Un po’ tram e un po’ metropolitana. A Nizza in costruzione un’opera innovativa da replicare

Tram est ovest Nizza 4
Il tracciato della nuova linea est-ovest

 

Non si pensi che in Francia costruire una grande opera sia semplice e senza ostacoli. Anche Nizza ha discusso e approfondito il tema del trasporto pubblico in modo simile a quanto fatto a Roma. La differenza però è netta: una volta presa la decisione i lavori sono partiti subito, avanzano spediti e il progetto è chiaro fin dall’inizio, senza le innumerevoli modifiche che hanno caratterizzato la nostra metro c.

Tram nord sud Nizza
L’attuale linea nord-sud

 

Tram nord sud Nizza 2
Linea nord-sud, curatissima l’integrazione dei binari

 

La capitale della Costa Azzurra ha puntato molto su una nuova mobilità: tante preferenziali, piste ciclabili e soprattutto trasporto pubblico. La linea 1 del tram (quella nord-sud) è una delle più utilizzate in Europa. E da pochi mesi è iniziata la costruzione della linea 2, la est-ovest, che sarà un’opera del tutto innovativa. E’ di questa che vogliamo parlarvi perché potrebbe essere un valido esempio da imitare anche a Roma e soprattutto un compromesso tra coloro che sono contrari alla metro pesante e coloro che invece la ritengono indispensabile.

UN ESPERIMENTO UNICO. Il tram est-ovest di Nizza non è né l’uno né l’altro. E’ qualcosa di nuovo che già viene studiato in tutto il mondo. E’ un tram che cammina in superficie e su corsia protetta laddove può farlo (un po’ come il nostro tram 8) ma scende in galleria (una galleria poco profonda e poco costosa rispetto alla metro tradizionale) laddove è necessario.

 

Tram est ovest Nizza 3bis
Il rendering del tracciato in superficie: av de la Californie

 

Il nuovo tram non impatta sul centro della città: perché, la linea – arrivata al confine con le zone ottocentesche e poi nel centro storico – viene interrata per ben 5 fermate. Su 11,3 km di tracciato iniziale, 3,4 km saranno in galleria. La linea collegherà il porto con l’aeroporto in 26 minuti toccando numerosi nodi nevralgici della città, quali l’Hopital Lenval, l’Arenas, il Palais Nikaia. Mentre a Saint Augustin, il quartiere che precede l’aeroporto, sarà creato un polo di scambio con una diramazione per raggiungere il CADAM (Centro Amministrativo del Dipartimento delle Alpi Marittime). In sostanza servirà una popolazione di circa 250mila persone, con una capacità di trasporto molto elevata (120mila passeggeri/giorno).

Secondo le previsioni circoleranno 20 mila auto in meno sulla sola Promenade des Anglais ogni 12 ore, l’inquinamento atmosferico e acustico caleranno del 15 e del 17% e verranno creati i nodi di scambio con il TGV che arriverà direttamente in aeroporto.
Tram est ovest Nizza
La stazione sotterranea Jean Medicin
I costi sono nettamente inferiori rispetto ad una metro: il preventivo è di 650 milioni, ove il tratto interrato incide per 270.
Anche dal punto di vista dei tempi di realizzazione, sembra che la tecnologia scelta a Nizza sia vantaggiosa. A fine 2013, l’appalto per la costruzione delle gallerie è stato affidato al consorzio Thaumasia/Bouygues TP. Mentre il primo tram marciante è previsto per fine 2017. Dunque 3 anni per un’opera di tale rilevanza sono certamente pochi.
Tram est ovest Nizza 2bis
Il capolinea al Porto
A Nizza vi sono diversi uffici informativi, con personale gentilissimo che spiega tutti i dettagli del tracciato e i disagi che dovranno subire gli abitanti dei quartieri. Inoltre vi sono numerosi rendering delle prossime stazioni e dell’arredo urbano di superficie. A negozianti e abitanti è stata inviata una lettera (diversa per ogni quartiere) nella quale si dettagliano i lavori e le modifiche alla viabilità.
REPLICARLO A ROMA? Lo scopo di questo articolo, oltre al racconto di un’esperienza interessante in una città un po’ italiana per storia e conformazione, è la possibile replicabilità del modello a Roma. Pur non essendo dei tecnici del settore, già sappiamo che le gallerie superficiali nella nostra città potrebbero impattare sugli strati archeologici e dunque è da escludere che un’opera di questo tipo sia realizzabile nelle aree che il nostro PRG definisce città storica e consolidata. Ma è invece probabilmente applicabile in zone più periferiche ove l’Agenzia per la Mobilità già prevede la creazione di reti tramviarie.
Perché allora non studiare questo tipo di tramvia sull’asse della Tiburtina, su viale Marconi, sulla linea Eur-Isacco Newton-Corviale e sulla tratta Valle Aurelia-Circonvallazione Portuense.
Si tratta di progetti già previsti che tendono a ricucire buchi trasportici su ferro rilevanti. E che porterebbero ad un cambiamento radicale del pendolarismo romano. Una soluzione di questo tipo, meno costosa di una metro, ma incomparabilmente più efficiente di un tram, potrebbe essere la chiave di volta per una nuova mobilità cittadina.
Noi abbiamo lanciato l’idea, ora la palla passa ai tecnici che potranno dire se sia realizzabile o meno.

Per chi volesse approfondire il sito dedicato di Metropole Nice Cote d’Azur

da bastacartelloni.it: Nizza Roma confronto sul decoro

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

3 risposte

  1. Il modello esiste già in molte città e funziona molto ben. Bruxelles, Porto, Strasburgo, spesso chiamato “pre-metro”.
    la priorità a Roma, secondo me, potrebbe essere il progetto del 1955 (!) poi riproposto per lo SDO: Fidene – “Metro fantasma dei presidenti” – Via Renato Fucini (“sotto”), Via kant – Viale Palmiro Togliatti – Parco dell’appia antica(“sotto”) – Eur Laurentina. Coincidenza con metro B, asse tramviario della prenestina, metro C, A, di nuovo B. E sistema “ad anelli” che sgraverebbe le metropolitane con la creazione di numerosi percorsi alternativi ed abbattimento del traffico veicolare privato.

  2. Come già detto, quello di Nizza non è affatto il primo o il più studiato. Lo stesso sistema esiste dagli anni 60 in moltissime città tedesche, dove si chiama Stadtbahn, oltre che ad Amsterdam e Rotterdam (Sneltram). In Spagna c’è a Madrid, Valencia, Alicante e Malaga. In Italia ci sono tramvie con brevi tratte sotterranee a Torino (Falchera), Milano (Bicocca) e Mestre (Stazione FS).

    PS per Stefano: il tram di Strasburgo non ha tratte sotterranee.

  3. Ho abitato in zona Vigne Nuove all’epoca della costruzione dei Viadotti Gronchi. Il terreno di risulta asportato dal taglio della Via Vigne Nuove per la costruzione del viadotto e relativa stazione tranviaria sottostante, è servito a colmare una gigantesca voragine avanti casa. Ho atteso x molti anni la realizzazione delle tranvia Fidene-Cinecittà in aderenza al progetto originario, che tanti benefici avrebbe apportato alla città ed ai suoi cittadini. Non riesco a capire la stupidità e l’ignoranza dei ns politici ed Amministratori locali. Basterebbe per documentarsi, consultare il link” tranvie europee”, per comprendere cosa bisognerebbe realizzare in materia e quanto a Roma “capitale d’Italia” siamo arretrati ed ottusi. Bisognerebbe che il sindaco di turno, studiasse un pò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Con tutto il ritardo del mondo, partono finalmente le #primarie del centrosinistra. Quattro candidati, per ora, si sfidano per concorrere per il csx alle elezioni di ottobre. Una gara solo apparentemente dall'esito scontato... #Roma #16maggio 👇📰 diarioromano.it/con-tutto-il-r…

Dopo quasi un anno di disciplina emergenziale, ancora non si è adeguata la segnaletica stradale alle nuove occupazioni temporanee (teoricamente). #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Dopo quasi un anno di disciplina emergenziale, ancora non si è adeguata la segnaletica stradale alle nuove occupazioni temporanee (teoricamente).
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/67G1VFcyqR

Perse ormai le tracce del delegato alla disabilità @andreavenuto, torniamo a sollecitare il ministro @erikastefani71: situazione intollerabile a #Roma, da anni. twitter.com/MercurioPsi/st…

La beffa dei permessi #ZTL non rimborsati è divenuta un rebus irrisolvibile Al caos determinato dai mancati rimborso ai titolari di permesso, causa spegnimento dei varchi, si aggiunge ora una #proroga automatica della scadenza per pochi fortunati #15maggio diarioromano.it/la-beffa-dei-p…

Ovviamente nel far west creato da @AndreaCoiaM5S e @virginiaraggi sono i più deboli a soccombere, ma la sindaca è troppo impegnata a fare propaganda elettorale per accorgersene. twitter.com/rep_roma/statu…

A Casal Monastero hanno appeso diversi striscioni per ricordare alla giunta Raggi che nessuna promessa è stata mantenuta. Il quartiere si sente dimenticato. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - A Casal Monastero hanno appeso diversi striscioni per ricordare alla giunta Raggi che nessuna promessa è stata mantenuta. Il quartiere si sente dimenticato.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/rmvB0llQoz

Possibile che una situazione così vergognosa, meritoria di un commissariamento immediato, non attiri in alcun modo il ministero per le disabilità? Gent. Min. @erikastefani71 non crede sia il caso di aprire con urgenza un fascicolo su Roma? Serve denuncia? Dica dove! twitter.com/MercurioPsi/st…

test Twitter Media - Possibile che una situazione così vergognosa, meritoria di un commissariamento immediato, non attiri in alcun modo il ministero per le disabilità? Gent. Min. @erikastefani71 non crede sia il caso di aprire con urgenza un fascicolo su Roma? 
Serve denuncia? Dica dove! https://t.co/cInypcz4VA https://t.co/LSQB8gcDD2

#Rifiuti e sfalcio delle erbacce: gli errori imperdonabili della Raggi Dal II e dal III Municipio interrompono la narrazione trionfante della giunta #5stelle che tutto risana. Nessuna autocritica dai grillini e tanta ipocrisia dal #Pd 👇📰 diarioromano.it/rifiuti-e-sfal… Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close