E’ corsa per spendere i soldi del Pnrr. Caudo guiderà la commissione

Il rischio che i fondi restino inutilizzati preoccupa il Campidoglio. Per ottenere la seconda rata l'Italia dovrà fare sette riforme al mese, altrimenti l'Europa chiude i rubinetti

 

Sarà Giovanni Caudo a guidare la nuova commissione speciale per il monitoraggio del Pnrr nella capitale. In Campidoglio serpeggia una preoccupazione profonda perché il tempo stringe e i fondi del Piano di Ripresa e Resilienza vanno spesi a tappe forzate. Come già avevamo anticipato a metà dicembre, c’è il serio rischio che molti soldi resteranno in cassa per le croniche inefficienze comunali.

Ecco che la nomina di Caudo è una buona notizia data la sua esperienza di amministratore e professore di urbanistica ma anche perché è stato scelto da 40 consiglieri capitolini, ottenendo quindi voti anche dell’opposizione.

L’aula dovrà indicare nei prossimi giorni la guida di altre due commissioni speciali, una sul Giubileo e una sull’Expo: per quest’ultima si fa il nome dell’ex sindaca Raggi.

La commissione sul Pnrr deve partire al più presto perché, ha spiegato Caudo, “le scadenze dei bandi sono ravvicinate, ne sono già usciti alcuni di estremo interesse per la città“. Ma è sempre più evidente che per portare a dama gli investimenti occorre una fusione di sforzi da parte di diverse istituzioni. Una specie di combinazione astrale che non si verificherà facilmente.

Ieri il Sole24Ore ha calcolato che se l’Italia vuole ottenere la seconda rata del finanziamento dall’Europa (24,1 miliardi), deve adempiere a sette obblighi al mese. E non si tratta di piccolezze ma di riforme radicali che il nostro Paese non è stato in grado di fare in 20 anni e che ora dovrebbe chiudere entro il 2022. Solo per citarne alcune, riportate dal quotidiano economico, occorre:

mettere mano al capitolo fisco con la dichiarazione precompilata dell’Iva.

Stabilire sanzioni pesanti nei confronti degli esercenti che non usano la moneta elettronica.

Decidere i tagli alla spesa pubblica per il periodo 2023-2025 e rivedere il Codice degli Appalti del 2016.

Riformare la Pubblica Amministrazione con nuove modalità di selezione dei dirigenti e formazione del personale.

Senza queste ed altre importanti decisioni del Governo e del parlamento, i soldi non arriveranno e Roma potrebbe restare a bocca asciutta. C’è da domandarsi come farà l’Italia a mettere in pratica tanti passaggi e spendere tanto denaro se fino ad oggi non è riuscita ad investire i fondi per la ricostruzione post-terremoto del 2016?

Certo è che l’Europa con una mano concede e con l’altra usa la frusta. La retorica dei prestiti senza interessi e dei denari regalati da Bruxelles raccontata dai Governi e dalla stampa, si scontra con una serie infinita di vincoli e di tagli che potranno colpire buona parte della popolazione italiana.

No-one gives anything for nothing“, dicono gli inglesi ed è probabile che nei prossimi mesi assisteremo a tensioni sociali non indifferenti. Tornando alla questione della nostra città, occorrerà scegliere opere realmente realizzabili entro la fine del 2026, altrimenti si corre il rischio di vedersi bloccati i finanziamenti.

La precedente giunta, non riuscendo a fare una scelta, si era limitata ad inserire nel piano Next Generation Ue, tutte le cose da fare a Roma, una sorta di lista senza capo né coda. Adesso sta a questa amministrazione selezionare interventi concreti. 

E un ostacolo non da poco è costituito dalla modalità di riunione delle commissioni e dell’aula consiliare. Per via dei contagi, si sta usando la modalità telematica che spesso si blocca dilatando i tempi. Ieri, nonostante il consiglio comunale sia stato convocato per 8 ore consecutive, non è riuscito a discutere neanche la metà degli argomenti all’ordine del giorno.

 


 

Sullo stesso tema

Pnrr: i soldi potrebbero non essere spesi. Il Campidoglio non ha i tecnici | Diarioromano

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

4 risposte

  1. Molto contenta per la scelta di Caudo, farà certamente un buon lavoro. Non capisco invece perché si parli della Raggi alla commissione Expo, proprio non capisco…

    1. Cara Maria, la scelta della Raggi lascia perplesso anche me. Il Pd va ripetendo in queste ultime ore che l’ex Sindaca non è adatta al ruolo di presidente della commissione Expo “perché non vaccinata”. Sinceramente mi sembra una posizione davvero assurda quella del Pd. Nei cinque anni di amministrazione 5stelle non hanno fatto praticamente opposizione, durante la campagna elettorale hanno corteggiato la Raggi come se fosse una statista solo per prendere i suoi voti al secondo turno e adesso, invece di parlare di politica, la definiscono inadatta per il vaccino? Dal partito che ora esprime il Sindaco, vorrei sentire parlare di Roma, di quello che i grillini non hanno fatto o hanno fatto male; di ciò che la giunta Gualtieri vuole portare avanti dei vecchi programmi. Ma onestamente giudicare un politico che ha avuto responsabilità di quel tipo in base al vaccino, qualifica il Pd e non certo l’ex Sindaca.

    2. Caudo è imputato per traffico di influenze e corruzione per fatti del 2015 sotto giunta Marino secondo me c’è poco da essere felici, si poteva scegliere qualcos’altro senza procedimenti in corso.

      1. Mario essere imputati non equivale ad essere condannati. Per ora la Costituzione è ancora vigente. Sebbene si stia facendo di tutto per cancellarla, chiunque di noi è considerato innocente fino al terzo grado di giudizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close