Cartellone di viale Mazzini: com’era prevedibile …

Appena visto il nuovo impianto installato in viale Mazzini, quello la cui predisposizione era stata preventivamente segnalata all’amministrazione dall’arch. Bosi, avevamo auspicato una pronta risposta dalle autorità in merito alla sua liceità.

Stando infatti alla normativa vigente quell’impianto appare installato abusivamente ma incredibilmente è ancora lì, a oltre due settimane dalla denuncia, e senza che nessuno abbia sentito il bisogno di dare una risposta all’arch. Bosi ed ai tanti cittadini che sono interessati alla cosa.

Una novità che abbiamo colto nei giorni scorsi è che qualche cittadino comincia a perderla la pazienza, come d’altronde avevamo facilmente previsto, e appare dare un qualche stimolo all’amministrazione affinché dia segno di sé.

Questa è l’immagine dell’impianto presa l’altra sera:

impiantoMazzini

Sembrerebbe che l’autore del gesto non abbia voluto danneggiare l’impianto, limitando la scritta su un telo di plastica. Ed anche così noi ci sentiamo di condannarli certi gesti, continuando a sperare in una normale dinamica di controllo del territorio. D’altro canto è comprensibile che in assenza di una risposta da parte dell’amministrazione, a oltre due settimane dalla denuncia, che qualcuno cerchi di sollecitarla questa risposta.

Condividi:

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »