L’ex deposito auto di Tor di Quinto rimane una discarica

Nel marzo del 2017 ci introducemmo nell’ex deposito auto rimosse di Tor di Quinto. Era già chiuso da due anni e lo spettacolo di abbandono che ci si presentò davanti era davvero spaventoso. Cliccate qui e date un rapido sguardo alle foto da scenario post-atomico.

Oggi, a distanza di un anno e mezzo, i carri attrezzi abbandonati e le auto non ci sono più. Ma l’area resta nel totale degrado, con una recinzione orribile e rifiuti sparsi ovunque.

 

 

Siamo esattamente di fronte la Farnesina, in via Antonino da San Giuliano, strada dalla quale passano le delegazioni internazionali che raggiungono il Ministero degli Esteri. Impossibile non vedere lo schifo di quest’ettaro di terreno in completo disfacimento. L’area sarebbe di una particolare bellezza grazie ai pini e alla vista sul Monte Mario. Dunque si presterebbe a svariati usi.

Ma forse l’utilizzo migliore potrebbe essere ripristinare il parcheggio al suo interno così da dirottarci le macchine e le moto nelle giornate di manifestazioni sportive all’Olimpico.

Inoltre, sarebbe necessario puntellare la struttura che ospitava gli uffici e i bagni che – essendo pericolante – potrebbe cadere da un momento all’altro.

E’ probabile che l’area, di proprietà comunale ricordiamolo, sia stata lasciata così in attesa di ripristinarvi il deposito per le auto rimosse. Se così fosse potremo aspettare ancora anni prima di vedere una bonifica: la vicenda della gara d’appalto sui carri attrezzi è infatti uno dei più lampanti esempi dell’inettitudine dell’amministrazione Raggi. L’abbiamo raccontata più volte, ma l’esito finale lo trovate qui ed è appunto la cancellazione della gara perché scritta con i piedi. O forse con le mani ma non collegate ad un cervello pensante.

Non solo Roma è priva di un servizio essenziale come quello delle rimozioni, ma gli ex depositi devono costituire sacche di degrado e abbandono senza precedenti. Forse dovrà intervenire il Ministro degli Esteri in persona per chiedere un minimo di decoro di fronte lo storico edificio della Farnesina.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711 Retweeted by diarioromano

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709 Retweeted by diarioromano

Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore. . Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto!

test Twitter Media - Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore.
.
Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto! https://t.co/gX753oVegk

Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate. . #Roma #coronavirus #photo #lettori

test Twitter Media - Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate.
.
#Roma #coronavirus #photo #lettori https://t.co/J6wQJLyzvS

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close