A Milano Sala dichiara guerra alle tags. A Roma il problema non esiste (!)

Via Gela graffiti 7

 

Ci aspettiamo la solita sfilza di insulti al grido di venduti al Pd, chi vi paga, etc, etc. Ma tenere un blog impegnandoci il proprio tempo libero significa scrivere quello che si pensa e soprattutto quello che si vede infischiandosene delle accuse lanciate sul web.

E allora anche sul tema delle tags e del decoro in generale Milano batte Roma due a zero. Il fatto che Milano sia amministrata da un Sindaco Pd è del tutto irrilevante per noi. Anche perchè dal M5S ci aspettavamo qualcosa di più sul fronte del decoro. Anzi ci aspettavamo qualcosa e basta! E invece non è arrivato un bel niente: non c’è un delegato comunale che si occupi dell’immagine della città, non è stata inserita neanche una riga nelle dichiarazioni programmatiche e gli appelli che abbiamo lanciato alla Sindaca e alla giunta (inviando il nostro programma anti-degrado) non hanno ricevuto neanche una risposta.

Nel contempo a Milano, il Sindaco Sala eletto lo stesso giorno di Virginia Raggi e dunque avendo avuto lo stesso tempo a disposizione, ha già avviato una dura battaglia contro chi imbratta i muri, le metropolitane e le bellezze della città. “Deve essere chiaro a tutti che continueremo a rendere la vita difficile a chi deturpa Milano con le scritte”, ha dichiarato a Repubblica pochi giorni fa. E il seguito è stato la costituzione come parte civile contro G. B. un giovane colto a graffitare i vagoni della linea verde della metro e contro J. G. S. che aveva fatto irruzione in un deposito Atm e stava imbrattando i treni. Dal 2012 ad oggi, l’avvocatura di Palazzo Marino ha seguito 160 processi penali contro oltre 200 writers e Sala ha dato impulso all’attività legale chiedendo di incrementarla. Subito dopo la costituzione come parte civile contro i due giovani, il Sindaco ha spiegato che considera “particolarmente importante l’attività di repressione e prevenzione. Chi imbratta i muri o i mezzi di trasporto provoca un danno non solo di immagine ma anche concreto. Quindi la nostra sarà linea dura”.

Inoltre il Comune di Milano sta pensando di affidare le recinzioni dei cantieri della nuova metro a artisti di strada in modo che possano colorarle con graffiti di qualità in contrapposizione alle solite oscene tags. E a Roma? Nella nostra città purtroppo non è stata spesa neanche una parola sul decoro cittadino, nonostante la capitale sia la più devastata tra tutte le città occidentali. Per il Sindaco, la giunta e il consiglio comunale il problema sembra non esistere. Vi sono sempre altre priorità. Almeno queste benedette altre priorità venissero elencate seriamente e affrontate! In quel caso potremmo pensare che almeno la questione del decoro prima o poi verrà presa in considerazione. Invece dobbiamo constatare che fino ad oggi non si è fatto nulla su alcun tema concreto. Non c’è stato un solo provvedimento che sia stato capace di incidere sulla vita dei romani e che dia il segnale di quale strada voglia intraprendere la giunta.

Treno linea B 2

 

Grande è la delusione di chi sperava che il M5S potesse dare ascolto a quella frangia di romani (sempre più ampia) che considera prioritario il tema del decoro, perchè solo riprendendo il controllo contro le tags, sull’occupazione di suolo pubblico, sulle bancarelle, sui manifesti, sugli adesivi si può riprendere il controllo dell’intera città. Quel metodo Giuliani imitato in tutto il mondo che a Roma viene considerato una “non priorità”.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Stasera h.20,15 ca. siamo ospiti su @radioromait da @anderboz per parlare dei rifiuti al 6°mun., quelli che vedete nel video di stanotte. Naturalmente scordatevi confronti con @Sabrinalfonsi e/o @gualtierieurope , troppo impegnati in spot elettorali @diarioromano @Luce_Roma Retweeted by diarioromano

A costo di fare la figura delle mosche cocchiere, si direbbe che il sindaco ci legga. Se però la pianta organica dei vigili prevede 8350 unità e oggi sono 5600, a Piantedosi ne deve chiedere 3000 di nuovi agenti, non 1000. E deve cambiare il comandante! tgcom24.mediaset.it/politica/roma-… twitter.com/diarioromano/s…

Il #FascismoStradale mortifica e umilia il cittadino ma in realtà dovrebbe far vergognare l'amministratore. Roma, Monteverde AD2023 #ZeroVision Retweeted by diarioromano

I cassoni scarrabili “apportano un impatto positivo sul decoro urbano” (dal nuovo piano industriale di #AMA) e quindi ne verranno installati altri 100 in giro per Roma. Sui rifiuti grandi progressi, a passo di gambero. @Sabrinalfonsi @gualtierieurope twitter.com/GiuseppeRoma97…

ZERO monitoraggio GPS per i #bus in periferia, non li potete vedere sulle app ANCORA e ANCORA e ANCORA.. (sono le linee in tabella) @QuinziUgo #ATAC #RomaTPL #RomaMobilita @eugenio_patane @moovit_it Retweeted by diarioromano

Voragine in via dei Giordani: tempi lunghi per la riapertura. Domenica un camion dell’Ama ci era finito dentro. I lavori non si concluderanno prima di due mesi. Nel frattempo forti disagi alla circolazione della zona. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Voragine in via dei Giordani: tempi lunghi per la riapertura.
Domenica un camion dell’Ama ci era finito dentro. I lavori non si concluderanno prima di due mesi. Nel frattempo forti disagi alla circolazione della zona.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/IRM2HZpeVZ
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close