Un pesce d’aprile che invece sarebbe proprio quello che serve a Roma

L'Ufficio Mobilità Attiva è stato annunciato per scherzo, come pesce d'aprile, ma se istituito sul serio farebbe fare il necessario salto di qualità a Roma per la mobilità sostenibile. Perché no assessore Patanè?

Ieri, primo di aprile, in molti si sono divertiti a fare pesci d’aprile, con i social che rendono la cosa facile ed efficace.

Abbiamo letto di Calenda che, divenuto presidente del Codacons, ne decide l’immediato scioglimento, di parlamentari di Forza Italia che passano al PD (cosa però tutt’altro che surreale) e poi abbiamo letto il seguente tweet:

 

 

 

Sarà che una cosa del genere la sognamo da anni, sarà che i numeri ci sono apparsi finalmente adeguati, fatto sta che noi l’abbiamo presa per una cosa seria.

Riportati velocemente alla realtà del pesce d’aprile, ci siamo però ricordati di quanto annunciato dall’assessore Patanè agli inizi di marzo:

 

Queste le piste ciclabili che dovrebbero essere revisionate:

  • Gregorio VII
  • Galleria Pasa
  • Tuscolana
  • Prenestina
  • Pineta Sacchetti

 

Ci siamo allora chiesto: quale ufficio dovrà rivedere tutte quelle piste ciclabili?

Non si finirà con l’assegnare il compito alle stesse persone e con le stesse procedure che hanno portato a quelli che sono considerati degli errori (sempre ammesso che lo siano, cosa della quale ci permettiamo di dubitare)?

 

Perché invece non prendere finalmente sul serio la mobilità attiva e assegnarle le risorse necessarie affinché quello che si faccia non debba essere rivisto in continuazione, ma soprattutto raggiunga gli obiettivi prefissati?

E quella che è stata proposta come boutade da pesce d’aprile (ma poi neanche tanto) definisce invece a nostro avviso molto bene da dove un tale ufficio potrebbe partire: dieci tecnici, sia progettisti ma anche comunicatori (la comunicazione di Roma Capitale sulla mobilità attiva è da sempre inesistente!), dieci milioni di euro (qui forse ci si potrebbe accontentare di qualcosa meno) e la competenza anche sui progetti europei.

 

Se l’attuale amministrazione capitolina vuole fare sul serio sulla mobilità alternativa, metta su una struttura del genere di quella suggerita.

Se non lo farà, come tutti i segnali purtroppo fanno credere, si continuerà con interventi  qua e là, ma i risultati saranno sempre men che ottimali. In questo modo la mobilità attiva rimarrà una cosa di nicchia che la gran parte delle persone continueranno a vedere come un qualcosa di avulso da Roma, una roba per pochi eccentrici.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri ultimi Tweets

La movida provoca due problemi: caos e sporcizia in strada. Ecco come risolvere il secondo. La presidente del I Municipio @lorenzabo vuole vietare l’alcol da asporto. Ma c’è un metodo più efficiente: il DRS per il #riciclo di plastica e vetro

Riaperto da questa mattina il Roseto Comunale. Accesso gratuito fino al 16 giugno tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30. Oltre a 1.200 tipologie di rose, un angolo è dedicato al concorso internazionale sulle nuove varietà #fotodelgiorno

Monopattini: lo sharing “alla romana” non sembra funzionare
Le tre società vincitrici del bando lamentano l’eccessiva onerosità delle corse gratuite per gli abbonati Metrebus. Ma perché a Roma non si fa come a Parigi o Milano?

Trenini in Metro: torna la mostra di modellismo ferroviario. Sabato 20, presso la fermata Malatesta della Linea C, immancabile esposizione di cimeli del trasporto e di modelli Dioarami. Dalle 9.30 alle 19.00 #modellismo #trenini #fotodelgiorno

Load More

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria