Villa Albani: il degrado intorno ad un gioiello del ‘700

Ha ospitato la più importante collezione privata di opere romane. Alle sue pareti sono appesi Van Dyck, Tintoretto, Guercino, Giulio Romano, Vanvitelli e altri tra i più grandi pittori di tutti i tempi. Eppure Villa Albani sembra destinata ad una morte lenta, come se avesse terminato il suo ciclo di vita. La scelta di lasciarla in uno stato di semi abbandono sta in capo alla famiglia Torlonia, proprietaria della villa e del parco. Ma la responsabilità del degrado circostante è tutta del Campidoglio e del Municipio che sembrano non vedere il valore immenso del complesso. Neanche questa splendida zona è immune al virus dell’indifferenza e del degrado che caratterizza ogni parte della città, dalle periferie al centro, dalle zone storiche a quelle più moderne.

L’area di via Adda non sta messa bene, ma la parte che più soffre è quella che costeggia il parco dal lato di via di Villa Albani. La strada termina in una scala che degrada fino a via Frosinone e via Savoia. E qui sembra di trovarsi improvvisamente in un film ambientato in una periferia di Caracas.

Villa Albani degrado scale3

 

Villa Albani degrado scale2

Villa Albani degrado scale

 

Non c’è un metro quadro che non sia coperto da scritte come se fosse una zona franca, dove chiunque può lasciare un segno. Gli angoli sono usati come orinatoio e le scale disconnesse.

L’ingresso di via Frosinone, uno dei più belli, è usato come parcheggio: le auto sostano sul marciapiede appoggiandosi alle cancellate settecentesche

Villa Albani degrado

 

La facciata, le statue e le fontane conservano tutto il loro fascino sebbene siano lasciati senza manutenzione.

Villa Albani degrado2

 

 

Il Cardinale Albani, nipote di Papa Clemente XI°, era uno dei più grandi collezionisti di opere romane. Aveva raccolto bassorilievi, capitelli, colonne, busti e li aveva disposti nella villa per creare un percorso emozionale per il visitatore. In seguito si erano aggiunti dipinti dal valore inestimabile di proprietà sia della famiglia Albani, sia della famiglia Torlonia che – nella prima metà dell’ottocento – acquistò il complesso. La manutenzione è troppo costosa e gli edifici minori richiederebbero interventi e cure. Ciò nonostante l’accesso al parco e la villa principale lasciano ancora senza fiato.

villa albani edificio principale

 

Un progetto di esproprio per 25 milioni di euro fu avanzato dalla Giunta Veltroni che avrebbe voluto trasformare gli edifici in musei e il parco in un giardino pubblico. Ma non fu mai realizzato per l’opposizione dei Torlonia che ritengono il valore degli immobili e delle collezioni assai superiore.

Date le condizioni del verde pubblico oggi a Roma, forse è un bene che sia andata così. La città non è in grado di conservare nulla in buono stato. La trascuratezza romana si vede tutta nelle mura che costeggiano i diversi ettari della proprietà. I Torlonia consentono visite gratuite su prenotazione a piccoli gruppi di studiosi. Ma il percorso d’arrivo è in condizioni tali che c’è solo da vergognarsi di non saper rispettare un patrimonio unico al mondo.

Villa Albani degrado scale4

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

L’assessore “portavoce dei cittadini” Calabrese continua a negarsi ai #cittadini. Vi sono ad esempio molte migliaia di titolari di permesso #ZTL che attendono da mesi una decisione dell'assessore sulla proroga della scadenza... #23settembre #Roma ▪️ 👇📰 diarioromano.it/lassessore-por…

Nonostante vi siano a #Montecitorio dei sedicenti "portavoce dei cittadini", quelli che dovevano aprire il #Parlamento come una scatoletta di tonno, sotto il palazzo si continua a parcheggiare sui marciapiedi. . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Nonostante vi siano a #Montecitorio dei sedicenti "portavoce dei cittadini", quelli che dovevano aprire il #Parlamento come una scatoletta di tonno, sotto il palazzo si continua a parcheggiare sui marciapiedi.
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/VRIVCAjIze

Il settore della cartellonistica è ancora nel caos, nonostante nel 2014 l'Assemblea Capitolina, e la stessa #Raggi, hanno approvato la riforma degli impianti pubblicitari. Perché la Raggi continua a tenerla nel cassetto? #Roma #22settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/sventata-linst… Retweeted by diarioromano

Commercio ambulante a #Roma: venti indagati per associazione a delinquere, ipotizzata anche l'aggravante mafiosa. Coinvolti nell'inchiesta due dirigenti comunali, accusati di abuso d'ufficio‼️ @Corriere @MercurioPsi @SchwarzGuido @RiprendRoma ▪️ 👇📰 roma.corriere.it/notizie/cronac…

Il settore della cartellonistica è ancora nel caos, nonostante nel 2014 l'Assemblea Capitolina, e la stessa #Raggi, hanno approvato la riforma degli impianti pubblicitari. Perché la Raggi continua a tenerla nel cassetto? #Roma #22settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/sventata-linst…

Gravi criticità per la raccolta carta al Tuscolano. Uno dei motivi è che i cassonetti vengono chiaramente usati anche dai negozi, cosa sbagliata e non sostenibile. . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Gravi criticità per la raccolta carta al Tuscolano. Uno dei motivi è che i cassonetti vengono chiaramente usati anche dai negozi, cosa sbagliata e non sostenibile.
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/nYBeEDPlv1

Recuperiamo il 150esimo anniversario dalla breccia di #PortaPia, ricorso ieri. Che sia da stimolo per tutti affinché con le elezioni del prossimo anno #Roma sia liberata dalla cappa di depressione che la opprime da troppo tempo. #21settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/150-anni-dalla… Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close