Mercato S. Giovanni di Dio: fotoreportage tra cavi a penzoloni e contatori alle intemperie

Dopo l'ennesimo rinvio dei lavori per il nuovo plateatico, siamo andati a visitare la struttura. L'unico aspetto positivo resta la simpatia e cordialità degli operatori

Ecco come potrebbe essere il Mercato di San Giovanni di Dio in questi render dello studio di architettura che si è aggiudicato il progetto

 

Ed ecco invece come è oggi nelle foto che diarioromano ha scattato in una mattinata di inizio aprile. Banchi barcollanti, saracinesche sfasciate, cavi elettrici che passano sopra la testa dei clienti e sembrano volersi staccare da un momento all’altro, per non parlare dell’igiene.

Molti i banchi ormai chiusi. Gli operatori che hanno lasciato o sono andati in pensione non sono stati più rimpiazzati. Nessuno crede a questo mercato con una riqualificazione che sembra non arrivare mai.
Le condizioni igieniche sono precarie e la conformazione delle lamiere permette ai topi di scorrazzare liberamente nelle intercapedini.

La sicurezza è il capitolo più dolente. Le tettoie si tengono con bulloni fatiscenti e per evitare l’ingresso di pioggia e sole, gli operatori hanno montato dei teli verdi in tessuto che via via si stanno sfaldando.

I contatori elettrici e i salvavita sono esposti alle intemperie e chiunque ha libero accesso agli armadi che li contengono. Gli sportelli sono divelti e lasciati in terra senza speranza.

 

L’aspetto positivo resta l’umanità di molti operatori che accolgono i clienti con il sorriso e con prodotti spesso freschi e di buona qualità. I prezzi sono convenienti ma tutto questo non basta a rendere accettabile le condizioni di vita e lavoro all’interno del mercato.

I fondi stanziati dal Comune nel 2020 (circa 5,1 milioni) vennero dirottati su altri scopi nel 2021/2022 e da allora la riqualificazione non è finanziata. Inoltre resta il nodo dello spostamento provvisorio. Dove potranno lavorare i banchisti durante il cantiere e chi pagherà i costi di trasferimento? Tutte domande al momento senza risposta anche se voci di quartiere parlano di un trasferimento a via Ghisleri per il tempo strettamente necessario ai lavori. Se il progetto di riqualificazione andrà in porto, il mercato potrebbe tornare a essere protagonista del quartiere, affiancando ai banchi tante altre attività tra cui ristoranti e bar che daranno vivacità all’area anche di sera.

 


Sullo stesso tema

I due mercati rionali di Monteverde sembrano in città diverse: uno devastato e l’altro quasi perfetto | Diarioromano

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

“Camminata critica” al Pigneto del Movimento @Diritti_Pedoni
Un percorso di cittadinanza attiva in cui sono state analizzate con residenti, professionisti e realtà locali, le criticità per chi cammina e suggerito proposte di miglioramento concrete.

Ferromodellismo: nel fine settimana nuova edizione di Trenini in Parrocchia.
Sabato 25 e domenica 26 maggio VIII edizione della mostra di modellismo ferroviario presso la parrocchia San Giovanni Leonardi in via della Cicogna 2 (Torre Maura)
#fotodelgiorno

Furti in metro: tira una brutta aria da giustizieri fai da te. Basterebbero presidi fissi.
Nel resto d’Europa agenti in borghese o divisa sono sempre sui treni. A #Roma invece siamo a ronde poco simpatiche. E col Giubileo la situazione peggiorerà.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino

Nuova iniziativa dei residenti del rione che sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato

Leggi l'articolo »