Una storia da p.za Caduti della Montagnola

Dall’amico Marco riceviamo e volentieri pubblichiamo il seguente contributo.

“Buongiorno, vorrei segnalarvi l’evoluzione, nel corso di circa 12 mesi, di un piccolo intervento di ripristino e manutenzione alla “romana”. Il caso specifico è paradigmatico di un certo modo di pensare ed agire. Il luogo è la Piazza dei Caduti della Montagnola, più precisamente alla base della colonna di commemorazione per i caduti della resistenza contro le truppe tedesche nel settembre del 1943.

Nel giugno 2015 (non ho la data esatta) la griglia di una caditoia per la raccolta delle acque pluviali situato al di sotto della colonna è stata rotta. Per segnalare il pericoloso foro (nella piazza giocano quasi sempre dei bambini) qualcuno dell’Amministrazione comunale lo ha delimitato con una rete di plastica sorretta da dei tondini (foto del 20-6-2015) d’acciaio (senza protezioni in “testa”).

 

 

Mont1  Mont2

In breve, la protezione era peggiore del danno effettivo. La situazione è rimasta immutata per un po’ di tempo …

 

Mont3
foto del 15-7-2015

 

 

… almeno fino al 12 settembre del 2015 quando, per via delle cerimonie di commemorazione, la brutta e pericolosa recinzione è stata sostituita da un vaso pieno di piante secche preso chissà da dove.

 

Mont5

 

Mont6

 

Notare che la recinzione non è stata tolta, soltanto spostata ed abbandonata un poco più in là.

 

Mont7

 

 

Il 9-6-2016 il vaso è ancora lì, senza piante e rotto.

 

Mont8

 

 

Il 19-6-2016, a distanza di quasi un anno dalle prime foto, la situazione è la seguente: il vaso ormai si è decomposto, alcuni resti “tappano” il foro ancora scoperto mentre altri sono stati calciati a qualche metro di distanza.

 

Mont9

 

Mont99

 

La piazza, nella sua interezza, è sempre più abbandonata e ricolma di pattume lasciato dagli stessi abitanti. Il 12 settembre 2016 si avvicina. Riusciranno i nostri “eroi” a sostituire almeno una caditoia in cemento da pochi euro? Oppure utilizzeranno un altro inerme vaso?”

 

Ringraziamo Marco per il contributo e sottolineiamo la gravità del lasciare nell’indecenza un luogo che commemora dei caduti.

Non essendoci al momento un governo in carica nel Municipio VIII, inviamo la segnalazione al responsabile del Servizio Manutenzione Territorio e Ambiente del Municipio. Se la cosa non dovesse risolversi in tempi brevi provvederemo a scrivere al nuovo Presidente Paolo Pace, del M5S, nella speranza che egli vorrà cogliere l’occasione di questo piccolo ma significativo degrado per dare un segnale virtuoso di discontinuità.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

La PA a #Roma è come un acquario in acqua stagnante. Intervista ad Alfredo Martini (@CCantiere). Una classe amministrativa più giovane, 15 veri comuni autonomi e flessibilità urbanistica. Una ricetta per uscire dalla crisi tremenda del dopo #Covid. ▪️ 👇📰 diarioromano.it/la-pa-a-roma-e…

Continua ad essere troppo frequente vedere autoveicoli in sosta sulle #ciclabili. Possibile sia così difficile reprimere infrazioni così odiose? (foto @bikediablo via Twitter) . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - Continua ad essere troppo frequente vedere autoveicoli in sosta sulle #ciclabili. Possibile sia così difficile reprimere infrazioni così odiose? (foto @bikediablo via Twitter)
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/2rcCjPcC8B

E niente, anche oggi la normativa definitiva sulle OSP verrà forse approvata domani, anzi al meglio lunedì. Ma per il presidente @AndreaCoiaM5S la responsabilità è sempre di qualcun altro. facebook.com/AndreaCoiaM5SR…

PD giù la maschera. Contro la delibera per aiutare le attività produttiveVirginia Raggi

Pubblicato da Andrea Coia su Venerdì 3 luglio 2020

Ma veramente @Lavoratori_Ama? twitter.com/mbx1900/status…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close