Ecco il NAD, il corpo dei vigili che multa chi getta rifiuti in strada. Vi raccontiamo il loro lavoro

Il Nucleo Ambiente e Decoro ha sostituito i Pics. Dopo il Covid a Roma raddoppiano le tonnellate di ingombranti abbandonati illegalmente. Telecamere contro il fenomeno

Sabato scorso abbiamo pubblicato una specie di “de profundis” per i Pics, gli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale che si occupavano di decoro e ambiente. Un affezionato lettore, Fabrizio M., ci ha segnalato nei commenti che, sebbene sia vero che i Pics sono stati smantellati, al loro posto è nato il NAD, Nucleo Ambiente e Decoro che sta compiendo azioni meritorie nella caccia a chi getta rifiuti in strada.

E’ sicuramente colpa nostra e quindi facciamo ammenda, ma di questi NAD non avevamo avuto notizia nonostante le cose di Roma le seguiamo con una certa attenzione. Poiché siamo stati invitati a mettere in risalto l’opera del nuovo corpo dei Vigili, ben volentieri abbiamo fatto degli approfondimenti dei quali vi diamo conto. Innanzitutto la nascita del NAD risale ad agosto 2019, ma è passata piuttosto in sordina in quanto il sito di Roma Capitale non riporta neanche un comunicato ufficiale. Anzi nella pagina dedicata al Corpo di Polizia Locale, c’è ancora ben presente l’indicazione dei Pics con tanto di email e numero di telefono.

 

Solo l’assessore all’ambiente del Municipio XV, Pasquale Annunziata, emanò un anno fa una nota con la quale informava i cittadini del nuovo indirizzo email che diventava nad.polizialocale@comune.roma.it

Buono a sapersi! Dunque per la lotta allo sversamento dei rifiuti e per la tutela del territorio, ci possiamo rivolgere a questo nucleo che la Sindaca Raggi ha voluto dedicare al contrasto dei cosiddetti “zozzoni”, parola che tanto le piace per indicare chi getta in strada rifiuti ingombranti. Non può che farci piacere dato che da anni lottiamo contro gli adesivi degli svuotacantine che sono i primi responsabili di questo fenomeno.

 

Personaggi che promettono di liberare un appartamento o una soffitta gratis o per pochi spiccioli e poi gettano tutto in strada o nelle campagne. Una piaga che si potrebbe fermare all’origine, avviando una vera lotta agli adesivi. Lo spiegammo noi stessi al Sindaco Marino nel 2014 in un’intervista televisiva di bastacartelloni tv. La proposta che i blog antidegrado avevano fatto ormai 10 anni fa era quella di bloccare il numero di telefono pubblicizzato sugli adesivi. Questo avrebbe reso inutile impestare tutta Roma e di conseguenza il lavoro di questi abusivi sarebbe calato molto.

Purtroppo la necessità di un provvedimento della magistratura per il blocco di un’utenza telefonica ha fatto desistere dall’intento, ma altre forme di contrasto si possono applicare e speriamo che i NAD ci abbiano pensato. Più volte documentammo come siano proprio gli svuotacantine i principali responsabili delle discariche illegali le quali, a loro volta, alimentano i roghi tossici. Una bella inchiesta di Federica Angeli, sulle pagine di Repubblica dimostrò senza ombra di dubbio questo meccanismo.

 

La Raggi, invece di risalire alla causa della malattia, si limita a curare il sintomo. Ma comunque è meglio di niente. Le fotocamere a infrarossi installate in alcuni punti dove è noto che vengono lasciati rifiuti hanno permesso di smascherare molti “zozzoni”. Tra gennaio 2019 e febbraio 2020, il NAD ha elevato circa 2.400 verbali, sequestrato 50 mezzi usati per trasportare rifiuti e multato i colpevoli per oltre 600 mila euro.
Sono stati anche colti sul fatto diversi residenti di comuni limitrofi che venivano a sversare a Roma proprio perché nella capitale i controlli sono sempre stati scarsi.

Poi è arrivato il Covid e il lockdown che per Ama non è mai finito del tutto. Abbiamo raccontato, infatti, quanto sia difficile oggi smaltire una lavatrice o un materasso per via degli orari ridotti delle isole ecologiche. Uno scandalo per il quale la Raggi dovrebbe chiedere scusa e invece finge di non saperlo e nota che durante la “fase 2” sono aumentati esponenzialmente gli abbandoni di rifiuti. Ma va?!? Strano davvero se perfino un cittadino coscienzioso perde la pazienza dopo 4 ore di fila per accedere alle poche Isole ecologiche aperte.

Solo tra il 4 e il 14  maggio, Ama ha rimosso 126 tonnellate di rifiuti abbandonati in strada. Prima del lockdown la media degli abbandoni era di 6 tonnellate al giorno, adesso siamo passati a 12 tonnellate al giorno. Un dato che dovrebbe far riflettere l’amministrazione che invece vive nel mondo dei comunicati su Facebook e delle belle parole slegate dalla realtà.

C’è da sperare che i NAD spieghino alla Raggi che i cittadini vanno messi nelle condizioni di poter smaltire correttamente, altrimenti il numero di agenti per controllare il territorio non sarà mai sufficiente.

Per concludere sul nuovo Nucleo della Polizia Locale, il responsabile Giancarlo Cori ha fatto sapere che le persone indagate per reati ambientali sono 45 e che l’impegno proseguirà anche nel corso del 2020. Non ci resta che augurare buon lavoro a questo Corpo della Polizia Locale.

 

Condividi:

6 risposte

  1. Io non ho mai avuto problemi com lê isole ecologiche, neanche dopo il “Lockdown”. Nello specifico quelle divia dei salesiani e di bufalotta

  2. Vorrei segnalare il degrado in cui versa viale Antonio Ciamarra e le vie limitrofe a causa della mancata raccolta dei rifiuti

  3. Questo è la risposta che mi è stata inoltrata da chi nei NAD vuole lavorare. Ad una mia segnalazione per abbandono di materiale di risulta di un cantiere con tanto di foto, questa persona si stava adoperando per andare a trovarli conoscendo targa ed indirizzo del proprietario del mezzo. Questa è la sua rammaricata risposta. (Non mi danno il personale e mi dicono ke non posso andare da solo e perciò non gli frega un cazzo del mio lavoro. No schifo.) Questo è quanto. Il pesce puzza dalla testa…

  4. Vorrei segnalare che in via Riccio da Parma angolo via del Pigneto ieri sera , mercoledì 6 ottobre , è stata lasciata appoggiata ad un muro una rete matrimoniale . Se , casualmente o volutamente da parte di qualcuno, la rete cade, si potrebbe generare una situazione di pericolo per chi si accinge a girare da via del Pigneto in via Riccio da Parma

  5. Io ho ricevuto 2 verbali dal NAD,

    1 per aver gettato rifiuti all’esterno del cassonetto
    2 aver gettato un materasso all’esterno del cassonetto

    Sono totalmente estraneo a ciò che viene menzionato nel verbale.
    Nel posto indicato vengono svuotati i cassonetti ma il pattume all’esterno non viene rimosso con frequenza adeguata.
    Quindi deduco di esser stato filmato mentre èro intento a spostare i rifiuti già presenti in loco per poter così raggiungere il cassonetto e deporvi il pattume.
    Non penso che spostare un materasso già presente in loco comporti che il materasso citato diventi automaticamente di mia proprietà !

    A Montespaccato sono uno dei pochi che gira 20 minuti con la differenziata in auto alla ricerca di un cassonetto che non sia stracolmo e poter buttare la spazzatura.

    Se chiedessi 1 euro di rimborso per il disservizio causatomi da ama (cassonetti sempre stracolmi) che mi costringe spesso a riportarmi la spazzatura a casa, potrei arricchirmi !!

    Intendo avvalermi del supporto legale di associazione consumatori per fare ricorso in quanto totalmente estraneo a quanto descritto nel verbale. Qualcuno ha già intrapreso questo percorso ?

    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Al Celio marciapiedi in asfalto e pure disastrati. In un rione storico come il Celio non solo ancora vi sono marciapiedi in asfalto, ma molti risultano disastrati, vere e proprie barriere invalicabili per i disabili motori #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Al Celio marciapiedi in asfalto e pure disastrati.

In un rione storico come il Celio non solo ancora vi sono marciapiedi in asfalto, ma molti risultano disastrati, vere e proprie barriere invalicabili per i disabili motori
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/U4uu20fkiI

Noi facciamo richiesta formale al Dip. Ambiente, ma non sarebbe meglio che l’assessore @Sabrinalfonsi spiegasse subito cosa sta succedendo con le fototrappole? Tanto più se non c’è nulla da nascondere. twitter.com/diarioromano/s…

@rcalcina @comuneroma @ComunediTrieste Lo potevi fare con un comandante vigili serio e onesto e osteggiato come quello scelto da Marino quando iosegnalo funzionava poi adesso neppure più sistema funziona. Tralasciando quando ti contatta vano minacciando anche parenti vigili perché lavoravano troppo... Retweeted by diarioromano

Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche. Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche.

Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/OidSLFYrT1

Semplicemente sconfortante, segno che in fondo nulla è ancora cambiato. @gualtierieurope twitter.com/battaglia_pers…

@gualtierieurope @Corriere A proposito di rifiuti, ha forse chiarito la questione delle fototrappole tutte disattivate? Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close