Eravamo stati molto duri con il sindaco Raggi quando, dopo ben tre anni di mandato, si era decisa a continuare il lavoro di spostamento delle bancarelle in centro storico iniziato dal sindaco Marino.

Il tira e molla a cui si è assistito all’inizio, con l’ordine di spostamento ignorato dagli ambulanti e l’amministrazione che ci si è messa a trattare, ci avevano fatto temere un ennesimo rimando. Fortunatamente le cose sono andate per il verso giusto e riconosciamo volentieri all’amministrazione Raggi il merito di essere riuscita a liberare, dopo anni di sfregio, monumenti unici come il Pantheon o la Fontana di Trevi.

 

 

 

C’è una domanda, sollevata dagli urtisti che hanno dovuto spostare i loro banchi dalle preziosissime postazioni del passato, che però è rimasta inevasa: perché a loro è stato chiesto di spostarsi altrove mentre ad altri viene consentito di rimanere dov’erano prima?

Qualche foto delle postazioni non toccate dagli spostamenti.

 

Questo banco è rimasto in piazza in Trevi, dall’altra parte rispetto alla fontana.

 

Camion bar in piazza dei Crociferi, a pochi passi da piazza in Trevi

 

L’immarcescibile caldarostaro di via Condotti angolo piazza di Spagna

 

 

È vero che le bancarelle poste proprio davanti alla Fontana di Trevi o al Pantheon erano assolutamente indifendibili, ma perché non cogliere l’occasione e ridare decoro a quei luoghi complessivamente?

 

E a proposito di decoro, se forse si è riusciti a spostare definitivamente qualche banco dalle postazioni più in vista, una nuova iniziativa normativa del consigliere M5S di turno rischia di autorizzare nuove centinaia di postazioni ambulanti in tutta la città, particolarmente nel solito centro storico.

Questa volta è la presidente Eleonora Guadagno, alla guida della commissione cultura, che ha proposto di autorizzare i cosiddetti “operatori dell’ingegno” a vendere i loro manufatti in postazioni ambulanti. La presidente avrebbe dichiarato: “… gli OPI potranno far rivivere le zone degradate restituendole alla fruizione della citadinanza“.

Evidentemente costei vive nell’iperuranio, giacché è evidente che qualsiasi nuova postazione ambulante sceglierà di posizionarsi nei luoghi più appetibili della città, altro che zone degradate.

Capiamo così che forse non è vero che la presidente Guadagno sia del tutto incapace di dare un contributo alla città, come avevamo scritto al tempo del flop del nuovo regolamento per l’arte di strada. Se le riuscirà questo osceno tentativo di autorizzare centinaia di nuove postazioni ambulanti in tutta Roma, la Guadagno avrà lasciato un segno del suo passaggio, un segno drammaticamente negativo ma pur sempre un segno.

E diamo atto al consigliere Orlando Corsetti, del PD, di essere l’unico per il momento a contrastare il tentativo della Guadagno.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711 Retweeted by diarioromano

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709 Retweeted by diarioromano

Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore. . Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto!

test Twitter Media - Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore.
.
Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto! https://t.co/gX753oVegk

Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate. . #Roma #coronavirus #photo #lettori

test Twitter Media - Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate.
.
#Roma #coronavirus #photo #lettori https://t.co/J6wQJLyzvS

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close