Volantini e manifesti per l’ennesima pubblicità abusiva. Questa volta col logo del Comune

volantino abusivo

 

Il ridicolo slogan di questi personaggi è: “Per occuparci dei nostri quartieri”. E infatti si vede come se ne occupano. Deturpandoli con altri manifesti e volantini illegali. Da alcuni giorni diverse zone della città sono state tapezzate da uno strano messaggio. Sembrerebbe un avviso del Campidoglio su una nuova zona a traffico limitato. Alcuni cittadini si sono allarmati domandandosi in quale parte di Roma sarebbe nata questa Ztl.

Ma il logo del Comune è stato chiaramente contraffatto e nessuna zona a traffico limitato è in progetto al momento. Si tratta dunque di una trovata pubblicitaria caratterizzata da scarso senso civico.

Questi signori avevano pure aperto una pagina Facebook ma è stata bloccata dal Social Network poche ore dopo proprio per l’uso improprio che stavano facendo del logo capitolino. Su Twitter invece ancora è presente un account sebbene non sia praticamente utilizzato.

Volantini abusivi

Insomma il solito mondo al rovescio. Invece di sfruttare i canali che la tecnologia ci mette a disposizione per pubblicizzare nuove iniziative, ancora si affidano alla vecchia carta e alla vecchia colla. Con il risultato di imbrattare una povera Roma che sembra diventata la latrina di chiunque.

Volantini abusivi2

Una speranza c’è e ci rivolgiamo al Comandante della Polizia di Roma Capitale Clemente perchè non ci deluda. Quando il 19 e 20 giugno questi personaggi apriranno la loro attività (un bar, un ristorante, una discoteca….), una pattuglia dei Vigili si presenti e li multi pesantemente per affissioni illegali e plagio del logo comunale. E poi chiuda il loro locale almeno per uno o due giorni, rovinandogli l’inaugurazione.

La prossima volta chiunque voglia fare pubblicità in questo modo ci penserà due volte.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Per chiarire: non si è qui pregiudizialmente contrari agli arredi esterni, tutt'altro. Quello che occorre è un ripensamento globale della normativa per puntare a sostenibilità, qualità e giusti ritorni per il Comune. Altro che buttare tavoli sulle strade. twitter.com/diarioromano/s…

Il centro storico di #Roma è quasi morto. Il #lockdown ne è stata la prova. Mentre negli altri quartieri c'erano le file ai supermercati, l'area #Unesco si è presentata spettrale e deserta. Senza b&b e ristoranti il territorio sembra svuotato. #2giugno 👇 diarioromano.it/il-centro-stor…

Immagini dal nuovo far west dei tavolini predisposto da @virginiaraggi. Arredi buttati sulla strada con gli avventori che vengono sfiorati dei veicoli in circolazione. Modello "logorio della vita moderna" con Ernesto Calindri (citazione per gli attempati)

test Twitter Media - Immagini dal nuovo far west dei tavolini predisposto da @virginiaraggi.
Arredi buttati sulla strada con gli avventori che vengono sfiorati dei veicoli in circolazione. Modello "logorio della vita moderna" con Ernesto Calindri (citazione per gli attempati) https://t.co/beQT4dligm

Roma sarà anche piena di incivili, ma i primi responsabili di spettacoli simili sono coloro che mantengono il metodo dei cassonetti in strada non presidiati. . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - Roma sarà anche piena di incivili, ma i primi responsabili di spettacoli simili sono coloro che mantengono il metodo dei cassonetti in strada non presidiati.
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/SesuLz2pdY
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close