Gualtieri lascia il seggio alla Camera. La nostra proposta per sostituirlo

Il collegio Lazio 1 della Camera del Deputati è un feudo del PD e come al solito i giochi per individuare un candidato sono tutti interni. Ma per noi il nome giusto è Gianni Cuperlo

Il seggio della Camera dei Deputati corrispondente al collegio elettorale Lazio 1 sarà a brevissimo di nuovo vacante.

Solo a gennaio dello scorso anno vi si erano svolte le elezioni suppletive per sostituire Paolo Gentiloni, nominato commissario europeo, e ne era risultato eletto Roberto Gualtieri, allora ministro dell’economia.

Ora che Gualtieri è divenuto sindaco di Roma dovrà dimettersi dalla Camera e prevedibilmente nella prossima primavera si terranno nuove elezioni suppletive per assegnare di nuovo il seggio.

Quello di Lazio 1 è un collegio che corrisponde grosso modo al centro storico di Roma ed è da anni blindato per il PD: nel 2018 Gentiloni vi fu eletto con oltre il 42% dei voti, col secondo, del centrodestra, a circa il 30%, mentre nel 2020 Gualtieri arrivò addirittura al 62%, seguito dal centrodestra a circa il 26%.

 

È quindi questa una partita tutta interna al PD che già sa che chiunque verrà candidato sarà automaticamente eletto.

A dirla tutta, questo fatto non fa molto onore agli elettori del collegio, come se essi fossero in gran parte dei meri certificatori di decisioni prese altrove. Quando nel gennaio 2020 il PD individuò Gualtieri, allora ministro dell’economia, come candidato alle elezioni suppletive, noi provammo ad esprimere le nostre perplessità; ci chiedemmo infatti che senso avesse presentare in un collegio uninominale, dove ci dovrebbe essere un rapporto diretto tra eletto ed elettori, un candidato che mai si sarebbe potuto occupare di rappresentare il territorio in Parlamento, avendo già da adempiere ai grandissimi impegni del suo ruolo di ministro. Poi c’è stata la pandemia e le cose sono andate anche molto peggio.

 

Da giorni si legge delle varie ipotesi di candidatura nell’ambito del PD, tutte comunque avulse dal territorio del collegio e puramente strumentali agli equilibri interni del partito. Il PD è talmente abituato a queste dinamiche che non si fa alcuno scrupolo a disinteressarsi completamente degli elettori del collegio uninominale, sicuro che qualsiasi sia il nome proposto verrà da quelli votato senza battere ciglio.

D’altronde questa grande capacità di orientare il voto dei cittadini il PD l’ha appena dimostrata di nuovo alle ultime elezioni. Sfruttando il numero sempre più ridotto dei cittadini che si recano a votare, l’evidente capacità del PD di influenzare i propri elettori gli consente di imporre sempre i nomi selezionati dai vertici del partito.

La grossa presa sul proprio elettorato residuo il PD l’ha anche dimostrata alle elezioni suppletive svoltesi in concomitanza con le ultime amministrative nel collegio di Primavalle, dove è stato eletto Andrea Casu, già segretario romano del partito. Anche in quel caso il candidato non aveva alcun radicamento sul territorio e il suo discutibile spessore l’avevamo rilevato in un incontro pubblico del dicembre scorso, ma evidentemente l’essere allineato e fedele alla linea conta enormemente più di capacità e visione politica.

 

Tra le ipotesi di candidatura per le nuove elezioni suppletive nel collegio Lazio 1, quella di Nicola Zingaretti appare al momento la più forte, anche se potrebbe dipendere da quando si andrà a nuove elezioni politiche generali. La scadenza naturale del Parlamento è nel 2023, ma le elezioni potrebbero essere anticipate al 2022 nell’eventualità che il nuovo Presidente della Repubblica sciolga le camere poco dopo la sua elezione.

Apparentemente il fatto che Zingaretti sia il presidente della Regione Lazio e che in teoria dovrebbe guidarla per ancora un paio di anni non sembra un fatto importante per i rumors che girano. Sarà che gli scricchiolii che giungono dai palazzi del potere in Regione si fanno sempre più forti, con una maggioranza anomala che si tiene con l’appoggio quasi nascosto del M5S e soprattutto con voci sempre più insistenti di storie non proprio cristalline dietro alle entità regionali responsabili dei sistemi violati dai pirati informatici, che ad oggi pare siano ancora in gran parte fuori uso. Sarà per tutto questo che Zingaretti non vede l’ora di fare il salto in Parlamento, promozione che senz’altro il partito non vorrà negare al suo ex-segretario?

 

Comunque stiano le cose e qualunque siano i nomi dei possibili candidati per il collegio Lazio 1, noi vogliamo provare a fare una nostra proposta.

Già la volta scorsa, quando c’era da sostituire Gentiloni, fu fatto il nome di Gianni Cuperlo per il collegio Lazio 1, ma al tempo la candidatura doveva essere gradita anche ad Italia Viva e pare che Matteo Renzi abbia posto il veto (come spiegò lo stesso Cuperlo in una trasmissione televisiva).

Il nome di Cuperlo viene fatto anche per questa tornata, benché non appaia proprio tra i più papabili.

Ebbene noi invece vedremmo molto bene una sua candidatura alle prossime elezioni suppletive del collegio Lazio 1 e questo per due ordini di motivi.

Anzitutto riconosciamo il grande spessore e l’esperienza politica della persona e ci chiediamo come sia possibile vedere un esercito di nani stare in Parlamento quando persone come Cuperlo non ne facciano parte (della serie “le spade tacciono e i foderi fanno la guerra”).

Ma il motivo principale del nostro favore è che riconosciamo a Cuperlo il merito di aver provato a proporre per tempo un ottimo metodo per individuare nel campo del centrosinistra il candidato sindaco da proporre alle elezioni appena svolte.

Nell’agosto del 2020 infatti così scriveva Cuperlo, tra le altre cose:

Allora, se posso permettermi, ai miei amici e compagni di partito, e non solo, un suggerimento banale lo darei. Lasciate stare per qualche settimana il valzer dei nomi, conservate gazebo e primarie e costi e alleanze per il dopo, e prima di ogni altra cosa convocate una grande assemblea popolare in ciascuno dei Municipi e invitate la rete più vasta di associazioni, forze economiche e del lavoro, il volontariato, chi anima cultura e sport, i soggetti degli spazi pubblici e costruiamo una grande opera di ascolto e raccolta di ciò che dal cuore della città si chiede a un’altra stagione.

Poi convogliamo questa ricchezza in una assemblea anche più larga della città intera dove dare un ordine, un senso, a questo bagaglio e solo allora, come un setaccio, i romani valuteranno quale figura potrà interpretare al meglio l’idea della Roma destinata a chi verrà.
Noi siamo sicuri che se il PD avesse adottato un tale schema non ci ritroveremmo oggi con un sindaco di Roma votato solo da circa un quarto dei potenziali elettori cittadini. Grandi assemblee popolari in tutti i municipi avrebbero probabilmente risvegliato più di una coscienza civica, convincendola che volesse la pena tornare ad occuparsi dei destini della propria città dopo cinque anni di nulla cosmico determinato dal combinato disposto dell’amministrazione più chiusa e dell’opposizione più assente della storia recente di Roma.
Era quindi l’approccio giusto quello proposto da Cuperlo, ma come al solito il PD ha deciso concentrandosi sulle logiche interne e infischiandosene della partecipazione dei cittadini.
Per questo noi pensiamo che il collegio elettorale Lazio 1 meriti un candidato come Cuperlo, una persona che certamente saprebbe dare un apporto importante in tutte le discussioni parlamentari, ma che al tempo stesso saprebbe farsi portatore delle istanze particolari del collegio elettorale del centro si Roma, un territorio assolutamente particolare e con esigenze che non di rado meritano di essere riportate a livello parlamentare.
Non nascondiamo di aver dato un giudizio diverso di Gianni Cuperlo quando ci fu da individuare il candidato per sostituire Gentiloni, ma l’analisi da lui offerta lo scorso agosto della situazione romana ci ha mostrato quando ci fossimo sbagliati e quanto invece lui potrebbe essere estremamente utile sia per il Parlamento che per il suo collegio elettorale.
Siamo infine consapevoli di come i nostri endorsement non si risolvano mai in un successo dei candidati che proponiamo, così come quanto più critichiamo un candidato, facendolo sempre sulla base di argomenti e mai di pregiudizi, tanto più aumentano le sue possibilità di elezione (vedasi grande successo di Sabrina Alfonsi alle elezioni appena svolte).
Nell’auspicare quindi che la scelta del PD cada questa volta sul candidato migliore, che per noi è Gianni Cuperlo, speriamo davvero per lui che la regola che ci vede sempre perdenti venga per una volta infranta.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Piazza Mincio: la pedonalizzazione parziale si farà ma nel 2026.
L’assessora municipale Rossi: “C’è già il progetto definitivo, stiamo approntando quello esecutivo”. L’opera realizzata con i fondi giubilari da spendersi entro i prossimi 2 anni.
https://www.diarioromano.it/piazza-mincio-la-pedonalizzazione-parziale-si-fara-ma-occorre-aspettare-il-2026/

“FERMATE SFIGATE” [🧵] – l’Associazione @TUTraP sta preparando un lavoro sulle peggiori fermate #ATAC del trasporto pubblico a #Roma, da consegnare alla Consulta sulla Sicurezza Stradale

Segnalateci le vostre PEGGIORI fermate

Questa ad esempio: non c’entra nemmeno la palina

“Camminata critica” al Pigneto del Movimento @Diritti_Pedoni
Un percorso di cittadinanza attiva in cui sono state analizzate con residenti, professionisti e realtà locali, le criticità per chi cammina e suggerito proposte di miglioramento concrete.

Ferromodellismo: nel fine settimana nuova edizione di Trenini in Parrocchia.
Sabato 25 e domenica 26 maggio VIII edizione della mostra di modellismo ferroviario presso la parrocchia San Giovanni Leonardi in via della Cicogna 2 (Torre Maura)
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria