Città in rovina – E intanto a Parigi …

Prendiamoci una pausa nella triste carrellata di edifici in gran parte pubblici lasciati andare in rovina e vediamo qual è il livello di discussione attivo altrove su questi temi.

Recentemente abbiamo trovato questo articolo, pur un po’ datato, dove si fantastica su possibili riutilizzi di alcune vecchie stazioni metro parigine dismesse. Segue la galleria di foto con alcune delle proposte.

Proposta di trasformazione in discoteca
Proposta di trasformazione in discoteca

 

Proposta di trasformazione in esposizione d'arte
Proposta di trasformazione in esposizione d’arte

 

Proposta di trasformazione in parco al chiuso
Proposta di trasformazione in parco al chiuso

 

Proposta di trasformazione in grande ristorante
Proposta di trasformazione in grande ristorante

 

Proposta di trasformazione in piscina al coperto
Proposta di trasformazione in piscina al coperto

 

Proposta di trasformazione in teatro e sala concerti
Proposta di trasformazione in teatro e sala concerti

 

Voli pindarici? Forse un po’ sì, tant’è che non ci risulta che dal febraio 2014, data dell’articolo, la discussione su queste proposte sia andata avanti. Rimane il fatto che senza la capacità di spingere l’immaginazione e la creatività oltre il conosciuto, non si riesce ad uscire dalla mediocrità del presente.

Tornando alla realtà romana, con la miriade di immobili e di spazi abbandonati presenti nel territorio cittadino, quante di queste e ben altre cose potrebbero essere immaginate?

A parte che a Roma ci sarebbe pure un vecchio tunnel sotterraneo abbandonato da decenni dove forse si potrebbero pensare utilizzi creativi, ma quante cose potrebbero essere fatte già solo con gli immobili che abbiamo fin qui trattato?

Pensiamo ad esempio all’ex-rimessa ATAC di piazza Ragusa, o alla vecchia stazione Trastevere, oppure al palazzo degli esami, tutti stabili che si presterebbero egregiamente ad uno degli utilizzi mostrati dalle immagini o anche ad una combinazione degli stessi. I vantaggi sarebbero enormi: riqualificazione dei luoghi, opportunità lavorative per l’edilizia (che così opererebbe finalmente per riutilizzare l’esistente e non per consumare altro suolo) e poi per le attività economiche che si installerebbero nei nuovi spazi realizzati. Il tutto potrebbe essere fatto dai privati, con contratti di concessione che quindi non richiederebbero investimenti pubblici.

Ad oggi questo livello di discussione a Roma appare impensabile, e questo nonostante la presenza dell’assessore Caudo che ha dato buone prove di sé cercando di riprendere le redini dell’urbanistica a Roma. Probabilmente c’entra il fatto che a Roma le ditte costruttrici, e gli architetti che utilizzano, si sono tutti omologate nella costruzione di abitazioni nuove nelle diverse periferie della capitale, divenendo ciechi di fronte alle enormi potenzialità fornite dalla trasformazione dell’esistente. A partire dagli immobili abbandonati che abbiamo segnalato ma con la possibilità di proseguire sull’immenso patrimonio immobiliare di scarsa qualità che si potrebbe pensare di ricostruire con vantaggi economici per le ditte, migliore qualità della vita degli abitanti ed un’estetica migliorata per la città.

Argomenti per le prossime elezioni, diremmo, a patto che qualcuno li ponga sul tavolo, che se aspettiamo che ci arrivino i partiti a queste cose stiamo freschi!

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Come previsto, per Capocotta ancora niente bandi assegnati. E siamo a maggio.
La denuncia di Andrea Bozzi: sulla Litoranea non ci saranno i Vigili Urbani e perfino i bus Atac. Un caos totale che rischia di danneggiare le dune e i cittadini.

A Tarquinia si fa una vera differenziata con isole ecologiche in tutta la città.
Per gettare i rifiuti serve una tessera personale che permette di pagare meno Tari. Impossibile il rovistaggio. Eppure siamo a pochi km da Roma.
#fotodelgiorno

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino.
Nuova iniziativa dei residenti, sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino

Nuova iniziativa dei residenti del rione che sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato

Leggi l'articolo »