Le bancarelle stanno uccidendo i negozi. Parola di Confcommercio

negozi chiusi

 

Non c’è da stupirsi e chi segue i blog antidegrado da qualche anno conosce bene questo trend: i negozi, soprattutto quelli di quartiere e di vicinato, stanno scomparendo schiacciati da tasse, costo degli affitti e soprattutto dalla concorrenza sleale delle bancarelle.

Un fenomeno del quale abbiamo parlato diverse volte e che trova conferma in due studi effettuati da Confcommercio che vanno letti in maniera parallela. La ricerca sulle aperture e chiusure di negozi nel 2015 a Roma parla molto chiaro: 4.861 attività commerciali sono morte per sempre. Nello stesso periodo ne sono nate solo 2.020, la gran parte delle quali nel settore del food.

Un’altra ricerca, effettuata da Confcommercio e Unioncamere-Sicamera individua nella proliferazione dell’ambulantato la causa della desertificazione: – 16,7% i negozi contro un’impennata del 73,2% delle bancarelle. Questi dati, riferiti a livello nazionale, sono ancora più drammatici se si guarda alla sola Roma. E d’altronde basta passeggiare per le vie del centro o quelle commerciali di tutti i quartieri: da viale Marconi, a via Appia Nuova a viale Libia. I cartelli Affittasi o Vendesi compaiono su una vetrina su quattro; la perdita di posti di lavoro è drammatica. Se si pensa che ogni negozio impiega in media 3 addetti, solo nel 2015 sono andati persi  14.583 posti. Si trattava per lo più di lavoro regolare, magari a progetto, magari pagato male, ma comunque nella gran parte dei casi con il versamento di contributi assistenziali e previdenziali. Inoltre quei 4.861 negozi pagavano gli affitti sui quali il proprietario pagava le tasse. Insomma una forma di incasso per lo stato e garanzie per i dipendenti.

negozi chiusi (2)

 

Non si può dire che la stessa cosa accada per il commercio ambulante, ipertrofico e spesso sfuggente ad ogni forma di legalità. Non solo la bancarella non paga alcun affitto, ma troppo spesso i suoi dipendenti sono extracomunitari pagati pochissimo e in nero; alimentano una filiera di scarsa qualità con prodotti di importazione che a loro volta sono fabbricati senza rispetto di diritti umani, inquinando il pianeta. Non si tratta di una fissazione, ma di un dato di fatto contro il quale qualcosa si potrebbe fare. Basterebbe regolamentare il settore dell’ambulantato, portando a scadenza le oltre 12mila licenze attualmente operanti (oltre ad altrettanti abusivi), riassegnandone parte a operatori qualificati che garantiscano standard minimi sia in termini di prodotto venduto che di diritti dei lavoratori.

Altrimenti nessun negoziante che paga tasse, affitti, contributi ai dipendenti potrà mai reggere l’urto di una concorrenza così sleale.

Infine uno sguardo al centro storico di Roma che ha subìto la maggior trasformazione in termini di attività. Muoiono drogherie, artigiani, alimentari tradizionali, abbigliamento e vengono sostituiti da bar, bistrot, kebab, paninerie e fast food. Basti un solo dato che riguarda il Tridente: nel 2003 c’erano 48 attività food. Nel 2015 sono 514. Una mutazione che riguarda comunque tutta Roma e che almeno nelle aree più pregiate andrebbe regolamentata. Un’iniziativa della consigliera del Primo Municipio Naim e dell’ex presidente della Commissione Commercio Corsetti andava proprio in questo senso. C’è da augurarsi che nella prossima legislatura qualcuno se ne ricordi.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

8 risposte

  1. Ottima analisi veramente ! Precisa, obiettiva e sicuramente non risente di nessun preconcetto !

    epico questo passaggio ” prodotti di importazione che a loro volta sono fabbricati senza rispetto di diritti umani” . Mi hai commosso e penso di gettare il cell e il portatile. Scommetto che farai lo stesso, vero ?

    1. La sensazione è di ribrezzo ….sono un ambulante da 35 anni iscritto a voi figli di Bille come mi dicono la maggior parte degli ambulanti ….i negozi li uccide la grande distribuzione teste di cazzo …noi “bancarelle” sono 30 anni che subiamo l’assalto di ogni sorta di stranieri senza regole male controllati dalle autorità …non pagano l’INPS da 35 anni ….prendono in giro noi cogli ogni ….è questo l’aumento esponenziale delle bancarelle imbecilli …capito ?

  2. Più che le bancarelle saranno forse i centri commerciali? O probabilmente negozi di marca che vendono prodotti cinesi a basso costo?
    Altro che bancarelle !
    Riassegnare le bancarelle poi a imprenditori qualificati è bellissimo. Anche quelle volete prendervi…..
    Senza vergogna.

  3. Non pretendo di convincervi, ma resto della mia idea. Il commercio ambulante così come è non può restare in eterno. L’unica strada è indire dei bandi di gara e riassegnare le licenze. Se però voi avete un’altra idea, esponetela pure. Questo sito è aperto alle proposte di tutti.

  4. Ma le idee sono varie. Bisognerebbe capire perché la giunta passata si disinteressava. Ti racconto un simpatico aneddoto, abbiamo proposto eventualmente delle apette e non andavano bene….e ovviamente le aperte di altri vanno benissimo.

  5. Filippo abbiamo centinaia di proposte. Converrai che fino a quando telegiornali si inventeranno servizi e casi significa che c’è qualche fine. Ma si sa il tempo è sempre galantuomo.

    Ps ancora sorrido, ci mettiamo dove capita….chissà chi era il mittente di quel servizio?

  6. Premessa : Togliere la licenza creando disoccupazione mostra un certo menefreghismo e se poi la vogliamo dare a holding del gusto ( tipo a persone con decine di società e decine di locali ) mostra una certa malafede. Questa e’ la premessa necessaria quando si parla di questo tema. Non voglio convincerti ma se vuoi ne parliamo con tranquillità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Ma @ForbesItalia ce l’ha un inviato serio a Roma❓ Secondo @virginiaraggi #Roma è un modello per la #mobilità sostenibile e i servizi di #sharing. Modello sì, ma delle cose da non fare❗ ▪️ 👇📰 diarioromano.it/ma-forbes-ce-l…

Scene come questa non si vedono in nessun paese d’occidente. Nella capitale di Italia ci siamo abituati e sembra sia un peccato veniale. Tremendo❗ . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - Scene come questa non si vedono in nessun paese d’occidente. Nella capitale di Italia ci siamo abituati e sembra sia un peccato veniale. Tremendo❗
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/MMKOAgntVp

Il #M5S aveva definito il sondaggio del @sole24ore "fuorviante"❗ "Affari italiani" ha chiesto un secondo sondaggio a @TermometroPol, dove non si analizza l'operato ma la ricandidatura. ➡️2 romani su tre (66.8%) ⬅️ si dice contrario al bis di @virginiaraggi.

test Twitter Media - Il #M5S aveva definito il sondaggio del @sole24ore "fuorviante"❗ "Affari italiani" ha chiesto un secondo sondaggio a @TermometroPol, dove non si analizza l'operato ma la ricandidatura. 
➡️2 romani su tre (66.8%) ⬅️ si dice contrario al bis di @virginiaraggi. https://t.co/uuGFoYQMKZ

“Roma Innovation”: un cumulo di chiacchiere. Quattro paginette fitte di testi arzigogolati e inutilmente complicati dovrebbero per la #Raggi dimostrare l'innovazione introdotta dalla sua amm.ne.🤦🏻‍♂️ #10luglio #Roma #news ▪️ 👇📰 diarioromano.it/roma-innovatio…

Piazza Augusto Imperatore: sempre grandi manovre necessarie agli #autobus per la perenne sosta selvaggia (gestita da parcheggiatore abusivo). Vigili e carriattrezzi mai pervenuti. . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - Piazza Augusto Imperatore: sempre grandi manovre necessarie agli #autobus per la perenne sosta selvaggia (gestita da parcheggiatore abusivo). Vigili e carriattrezzi mai pervenuti.
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/IBETUp5Wr4

Toh … si riparla dello #stadiodellaroma. Odore di campagna elettorale? La due diligence chiesta dal sindaco #Raggi ha dato esito positivo ma il documento è solo consultabile da parte dei soli consiglieri. Quanto mai ci sarà da nascondere? 🤔 ▪️ 👇📰 diarioromano.it/toh-si-riparla…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close