Ancora sullo spopolamento del centro di Roma

Torniamo sul tema dello spopolamento del centro storico di Roma, dopo averne parlato alcuni giorni fa.

 

rioniroma1

 

Ce ne dà modo un articolo online, segnalatoci da un/a lettore/trice, a firma di Andrea Declich e dal titolo “Roma e il nulla. Promuovere la densificazione della città: qualche riflessione sul futuro nonostante la Raggi”.

Il pezzo si apre con una considerazione generale sulla situazione romana su cui è difficile non concordare:

Il governo della città di Roma oggi è rappresentabile con una parola: nulla. Nel tempo la situazione è andata peggiorando, ma va detto che da quando è stata eletta la sindaca Raggi, con la sua salda maggioranza monocolore, la macchina comunale ha proprio smesso di funzionare. E non è solo l’azione che manca a Roma, sono anche le idee sul che fare.

Ma l’autore ne ha anche per la sinistra, dovendo constatare che anche da quella parte il vuoto di idee dura da tempo:

Immaginandomi in un contesto – purtroppo inesistente: la sinistra romana non lo fa in maniera sistematica dai tempi della prima elezione di Rutelli – in cui si riflette su queste cose, penso che uno dei temi su cui concentrarsi – molto complesso – sia quello dello spopolamento delle zone centrali di Roma.

 

Nel consigliare la lettura del pezzo, pieno di interessanti considerazioni e riferimenti, riportiamo ancora un estratto che descrive brevemente alcune delle cause dello spopolamento:

Come avviene lo spopolamento? Come si è detto, il tema è complesso e non si può troppo semplificare. Ma sicuramente avviene riempiendo il centro di attività e funzioni che non hanno a che fare con la residenza e marginalizzando queste ultime. Il centro storico di Roma è stato colpito da politiche di questo tipo per decenni, ma certo l’andazzo degli ultimi anni ha rafforzato la tendenza: la città è all’esclusivo servizio del turismo predatorio, come si può constatare dall’invasione di pullman, dal dilagare dei bed&breakfast, dall’occupazione eccessiva di suolo pubblico tale che in certe piazze si fa lo slalom tra i tavolini.

Ebbene se consideriamo che il centro storico di Roma è sotto governo di maggioranze di sinistra da decenni (almeno dal 1997, quando è stata introdotta l’elezione diretta del Presidente), non possiamo non attribuire a questa parte politica una buona parte delle responsabilità per la situazione attuale.

Ed anche a voler considerare tutte le attenuanti per non essere riusciti ad arginare quello che è un fenomeno mondiale, per di più con i poteri e le competenze limitate dei Municipi a Roma, è fuor di dubbio che ancora oggi si è costretti a registrare una totale miopia del governo in carica in Municipio I rispetto al problema.

Se infatti da una parte si è iniziato ad adottare qualche slogan sul tema ( tutelare la residenzialità in centro storico “… per contrastare lo spopolamento e salvaguardarne le caratteristiche uniche favorendo un uso corretto da parte di tutti“, si è sentito dire alla Presidente Alfonsi in un recente convegno), nei fatti l’azione del Municipio I continua ad ignorare i reali problemi e le richieste degli abitanti, come l’intervento appena promosso in via della Frezza ha dimostrato, ultimissimo esempio della particolare ed esclusiva attenzione che si continua ad avere per il commercio.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Due veicoli in stato di abbandono nei pressi della chiesa di S. Andrea della Valle. Ancora un esempio del modo assurdo in cui viene gestita la sosta in centro storico. . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Due veicoli in stato di abbandono nei pressi della chiesa di S. Andrea della Valle. Ancora un esempio del modo assurdo in cui viene gestita la sosta in centro storico.
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/YPLbvow2HO

Spiagge: ogni #stabilimento paga 9 mila euro l’anno allo #Stato. E ne incassa 900 mila. La proroga delle concessioni al 2033 in contrasto con le #norme europee. E ad #Ostia resiste il muro della vergogna. #Roma #8agosto ▪️ 👇📰 diarioromano.it/spiagge-ogni-s… Retweeted by diarioromano

Spiagge: ogni #stabilimento paga 9 mila euro l’anno allo #Stato. E ne incassa 900 mila. La proroga delle concessioni al 2033 in contrasto con le #norme europee. E ad #Ostia resiste il muro della vergogna. #Roma #8agosto ▪️ 👇📰 diarioromano.it/spiagge-ogni-s…

Rifiuti di ogni genere all’ingresso della Stazione lato largo Camesena. Una sporcizia indicibile negli spartitraffico. . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Rifiuti di ogni genere all’ingresso della Stazione lato largo Camesena. Una sporcizia indicibile negli spartitraffico.
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/ff40VqJK5l

Rifiuti: tempi duri per l’assessore all’ambiente, ossia Virginia #Raggi. Il Piano Regionale per la gestione dei Rifiuti del Lazio è una doccia fredda per il #sindaco Raggi, ma problemi sui #rifiuti continuano ad esserci a tutti i livelli. #Roma #7agosto 👇 diarioromano.it/rifiuti-tempi-… Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close