L'irresponsabile gestione delle manutenzioni negli anni passati ha portato alla scadenza della revisione per la gran parte dei treni della metro A. I prossimi saranno anni difficili

Per spiegarvi seriamente questa storia, dobbiamo partire da una favoletta.

Immaginate di avere un’attività commerciale con 2 furgoni. In realtà solo 1 è indispensabile, ma l’altro è di riserva per quando il primo è fermo per manutenzione, o in casi eccezionali quando dovete trasportare molta merce. A 100.000 km c’è il tagliando obbligatorio (non potete fare 1 solo km in più) e l’officina ci impiega 6 mesi.

Anziché utilizzare i mezzi con avvedutezza, vi piace fare gli spacconi, dare l’impressione di avere tanto lavoro, e girate un giorno con un furgone ed un giorno con l’altro, anche solo per portare un pacchettino. Ad un certo punto un furgone raggiunge i 100.000 km e va in officina, e l’altro ne ha 99.000 di km. Siete in crisi, ma anziché centellinare i residui 1.000 km con la massima attenzione, continuate a largheggiare ed in breve rimanete a piedi. Per mesi.

Per evitare queste situazioni, in Ingegneria si usa un grafico dove tutti i mezzi, messi in ordine, devono avere i km residui sopra una linea di crisi. Se un mezzo si trova sotto la linea, significa che si fermerà quando il mezzo precedente è ancora fermo in manutenzione, e quindi ci saranno più veicoli in officina.

La situazione della Metro A è una cosa del genere (grafico sotto): la maggior parte dei treni ha accumulato lo stesso numero di km e sono quasi tutti arrivati alla scadenza della revisione.

 

 

La questione è ben nota da tempo agli addetti ai lavori, eppure la Metro A ha continuato a macinare km come nulla fosse, anche durante i primissimi mesi della pandemia, quando i vagoni erano pressoché vuoti. Certo, un servizio eccezionale (grafico sotto), l’unico perfettamente in linea con gli obiettivi del Concordato, ma … perché non “rallentare” un po’ e risparmiare preziosi km? Perché non tenersi dei km di riserva per quando sarebbe ripartito tutto, e specialmente per il Giubileo? Mistero. Forse perché veniva prima il Concordato, la propaganda, e molto poi i cittadini?

Qualcuno spieghi, cortesemente.

 

 

Per scongiurare l’imminente blocco della Metro A già nel 2022, il Comune ha dovuto chiedere al MIMS delle proroghe alle revisioni. Ma queste mitigheranno e rimanderanno solo di un po’ il problema. Se tutto andrà nel migliore dei modi, è abbastanza verosimile aspettarsi questo scenario:

  • per tutto il 2023, un calo di servizio almeno del -12%
  • 1° semestre 2024, già da inizio anno un crollo repentino del -50%
  • 2° semestre 2024, un recupero verso -37% a fine anno
  • 1° semestre 2025 – in pieno Giubileo – lento recupero verso il -12% (obiettivo comunque difficile da raggiungere), e poi così fino tutto il 2026. Ritorno alla piena normalità con tutti i treni non prima del 2027.

 

Solo ATAC ed il Comune sanno come stanno esattamente le cose: se il crollo inizierà già nel 2° semestre 2023, se ci sono allo studio ulteriori proroghe straordinarie dal MIMS ed il calo sarà più contenuto. Ma al momento è difficile ipotizzare uno scenario migliore.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Stasera h.20,15 ca. siamo ospiti su @radioromait da @anderboz per parlare dei rifiuti al 6°mun., quelli che vedete nel video di stanotte. Naturalmente scordatevi confronti con @Sabrinalfonsi e/o @gualtierieurope , troppo impegnati in spot elettorali @diarioromano @Luce_Roma Retweeted by diarioromano

A costo di fare la figura delle mosche cocchiere, si direbbe che il sindaco ci legga. Se però la pianta organica dei vigili prevede 8350 unità e oggi sono 5600, a Piantedosi ne deve chiedere 3000 di nuovi agenti, non 1000. E deve cambiare il comandante! tgcom24.mediaset.it/politica/roma-… twitter.com/diarioromano/s…

Il #FascismoStradale mortifica e umilia il cittadino ma in realtà dovrebbe far vergognare l'amministratore. Roma, Monteverde AD2023 #ZeroVision Retweeted by diarioromano

I cassoni scarrabili “apportano un impatto positivo sul decoro urbano” (dal nuovo piano industriale di #AMA) e quindi ne verranno installati altri 100 in giro per Roma. Sui rifiuti grandi progressi, a passo di gambero. @Sabrinalfonsi @gualtierieurope twitter.com/GiuseppeRoma97…

ZERO monitoraggio GPS per i #bus in periferia, non li potete vedere sulle app ANCORA e ANCORA e ANCORA.. (sono le linee in tabella) @QuinziUgo #ATAC #RomaTPL #RomaMobilita @eugenio_patane @moovit_it Retweeted by diarioromano

Voragine in via dei Giordani: tempi lunghi per la riapertura. Domenica un camion dell’Ama ci era finito dentro. I lavori non si concluderanno prima di due mesi. Nel frattempo forti disagi alla circolazione della zona. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Voragine in via dei Giordani: tempi lunghi per la riapertura.
Domenica un camion dell’Ama ci era finito dentro. I lavori non si concluderanno prima di due mesi. Nel frattempo forti disagi alla circolazione della zona.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/IRM2HZpeVZ
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close