Due esempi di accoglienza che solo una città ridotta male come Roma può mostrare, per di più in un’area che più centrale e delicata non si può.

 

Piazza di S. Gregorio, nei pressi della chiesa dei Santi Andrea e Gregorio al Celio (VIII sec. d.C.) e con vista sul colle Palatino: non c’è alcun problema a bivaccare col proprio camper, quand’anche esso sembri più un carro di carnevale che un alloggio semovente.

 

accogl2

 

La cosa grave è che probabilmente il proprietario del camper non sta commettendo nessun abuso, visto che probabilmente quello è uno stallo di sosta regolare e nulla vieta ai camper di utilizzarlo. Vi sono anzi moltissimi luoghi del centro storico di Roma che vengono suggeriti ai camperisti per pernottare liberamente (qui un esempio) ma forse questa è una di quelle cose che quando mai la città avrà un governo degno di questo nome andrà rivista. Anche perché se a Parigi la sosta libera dei camper sulle strade è fortemente ristretta, quando non vietata, un motivo ci sarà pure.

 

L’altro esempio è proprio all’ingresso della chiesa dei Santi Andrea e Gregorio al Celio.

 

accogl1

Come si vede dalla foto, un tipo dorme sulla soglia della chiesa, incurante del fatto di essere ben in vista. Certo, il luogo non è molto frequentato, ma non per questo ci si può lasciar andare a comportamenti che la nostra sensibilità giudica maleducati o, molto semplicemente, inaccettabili. E per reprimere questi fenomeni di degrado spicciolo non servono ordinanze o nuove leggi, ma solo dei vigili con gli occhi aperti e capaci di essere convincenti nel ricondurre i singoli a comportamenti civili.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La situazione della Roma Nord a Maggio 2024.
Continuano i disagi per i pendolari della ferrovia ex concessa sia come ritardi che cancellazioni. Proseguono i lavori presso la stazione di Acqua Acetosa ma resta sempre carente l’informativa agli utenti.

A seguito di notizie di stampa sull’iniziativa del “treno dell’inclusività” ci sono pervenute numerose richieste per conoscere costi e dettagli.

Comunichiamo di aver inviato proprio stamattina ad ATAC S.p.A. un Accesso Civico Generalizzato per ottenere tali informazioni.

Il nostro impegno continua ma le pubblicazioni non saranno più regolari.
Dopo quasi 10 anni rallentiamo il ritmo, pur restando una voce attenta e aperta al contributo di cittadini e comitati. Un momento di riflessione a metà mandato di @gualtierieurope.

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

C’è chi si ATACca e chi no

I report ATAC sul servizio bus, tram e metro del 1° trimestre ’24 mostrano risultati eccellenti, in netto contrasto con l’esperienza reale degli utenti. Qual è il trucco?

Leggi l'articolo »