La denuncia dell'Osservatorio Sherwood: l'immobile doveva diventare Casa del Parco e invece è occupato. Stessa sorte per altri giardini di Roma

 

La finestra che vedete qui sopra è tenuta d’occhio dai cittadini che hanno a cuore la tutela di Villa Ada, riuniti nell’Osservatorio Sherwood. Alla sera, quando fa buio, i volontari guardano in quella direzione e notano una luce accesa. Eppure la casa dell’ex guardiano di Villa Ada, in via Salaria 267, dovrebbe essere vuota.

Una lunga trafila giudiziaria ha visto il Campidoglio vincere tutti i gradi di giudizio e ottenere la liberazione dell’immobile che era occupato abusivamente. Una vicenda denunciata anche dai 5Stelle quando, dai banchi dell’opposizione, sembravano i paladini della legalità e del taglio agli sprechi.

Nel 2014, il pentastellato Daniele Frongia (oggi assessore allo Sport) presiedeva la commissione per la “razionalizzazione della spesa” e denunciava lo scandalo delle tante case dei custodi dei parchi occupate senza titolo. C’erano vedove che pagavano affitti irrisori di 10 euro al mese, oppure rom che erano entrati con la forza (a Villa Fassini sulla Tiburtina). Frongia e i colleghi avevano promesso che una volta in giunta, avrebbero messo ordine in questo settore.

E invece, la casa di via Salaria 267, dall’esterno fatiscente ma pur sempre un villino che affaccia in uno dei parchi più belli, è ancora oggi abitata. Chi sia l’inquilino non è dato sapere ma la presenza di questo “fantasma” impedisce di trasformare la struttura in “Casa del Parco”, un centro che potrebbe ospitare la documentazione di Villa Ada, incontri, mostre, presentazioni e attività didattiche.

Insomma a fronte del godimento di uno (pure abusivo), c’è un danno per tutti. L’Osservatorio Sherwood si domanda, sulla propria pagina Facebook, chi accenda quella luce.

 

Stesso problema in tante altre case di ex custodi dei parchi romani. Sempre a Villa Ada, nel 2018, la Sindaca Raggi si era vantata di aver sgomberato l’appartamento da 110 metri quadri nell’edificio “Tribuna” occupato dalla signora Rakhamanova, moglie dell’ex direttore del Servizio Giardini. Dopo la morte del marito, la donna ci è rimasta per 27 anni pur non avendone titolo, pagando un canone di 10 euro al mese (!).
Raggi e i suoi assessori parlarono di legalità, decoro e fruibilità. E invece di quell’appartamento non si è saputo più nulla.

C’è poi la casa del custode del Parco di Monte Mario, dove qualcuno meno di un anno fa, ha ristrutturato gli interni e ci è andato ad abitare senza alcun titolo. Lo hanno denunciato i consiglieri di Fratelli d’Italia Ghera, Colosimo e Figliomeni.  E in passato segnalazioni analoghe erano arrivate per le case degli ex custodi di Villa Celimontana, Porta Metronia e Parco San Sebastiano.

Insomma la prassi sembra essere quella delle occupazioni o quanto meno della permanenza senza titolo. Il problema del patrimonio pubblico occupato viene da lontano e non si può pretendere di risolverlo in una legislatura. Ma si potrebbe partire dalle piccole occupazioni come quella di via Salaria 267, assegnando il bene a chi potrebbe metterlo a disposizione di tutti.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche. Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche.

Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/OidSLFYrT1

Semplicemente sconfortante, segno che in fondo nulla è ancora cambiato. @gualtierieurope twitter.com/battaglia_pers…

@gualtierieurope @Corriere A proposito di rifiuti, ha forse chiarito la questione delle fototrappole tutte disattivate? Retweeted by diarioromano

Mezzocammino, il quartiere dei #fumetti. Gli eroi dei sogni qui sono realtà. Ogni strada, parco e scuola porta il nome dei grandi artisti del passato e dei loro protagonisti... 👇📰 diarioromano.it/mezzocammino-i…

Auto abbandonata o magazzino in strada? In via Aurelio Cotta (Numidio Quadrato) c’è una vecchia Lancia Y10 che sembra abbandonata, ma all’interno si vedono pezzi di altre auto. Magazzino di qualcuno? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Auto abbandonata o magazzino in strada?
In via Aurelio Cotta (Numidio Quadrato) c’è una vecchia Lancia Y10 che sembra abbandonata, ma all’interno si vedono pezzi di altre auto. Magazzino di qualcuno?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/rGBiQnF6q2

A rischio l’autorevolezza dell’Agenzia Controllo Qualità dei Servizi di Roma Capitale? Oggi in #AssembleaCapitolina una delibera che propone di portare da 5 anni a uno la durata in carica del vertice, oltre ad una drastica riduzione dei compensi 👇📰 diarioromano.it/a-rischio-laut…

28 9 in #assembleacapitolina voto su modifica @ACoS_Roma agenzia controllo qualità servizi: chiediamo mandato Presidente resti di 5 anni, no 1 anno @thegoodlobbyit, @openpolis, @Cittadinanzatti,@DD_Forum,@PortavoceFtsl @MercurioPsi @diarioromano carteinregola.it/index.php/modi… Retweeted by diarioromano

“Vespa Orientalis”: il grande alveare segnalato sta ancora lì. È dal 10 settembre che un grosso alveare su uno degli alberi di piazza della Chiesa Nuova è stato segnalato a diversi uffici, inclusa l’AMA, ma è ancora lì. Un caso che sia nato dove vengono ammucchiati i rifiuti?

test Twitter Media - “Vespa Orientalis”: il grande alveare segnalato sta ancora lì.
È dal 10 settembre che un grosso alveare su uno degli alberi di piazza della Chiesa Nuova è stato segnalato a diversi uffici, inclusa l’AMA, ma è ancora lì. Un caso che sia nato dove vengono ammucchiati i rifiuti? https://t.co/mXZCiPuY3J
test Twitter Media - “Vespa Orientalis”: il grande alveare segnalato sta ancora lì.
È dal 10 settembre che un grosso alveare su uno degli alberi di piazza della Chiesa Nuova è stato segnalato a diversi uffici, inclusa l’AMA, ma è ancora lì. Un caso che sia nato dove vengono ammucchiati i rifiuti? https://t.co/mXZCiPuY3J
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close