Una ferita dentro Villa Massimo: la Casina dei Pini è luogo per sbandati e vandali

Chiuso da 5 anni, l'ex bistrot cade a pezzi. Il Municipio attende un parere dalla Soprintendenza che non arriva mai

 

Quest’estate nei giardini di Villa Massimo andrà in scena una rassegna teatrale che avrà come quinta la terribile situazione della Casina dei Pini, un tempo un bar grazioso e raffinato e oggi rifugio per sbandati. Accanto c’è l’area giochi che fu riaperta dopo oltre sei anni di chiusura. Per evitare che i bambini entrino tra i locali fatiscenti della Casina, era stata eretta una recinzione che però è stata divelta e permette a chiunque di passare.

 

Nel 2017 il Campidoglio revocò la concessione al privato che gestiva il bar per alcuni vizi di forma. In quell’occasione emerse che negli anni precedenti, i locali erano stati ampliati senza autorizzazione e risultavano in parte abusivi. A quel punto tutto si è fermato nell’attesa di capire il da farsi.

C’è chi, come il gruppo del Movimento 5Stelle del II Municipio, chiede di abbattere l’intera struttura per restituire lo spazio ai cittadini. Altri, invece, sostengono si possa demolire solo l’ampliamento abusivo e ridare in concessione la parte restante dei locali. Ma per fare questo occorre un parere da parte della Soprintendenza di Stato che è stato chiesto da lungo tempo e non arriva.

Durante la campagna elettorale, la presidente uscente del Municipio, poi confermata, Francesca Del Bello dichiarò di volersi impegnare per creare un caffè letterario nell’area ma senza l’intervento della Soprintendenza nulla è possibile.

 

 

I residenti sono sfiduciati perché già dovettero affrontare una chiusura del tutto ingiustificata della Villa tra gennaio del 2013 e giugno del 2019. Sei anni per lavori di riqualificazione che in un mondo normale sarebbero durati sei mesi. Dopo quella lunghissima parentesi, ecco comparire il problema del bistrot.

Unica nota positiva riguarda il controllo da parte delle forze dell’ordine, evidentemente messe in allarme per il continuo ingresso di sbandati nella struttura. Mentre eravamo intenti a scattare le fotografie una pattuglia dei carabinieri ci ha notato ed è intervenuta. Siamo stati identificati e il militare ci ha detto che più di una volta sono state segnalate incursioni soprattutto di notte.

I tempi si annunciano molto lunghi. Non solo dovrà pronunciarsi la Soprintendenza ma poi dovrà essere predisposto un bando per l’abbattimento della parte irregolare e in seguito un altro bando per la concessione degli spazi. E’ probabile che i bambini del quartiere non vedranno mai aperta la Casina dei Pini e diventeranno adulti prima di potersi sedere a quel bar.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

Come previsto, per Capocotta ancora niente bandi assegnati. E siamo a maggio.
La denuncia di Andrea Bozzi: sulla Litoranea non ci saranno i Vigili Urbani e perfino i bus Atac. Un caos totale che rischia di danneggiare le dune e i cittadini.

A Tarquinia si fa una vera differenziata con isole ecologiche in tutta la città.
Per gettare i rifiuti serve una tessera personale che permette di pagare meno Tari. Impossibile il rovistaggio. Eppure siamo a pochi km da Roma.
#fotodelgiorno

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino.
Nuova iniziativa dei residenti, sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato.

Come sta messa la (non più) nuova Fiera di Roma?
Uno dei tanti percorsi pedonali dell’area della Fiera di Roma interrotto da una vegetazione fuori controllo. L’ennesima declinazione di una città allo sbando.
#fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Ancora cronache di degrado dall’Esquilino

Nuova iniziativa dei residenti del rione che sono scesi in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine contro il mercatino abusivo di via Principe Amedeo. L’inutile intervento di una pattuglia della Polizia di Stato

Leggi l'articolo »