Un’inutile “becchina” per gli alberi romani

La devastazione degli alberi a Roma è giunta fin nel suo centro più centro, con i due grandi esemplari di cipresso in piazza del Popolo abbattuti a seguito dei nubifragi della scorsa settimana.

 

Uno dei cipressi crollati (da La Repubblica)

 

La rampa dopo gli abbattimenti

 

Visione dei ceppi dal lato del lungotevere

 

Immagine dell’emiciclo dopo gli abbattimenti

 

Come si può apprezzare dalle foto, l’emiciclo di piazza del Popolo lato fontana del Nettuno, appare oggi spelacchiato sul lato sinistro, avendo perso i due cipressi alti circa 30 metri.

 

Si potrà dire che è colpa dei cambiamenti climatici, della vetustà di quegli esemplari, della cronica inefficacia del Servizio Giardini, ormai incapace di prendersi cura anche dei luoghi più in vista e preziosi della città.

Noi giudichiamo molto discutibili tutte queste scuse, perché la presunta violenza delle precipitazioni degli ultimi anni da più parti è stata dimostrata come in realtà peggiorata capacità di risposta da parte delle strutture cittadine; perché la vecchiaia e quindi la debolezza degli alberi non è qualcosa che giunge di sorpresa ma dovrebbe essere gestita con i dovuti modi e tempi (ad esempio con monitoraggi periodici e manutenzioni adatte a limitare i danni e prolungare quanto più possibile la vita di certi esemplari); perché per quanto il Servizio Giardini possa essere drammaticamente sottodimensionato (benché pur sempre in grado di manutenere in modo maniacale la sua stessa sede e addirittura di essere distratto ad allestire una ridicola pseudo-spiaggetta) qualcuno gli dovrebbe assegnare delle priorità che prevedano, ad esempio, una tutela privilegiata per le alberature dei luoghi più in vista della città come piazza del Popolo, piazza di Spagna, ecc.

 

Quello che però è inaccettabile è che l’assessore competente, di fronte ad un’accadimento che deturpa in maniera significativa uno degli scenari più belli di Roma, si limiti a constatare i danni, dando notizia dell’ineluttabilità degli abbattimenti, senza fornire uno straccio di idea su come si cercherà di rimediare al disastro.

È previsto un intervento in qualche modo ripatatorio di quanto accaduto? Si è già pensato a come e quando si potranno ripiantare degli alberi per cercare di ricreare la quinta preesistente?

Niente, neanche una parola dall’assessore, come se in realtà non si fosse prodotto alcun danno al patrimonio culturale della città che, alla Montanari deve sfuggire del tutto, è fatto anche di verde e alberi.

 

Servono altri elementi al Sindaco Raggi per capire che un assessore del genere a Roma fa solo il male della città?

Condividi:

Una risposta

  1. Il vero dramma è che non hanno un progetto di sostituzione delle alberature e continuano a propinare balle come la “riforestazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Solo i vigili non conoscono il parcheggio serale di largo Goldoni, probabilmente degli avventori di un noto locale.
Dal 2019 lo segnaliamo ma il malcostume impera indisturbato. Che poi una multa equivarrebbe alla mancia al ristorante …
#fotodelgiorno

Il primo e vero Ponte di Castel Giubileo, nascosto oggi da un viadotto del GRA. Quel che resta della passerella in ferro, protagonista durante la seconda guerra mondiale e comparsa in diversi film del ‘900. Un racconto di Lorenzo Grassi.

Roma Capìta, un podcast per capirci qualcosa in più.
I ragazzi di Roma Smistamento pubblicano su Spotify e sui loro social un approfondimento da non perdere su quello che accade nella Capitale. Questo mese ospite anche Diarioromano.
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria