Qualcosa si muove al Parco della Resistenza

Avevamo parlato la scorsa settimana dell’incredibile chiusura dal 10 giugno scorso dell’intero Parco della Resistenza all’Aventino. Il motivo ufficiale era la necessità di verificare la staticità degli alberi, ma chiaramente una tale operazione non può prevedere settimane di chiusura del parco. Ed infatti ai solleciti degli abitanti l’Ufficio Giardini aveva risposto di non avere attrezzature adatte a potare alberi superiori ai tre metri di altezza (!?!)

Saranno stati i solleciti degli abitanti, o forse il piccolo faro che vi abbiamo acceso noi o semplicemente qualcuno dell’amministrazione si è reso conto di quanto assurda fosse questa chiusura, ebbene qualcosa pare essersi smosso e sono stati effettuati i primi interventi di ripulitura del parco in vista, si spera, di una riapertura in tempi veloci. Questo il comunicato emesso dalla Polizia Locale Roma Capitale:

 

La Polizia Locale bonifica il Parco della Resistenza

E’ di ieri l’ intervento straordinario condotto da personale del Pics, pronto intervento centro storico del Comando Generale della Polizia Locale, unitamente a personale del Servizio Giardini e  Ama, volto a bonificare il Parco della Resistenza.

L’operazione, preceduta da opere propedeutiche iniziate dal Servizio Giardini già nel corso della settimana, è stata finalizzata alla rimozione di materassi, masserizie, rifiuti,  giacigli e rifugi all’interno dell’area cani e nell’area ludica per i bambini. Si è proceduto, inoltre, alla pulizia a mezzo spazzatura meccanica di tutti i viali, così come alla raccolta di siringhe e alla sanificazione di alcuni luoghi più degradati .

Ancora da effettuare alcune opere di manutenzione del verde, quali la potatura dei polloni  di alcuni alberi e quella dei rami secchi .

Roma, 20 luglio 2017

 

ParcoRes2

 

ParcoRes1

 

Da ieri, inoltre, i cancelli sono stati riaperti. Il Parco è tornato fruibile e si presenta in condizioni discrete anche se gli alberi da potare hanno tutti una lunga e selvaggia chioma. Simona Minervini, dell’associazione Ancilia, ha fatto un sopralluogo nel parco e lo ha trovato piuttosto in ordine. Niente più barboni, niente più materassi e giacigli di fortuna. Un responsabile del Servizio Giardini ha vigilato sull’andamento dei lavori per tutta la giornata di ieri e di giovedì. Interrogato sulla riapertura non ha saputo rispondere se si tratta di una scelta definitiva o provvisoria. Quel che è certo è che l’8 settembre prossimo arriverà il Presidente della Repubblica per rendere omaggio alle vittime della Resistenza e per quella data il giardino sarà certamente in perfetto stato. Verrà poi lasciato andare per il resto dell’anno come è accaduto le volte scorse?

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »

Stiamo perdendo anche Garbatella?

“Sarebbe urgente mettere un argine a tutto questo se non vogliamo stravolgere molte nostre città, che si stanno trasformando in mega luna park, e ristoranti a cielo aperto.” Il contributo di una lettrice.

Leggi l'articolo »