Pineto: ultimi rantoli di un parco che muore

Gli amici Volontari Decoro XIII° lo sapevano da tempo. La festa, l’ennesima, organizzata da una comunità straniera all’interno del Parco del Pineto avrebbe provocato un degrado senza fine. Ne hanno parlato con la neo presidente del Municipio, hanno allertato le guardie di Roma Natura (l’ente che sovrintende sul Parco), hanno cercato in tutti in modi di evitare che la festa si svolgesse dato che non vi sono le autorizzazioni.

Ma niente! Domenica scorsa, come un destino inesorabile, centinaia di persone hanno bivaccato, mangiato, bevuto all’ombra dei pini secolari. E dopo hanno lasciato tutto lì: rifiuti, piatti e bicchieri di plastica, bottiglie.

Ma non basta: la notte sbandati e disperati di varia provenienza si accampano nell’area e al mattino lasciano i loro giacigli di fortuna, gli abiti rimediati nei cassonetti, i residui organici al centro del parco. Questo accade tutte le notti da tempo immemore ormai.

E poi i roghi: dopo l’ultimo nel tratto di Valle Aurelia, ecco quello di domenica che ha sollevato un denso fumo nero che pizzicava i polmoni. L’altra piaga di Roma, quella dei roghi, contro la quale sembra (ma non è così) sia impossibile agire. Franco, uno degli animatori del gruppo Volontari Decoro XIII° e storico combattente per la difesa del Pineto, ci manda queste foto. Le ha scattate domenica, ma potrebbero essere state scattate in una giornata qualsiasi, tanto la situazione è sempre la stessa. La città sembra aver abdicato al proprio ruolo: non prova neanche più a mantenere un minimo di decoro, di legalità. La polizia interviene dopo, a cose fatte, quando qualche ubriaco si fa male o quando qualche ragazza è costretta a scappare per la paura.

L’idea di prevenire, di controllare il territorio è del tutto avulsa nella Roma del 2016. E solo i volontari, con la loro fatica, col loro impegno, cercano di mettere argine ad una deriva molto triste.

 

Pineto festa 2

 

Pineto festa

 

Pineto rifiuti

 

Pineto rifiuti 2

 

Pineto rifiuti 3

 

Pineto rifiuti 4

Pineto rifiuti 5

 

Pineto roghi

 

Pineto roghi 2

 

Pineto polizia

 

Condividi:

Una risposta

  1. E’ desolante constatare che neanche i numerosi omicidi commessi nel Parco, legati quasi sempre all’ambiente della prostituzione maschile, siano riusciti a smuovere le acque. Le “autorità competenti” mettono in atto sempre soluzioni temporanee e così dopo poco tempo tutto torna come prima.
    Le associazioni riunite nella Rete del Pineto hanno raccolto oltre 2.000 firme per chiedere la recinzione del Parco tra l’Auditorium e Via Gioacchino Ventura (Forte Braschi) e hanno chiesto un incontro alle autorità regionali per perorare la causa.
    Siamo ancora in attesa di essere convocati.
    Nel frattempo tutto procede come descritto nell’articolo.

    Franco Quaranta – Volontari decoro Tredicesimo

    P.S: seguiteci su FB!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Come previsto, per Capocotta ancora niente bandi assegnati. E siamo a maggio.
La denuncia di Andrea Bozzi: sulla Litoranea non ci saranno i Vigili Urbani e perfino i bus Atac. Un caos totale che rischia di danneggiare le dune e i cittadini.

A Tarquinia si fa una vera differenziata con isole ecologiche in tutta la città.
Per gettare i rifiuti serve una tessera personale che permette di pagare meno Tari. Impossibile il rovistaggio. Eppure siamo a pochi km da Roma.
#fotodelgiorno

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino.
Nuova iniziativa dei residenti, sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino

Nuova iniziativa dei residenti del rione che sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato

Leggi l'articolo »