, risistemate in vaso e portate in un luogo dove esse possano crescere fino alla dimensione giusta per essere poi piantate su terreno aperto.

Come hanno infatti spiegato, per un alberista è sì una pena assistere al taglio di numerosi grandi alberi a Roma, ma lo è altrettanto il vedere tanti “cuccioli” di albero destinati a morte certa.

 

L’occasione è stata buona per chiedere ancora una volta le dimissioni dell’assessore Montanari, ça va sans dire.

 

P.s.: il parco Bonafede prende il nome da Francesco Bonafede, fondatore a Padova del primo orto botanico al mondo, nel XVI secolo. C’è da credere che le pratiche adottate dalla “compagnia Montanari” lo stiano facendo rivoltare nella tomba.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Ferromodellismo: nel fine settimana nuova edizione di Trenini in Parrocchia.
Sabato 25 e domenica 26 maggio VIII edizione della mostra di modellismo ferroviario presso la parrocchia San Giovanni Leonardi in via della Cicogna 2 (Torre Maura)
#fotodelgiorno

Furti in metro: tira una brutta aria da giustizieri fai da te. Basterebbero presidi fissi.
Nel resto d’Europa agenti in borghese o divisa sono sempre sui treni. A #Roma invece siamo a ronde poco simpatiche. E col Giubileo la situazione peggiorerà.

Hiv: fino a domenica test senza prenotazione allo Spallanzani e in altri 5 centri.
Per l’European Testing Week ancora più facile sottoporsi a controlli. #Roma, con 5,2 diagnosi ogni 100mila abitanti, resta la città con maggiore incidenza.
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino

Nuova iniziativa dei residenti del rione che sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato

Leggi l'articolo »