Anche dopo la morte di un giovane a piazza Istria si parcheggia così

Piazza Istria incidente Luca 3

 

La notte del 10 aprile 2015, Luca Liberti, 17 anni, muore mentre a bordo del suo scooter passa in piazza Istria. Un incidente drammatico che ha provocato la reazione di tanti giovani della zona. Per mesi la piazza è stata ricoperta di striscioni, tazebao, fiori in ricordo dell’amico scomparso. Alcuni in zona hanno puntato il dito contro la rotonda, inaugurata pochi mesi prima che aveva modificato la circolazione della zona.

Purtroppo, però, nessuno ha voluto guardare e studiare la reale situazione della piazza, invasa sempre di più dalla sosta selvaggia. Come anticipammo pochi giorni dopo l’incidente, non è certo la rotonda ad aver reso insicura l’area, dove anzi oggi il traffico è molto più scorrevole e l’estetica assai migliorata. Il problema resta quella manciata di automobilisti che ritiene possibile parcheggiare ovunque, purchè si lasci il passaggio per almeno una corsia. La piazza è stata progettata con due corsie proprio perchè ricca di svincoli. In questo modo la corsia esterna dovrebbe essere percorsa da chi deve uscire su una delle strade o immettersi da una di queste. La corsia interna da chi deve proseguire nella rotonda.

Ma questa semplice operazione è resa impossibile dalle auto che perennemente sostano sulla corsia esterna. Siamo tornati diverse volte in queste ultime settimana sul luogo, a differenti ore del giorno e della sera. E sempre, ripetiamo, sempre vi sono macchine parcheggiate in sosta selvaggia.

piazza istria sosta selvaggia
Mattina, il lato verso Santa Costanza

 

piazza istria sosta selvaggia5
Sera, decine le auto in sosta
piazza istria sosta selvaggia6
il lato verso via Bisagno

 

 

Come si vede dalle fotografie, la carreggiata viene costantemente occupata dalla sosta. Forse fu per questo che il povero Luca fu costretto a sterzare verso il centro della piazza e finì investito da un bus. Se i progettisti avessero voluto ricavare uno spazio per il parcheggio avrebbero disegnato la piazza diversamente, creando delle orecchie all’inizio e alla fine dell’area di sosta per rendere più sicuro il transito. Ma non era questa la volontà, per cui si tratta solo di arroganza degli automobilisti e menefreghismo delle istituzioni. Multe, infatti, non vengono comminate nè sulla piazza nè sulle vie limitrofe. Guardate la situazione di via Santa Costanza. Da brivido.

piazza istria sosta selvaggia3
L’intero spartitraffico centrale invaso

 

piazza istria sosta selvaggia4
E sosta pure davanti ai cassonetti

 

Dunque anche nelle vie adiacenti lo spazio di passaggio per le auto in transito è comunque ridotto da chi lascia la propria macchina in modo volgare e prepotente. Se a questo aggiungiamo le condizioni dell’asfalto e dei sanpietrini di via Santa Costanza, ci rendiamo conto che cavalcare un motorino in questa zona è veramente un’operazione rischiosa.

Sono passati 10 mesi dalla morte di un diciassettenne e nulla è cambiato, anzi forse è peggiorato. Quelle speranze che qualcuno riponeva nel commissario Tronca di una stretta per la legalità di tutti i giorni sono rimaste deluse. Ora non resta che affidarsi al fato e augurarsi che tragedie come quella di Luca non abbiano a ripetersi.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo. Cosa resta delle #amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo #libro di @A_Ambrogetti 👇📰 diarioromano.it/giunte-rosse-d…

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo

Cosa resta delle amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo libro di Andrea Ambrogetti cerca di mettere in luce l’impegno politico e sociale di quei sindaci e assessori e della loro presa sulla memoria collettiva

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close