Gente di Roma – Un raggio verde

Nessun commento
raggio_verde

Nel Traforo Umberto I°

lorel ipsum
Quando ad agosto sono tornata a Roma la città era stremata dal caldo. Le strade sporche, l’ombra dei topi,  la gente stanca, le piante assetate.
Per giorni ho fatto fatica a scorgere intorno a me qualcosa di bello. Tutto quello che mi circondava era improvvisamente brutto. Solo di sera, quando salivo in macchina a cercare il vento, mi sentivo bene. Attraversare la città deserta è uno dei piaceri che rendono tollerabile la calura del giorno. Si guida piano con il finestrino abbassato e ci si illude che il caldo non torni. E così una notte sono finita sotto il Traforo Umberto I.  Il sottopassaggio era completamente deserto e illuminato da una luce verde.  Solo un uomo camminava in galleria. Quasi una visione: l’uomo avanzava in un verde che nessun pittore può ottenere sulla sua tavolozza “un verde di cui la natura né la varietà dei vegetali, né nel colore del mare più limpido, hai mai riportato la sfumatura”. Era quello il raggio verde? Faccio al volo una foto e torno a casa.
Fa caldo, non riesco a dormire. Allora mi metto a cercare sul web la storia del Traforo Umberto I. Scopro che i lavori iniziarono alla fine di giugno del 1900 e che durarono tre anni. Il tunnel è lungo 347 metri,  molta gente lo percorre a piedi per andare da Piazza di Spagna a Via Nazionale.  Leggo che  Re Vittorio Emanuele percorse a piedi tutta la galleria per rendersi conto dell’opera nel 1901. E leggo di un operaio che perse la vita rimanendo sepolto sotto la sabbia ma il suo nome non si ricorda più.  Dagli strati di argilla emersero anche dei tesori: una camera rivestita di marmo bianco, le fondazioni di due antichi conventi e altro.
Sì, aveva ragione Verne, esiste un raggio verde speciale che può rivelarci un mondo invisibile in un solo istante.  “Se c’è del verde in Paradiso, sicuramente è quel verde”.

 


Le citazioni sono tratte dal romanzo di Jules Verne, Il raggio verde

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

In questa baracca sotto Ponte Nomentano, in mezzo ai rifiuti e all’acqua, vivono 3 persone che non possono stare a casa nel rispetto delle norme attuali. Occorre pensare anche a loro. . #Roma #photo #lettori #COVID19 #28Marzo #quarantena

test Twitter Media - In questa baracca sotto Ponte Nomentano, in mezzo ai rifiuti e all’acqua, vivono 3 persone che non possono stare a casa nel rispetto delle norme attuali. Occorre pensare anche a loro.
.
#Roma #photo #lettori #COVID19 #28Marzo #quarantena https://t.co/NaHWnsk5LE

I principali cantieri stradali aperti a #Roma durante la #quarantena. Il Campidoglio approfitta della città vuota per anticipare i lavori. Si parte da via IV Novembre. @LindaMeleo @virginiaraggi. diarioromano.it/?p=38581

Foto che resteranno agli annali: mai si era vista la galleria della prima stazione italiana deserta alle 19 di un giorno feriale. . #photo #lettori #Roma #27marzo #coronavirus #COVID2019 #iorestocasa #lockdown

test Twitter Media - Foto che resteranno agli annali: mai si era vista la galleria della prima stazione italiana deserta alle 19 di un giorno feriale.
.
#photo #lettori #Roma #27marzo #coronavirus #COVID2019 #iorestocasa #lockdown https://t.co/5DyINrNa7s
Video diario
Error type: "Forbidden". Error message: "Access Not Configured. YouTube Data API has not been used in project 537752813138 before or it is disabled. Enable it by visiting https://console.developers.google.com/apis/api/youtube.googleapis.com/overview?project=537752813138 then retry. If you enabled this API recently, wait a few minutes for the action to propagate to our systems and retry." Domain: "usageLimits". Reason: "accessNotConfigured".

Did you added your own Google API key? Look at the help.

Check in YouTube if the id PLEjDk_cXPpAVKCrkyvdcyZMDVFWG7MzUp belongs to a playlist. Check the FAQ of the plugin or send error messages to support.